Home » News, Regate, Sport » Audi Sailing Series Melges 20: Bela Vita pronto per il Garda

Audi Sailing Series Melges 20: Bela Vita pronto per il Garda

Mancano un paio di giorni alla disputa della quarta tappa del circuito Audi Sailing Series Melges 20. In programma nelle acque di Malcesine, la frazione impegnerà gli equipaggi nel corso dell’intero week end.

Tra gli equipaggi candidati a recitare un ruolo da protagonista, oltre a Thule di Marinelli-Ivaldi, Turnover di Perazzo-Sibello e Let’s Roll di Recchi-Bressani, c’è senza dubbio alcuno quello di Bela Vita, in cerca di quel successo di tappa sfuggito a Scarlino per le note vicende riguardati la cima dell’ancora.

Vicende giunte davanti alla Commissione d’Appello della Federvela che, a breve, dovrebbe esprimersi in merito al ricorso presentato dallo Spring Sailing team. Veloce e competitivo in tutte le situazioni, il Melges 20 di Alessandro Molla sarà come sempre portato dall’armatore-timoniere, dal tattico Niccolò Bianchi e dal trimmer Michele Mennuti.

E’ proprio la solidità del gruppo l’arma in più del team, come spiega lo stesso Molla: “Da inizio stagione non abbiamo sottoposto la barca a particolari interventi: già a Napoli ci siamo resi conto di essere veloci e di avere le carte in regola per puntare a cavarci qualche bella soddisfazione.

Credo che il nostro punto di forza sia rappresentato dall’ottimo feeling che si è creato a bordo: sono due stagioni che regatiamo insieme e le lunghe sessioni di allenamento vissute durante l’inverno sono servite a prendere confidenza con il mezzo e ad amalgamarci al meglio”.

Utili, ai fini prestazionali, si sono rivelati il costante lavoro di messa a punto e i profili forniti dalla Quantum Sails: “Delle vele siamo davvero soddisfatti: dopo la consegna hanno avuto bisogno unicamente di ritocchi minimi e si sono rivelate da subito velocissime – illustra Molla – La vera sorpresa è stato il gennaker AP Max, che ci ha garantito un vero e proprio cambio di passo alle portati”.

Dopo Malcesine i team sono attesi da una lunga sosta che li condurrà all’Europeo di Venezia: “Sarà un evento importante, che vogliamo affrontare al top della forma con l’obiettivo di lottare per il successo – continua Molla – Certo, non sarà facile: tra le boe troveremo il meglio del movimento Europeo, ma le sfide semplici non hanno certo lo stesso fascino”.

L’Europeo “veneziano” sarà il penultimo impegno di una stagione destinata a chiudersi in quel di Miami. Appare ormai scontata, infatti, la partecipazione di Bela Vita al Mondiale in programma in Florida verso la metà di dicembre: “Siamo ancora in fase di work in progress, ma la decisione ormai è presa – conclude il timoniere di ITA-125 – Grazie a uno dei nostri sponsor che si occupa di spedizioni internazionali, la NHL, stiamo programmando il trasferimento della barca per le settimane immediatamente successive la conclusione dell’Europeo di Venezia.

In vista dell’appuntamento clou della stagione, che ci vedrà al via forti di un gioco di vele fiammanti, continueremo ad allenarci con costanza e dedizione”. Prima però, occhi puntati su Malcesine dove, a partire dalle 12.00 di sabato, sarà ancora Audi Sailing Series Melges 20. Il Comitato di Regata spera nell’alternarsi tra Peler e Ora per portare a termine un totale di sei prove, con un limite massimo di tre al giorno. Uno scarto sarà conteggiato solo in caso di serie completa.

Foto: Renato Tebaldi

Leggi anche:

  1. Audi Sailing Series Melges 20: Bela Vita pronto per il riscatto
  2. Audi Sailing Series Melges 20: Bela Vita tra rammarico e soddisfazione
  3. Audi Sailing Series Melges 20: Bela Vita secondo dopo tre prove
  4. Audi Melges 20 Sailing Series: Bela Vita a Scarlino proveranno a migliorarsi
  5. Audi Melges 20 Sailing Series: lo Spring Sailing Team chiude al sesto posto

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2175

Scritto da Redazione su giu 30 2011. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab