peyrani
Home » News, Regate, Sport » Campionato Europeo Dragoni: vince il danese Jens Christensen

Campionato Europeo Dragoni: vince il danese Jens Christensen

Con soli 22 punti di separazione tra il primo e il quinto alla fine della sesta regata, era chiaro che il titolo Europeo classe Dragone si sarebbe deciso nella settima ed ultima prova corsa ieri nelle acque di Boltenhagen in Germania.

E così è stato a conferma del detto che dice “non è finita finché non è finita!”. All’ultima partenza data con Bandiera Nera, Jens Christensen, al timone di DEN-399, partiva in boa insieme a Edward “Ted” Sawyer, USA-310, con alla tattica Martin “Stavros” Payne.

Aspettandosi un “buono” a destra, sia Markus Wieser, il leader della classifica, che Ted Sawyer, viravano a metà della prima bolina e continuavano la loro corsa verso la destra del campo incrociando con mure a sinistra la flotta dei 70 Dragoni che risaliva di bolina con mure a destra. Jens, al contrario, sentendo di avere più aria a sinistra, rimaneva con mure a dritta, e a sinistra del campo, fino ad arrivare in layline.

È stata questa decisione tattica a capovolgere le sorti di un Campionato Europeo che sembrava già deciso e a negare a Markus Wieser il suo 4° titolo di campione Europeo. Da notare che le tre barche che si sono aggiudicate le prime tre posizioni, avevano nel loro bagaglio di punti un BFD preso alla prima prova, a conferma del detto di cui sopra e del fatto che non bisogna mai disperare o mai pensare di aver vinto fino all’ultima prova!

La classifica della decisiva ultima prova, vedeva 1° Jens Christensen. DEN-399, 2° Dirk Oldenburg, su GER-1014, e 3° Helmut Schmidt, su GER-1071. Evgeny Braslavetz, il vincitore del Campionato Internazionale Open Italiano a Sanremo nel marzo di quest’anno, arrivava 4° superando, in classifica generale Tommy Mueller che su GER-1096 arrivava solo in 55esima posizione, e, pertanto, aggiudicandosi la terza posizione del podio.

Altri favoriti, come il grande Anatoly Loginov, o Gavia Wilkinson-Cox, vincitrice di tanti trofei, o il plurimedagliato Lars Hendriksen non riuscivano ad imporsi e alla fine si dovevano accontentare rispettivamente della 17°, 38° e 9° posizione.

Se vogliamo guardare i materiali, il nuovo campione Europeo era al timone di una barca del cantiere Petticrows, e aveva vele North, mentre Wieser e Braslavetz, timonavano dei Royal Dragon con vele Fritz, e il 4° arrivato, Tommy Mueller con a bordo il team dei sogni, Vincent Hoesch e Miki Lipp, timonava un Petticrows con vele Fritz. Da notare inoltre che Martin Palsson, SWE-341, che aveva dominato per 5 prove su 7, aveva a bordo un equipaggio tutto Corynthian!

A mio parere la classifica dell’Europeo 2011 dimostra tre cose: 1°/ La mano del timoniere o il manico e un equipaggio affiatato sono fattori tra i più importanti se non i più importanti in assoluto; 2° Le vele o il cantiere della barca contano solo se al timone c’è un “manico” di valore; 3° la classe Dragone è una classe “democratica”, ovvero anche i bravi hanno i loro momenti negativi e i “piccoli” hanno il loro momento di gloria, vedi il caso di Ted Sawyer che è arrivato 10° in classifica generale alla bella età di 78 anni!

Due ultime parole per complimentare il team di Manuela Libor, che ha gestito tutta l’organizzazione con mani esperte e moltissimo “savoir faire”, e per dire che Boltenhagen ha una posizione logistica invidiabile. In effetti, a Boltehagen c’è la possibilità, unica nel suo genere, di essere in acqua e sulla linea di partenza in meno di 20 minuti dal momento in cui si lascia l’albergo. Un arrivederci agli Europei 2012 sul lago Attersee in Austria e di sicuro a Boltenhagen per il German Grand Prix di grado 1 dell’anno prossimo.

VIDEO: http://www.youtube.com/intdragon
FOTO: www.segel-bilder.de

Leggi anche:

  1. Campionato Europeo Classe Dragoni: le regate a Boltenhagen
  2. Coppa d’oro Eduardo Pepe: vince Tergeste
  3. Tra i Dragoni lotta aperta tra Ucraina e Italia
  4. I Dragoni tornano a Napoli dal 30 giugno
  5. Campionato Europeo X-35 a Punta Ala: Day 2

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2413

Scritto da Redazione su lug 9 2011. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab