peyrani
Home » News, Regate, Sport » Campionato Europeo Dragoni: vince il danese Jens Christensen

Campionato Europeo Dragoni: vince il danese Jens Christensen

Con soli 22 punti di separazione tra il primo e il quinto alla fine della sesta regata, era chiaro che il titolo Europeo classe Dragone si sarebbe deciso nella settima ed ultima prova corsa ieri nelle acque di Boltenhagen in Germania.

E così è stato a conferma del detto che dice “non è finita finché non è finita!”. All’ultima partenza data con Bandiera Nera, Jens Christensen, al timone di DEN-399, partiva in boa insieme a Edward “Ted” Sawyer, USA-310, con alla tattica Martin “Stavros” Payne.

Aspettandosi un “buono” a destra, sia Markus Wieser, il leader della classifica, che Ted Sawyer, viravano a metà della prima bolina e continuavano la loro corsa verso la destra del campo incrociando con mure a sinistra la flotta dei 70 Dragoni che risaliva di bolina con mure a destra. Jens, al contrario, sentendo di avere più aria a sinistra, rimaneva con mure a dritta, e a sinistra del campo, fino ad arrivare in layline.

È stata questa decisione tattica a capovolgere le sorti di un Campionato Europeo che sembrava già deciso e a negare a Markus Wieser il suo 4° titolo di campione Europeo. Da notare che le tre barche che si sono aggiudicate le prime tre posizioni, avevano nel loro bagaglio di punti un BFD preso alla prima prova, a conferma del detto di cui sopra e del fatto che non bisogna mai disperare o mai pensare di aver vinto fino all’ultima prova!

La classifica della decisiva ultima prova, vedeva 1° Jens Christensen. DEN-399, 2° Dirk Oldenburg, su GER-1014, e 3° Helmut Schmidt, su GER-1071. Evgeny Braslavetz, il vincitore del Campionato Internazionale Open Italiano a Sanremo nel marzo di quest’anno, arrivava 4° superando, in classifica generale Tommy Mueller che su GER-1096 arrivava solo in 55esima posizione, e, pertanto, aggiudicandosi la terza posizione del podio.

Altri favoriti, come il grande Anatoly Loginov, o Gavia Wilkinson-Cox, vincitrice di tanti trofei, o il plurimedagliato Lars Hendriksen non riuscivano ad imporsi e alla fine si dovevano accontentare rispettivamente della 17°, 38° e 9° posizione.

Se vogliamo guardare i materiali, il nuovo campione Europeo era al timone di una barca del cantiere Petticrows, e aveva vele North, mentre Wieser e Braslavetz, timonavano dei Royal Dragon con vele Fritz, e il 4° arrivato, Tommy Mueller con a bordo il team dei sogni, Vincent Hoesch e Miki Lipp, timonava un Petticrows con vele Fritz. Da notare inoltre che Martin Palsson, SWE-341, che aveva dominato per 5 prove su 7, aveva a bordo un equipaggio tutto Corynthian!

A mio parere la classifica dell’Europeo 2011 dimostra tre cose: 1°/ La mano del timoniere o il manico e un equipaggio affiatato sono fattori tra i più importanti se non i più importanti in assoluto; 2° Le vele o il cantiere della barca contano solo se al timone c’è un “manico” di valore; 3° la classe Dragone è una classe “democratica”, ovvero anche i bravi hanno i loro momenti negativi e i “piccoli” hanno il loro momento di gloria, vedi il caso di Ted Sawyer che è arrivato 10° in classifica generale alla bella età di 78 anni!

Due ultime parole per complimentare il team di Manuela Libor, che ha gestito tutta l’organizzazione con mani esperte e moltissimo “savoir faire”, e per dire che Boltenhagen ha una posizione logistica invidiabile. In effetti, a Boltehagen c’è la possibilità, unica nel suo genere, di essere in acqua e sulla linea di partenza in meno di 20 minuti dal momento in cui si lascia l’albergo. Un arrivederci agli Europei 2012 sul lago Attersee in Austria e di sicuro a Boltenhagen per il German Grand Prix di grado 1 dell’anno prossimo.

VIDEO: http://www.youtube.com/intdragon
FOTO: www.segel-bilder.de

Leggi anche:

  1. Campionato Europeo Classe Dragoni: le regate a Boltenhagen
  2. Coppa d’oro Eduardo Pepe: vince Tergeste
  3. Tra i Dragoni lotta aperta tra Ucraina e Italia
  4. I Dragoni tornano a Napoli dal 30 giugno
  5. Campionato Europeo X-35 a Punta Ala: Day 2

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2413

Scritto da Redazione su lug 9 2011. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab