Home » News, Regate, Sport » RS Feva World Championship: inglesi sugli scudi, poi tanta Italia

RS Feva World Championship: inglesi sugli scudi, poi tanta Italia

Quello disputato a Brunisse nel corso della settimana appena conclusa è stato un Campionato del Mondo particolarmente complicato per i giovani specialisti della classe RS Feva.

L’estrema instabilità delle condizioni meteo ha infatti messo a dura prova la sensibilità e la concentrazione dei binomi impegnati nelle acque olandesi, dove a farla da padrone sono state le continue oscillazioni della brezza e il susseguirsi dei cambi di marea.

Condizioni difficili, interpretate al meglio dalla squadra britannica che, al termine delle undici prove disputate, ha festeggiato il successo assoluto di Matthew Whitfield e Scott Wallis (pt. 23) e le piazze d’onore di Bowermann-Darling (pt. 35) e Baddeley-Taylor (pt. 41).

Con il podio a totale appannaggio dei british, capaci di piazzare altri tre equipaggi nella top ten, grande è stata la battaglia tra gli avversari per ritagliarsi uno spazio tra i primi dieci, risultato da considerarsi di tutto rispetto, specie se valutato alla luce degli oltre centosessanta scafi iscritti.

Ed è in questo frangente che ad esaltarsi sono stati i team italiani, rientrati dalla lunga trasferta olandese con la conquista della sesta, ottava e nona piazza, andate tutte a rappresentanti del Circolo Vela Toscolano Maderno. Migliori dei nostri sono risultati Matteo Pilati e Mattia Duchi, finiti sesti in conclusione di una partecipazione che li ha visti imporsi in una delle prove valide per la serie finale. Una soddisfazione, quella del circolo affacciato sul Golfo di Salò, amplificata dall’ottava piazza di Stocchero-Sanchez e dalla nona di Bergamo-Dubbini.

Sorrisi anche per le vincitrici della prima tappa del Circuito Nazionale, Camilla e Giorgia Angiolini (Associazione Nautica Sebina), finite undicesime a pari punti con le decime. Trasferta avara di soddisfazioni per i campioni nazionali Andrea Francesca Dell’Ora e Gianluca Virgenti (Circolo Vela Gargnano) che, pur entrati nella Gold Fleet, hanno faticato più del previsto ad esprimersi ai livelli raggiunti solo qualche settimana fa in occasione del Campionato Nazionale disputato sul Lago d’Iseo e si sono dovuti accontentare della ventitreesima posizione finale.

Oltre alla buona performance complessiva, la delegazione azzurra ha avuto modo di gioire anche per la conquista della Nation Cup, trofeo assegnato dopo la disputa di tre mini-bastoni che hanno visto impegnato un equipaggio per nazione determinato dall’esito di un sorteggio. Per l’Italia hanno regatato, e vinto tutte e tre le prove, Leonardo Stocchero e Giorgia Angiolini.

Con il Campionato del Mondo passato in archivio e le vacanze estive in rapido avvicinamento, la classe RS Feva italiana si è data appuntamento a Venezia dove, tra il 3 e il 6 settembre, si disputerà il Campionato Italiano Under 16.

Foto: Mara Trimeloni

Leggi anche:

  1. RS Feva World Championship: da oggi si regata in Olanda
  2. Campionato Italiano RS Feva: il titolo è dei gardesani Dell’Ora-Virgenti
  3. Associazione Italiana RS Feva: Al via il Campionato Italiano RS Feva su Lago d’Iseo
  4. ORCi World Championship: Man a Cherso da osservato speciale
  5. Associazione Italiana RS Feva: a Voltri la spuntano Abergo-Costini

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2985

Scritto da Redazione su ago 1 2011. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

1 Commento per “RS Feva World Championship: inglesi sugli scudi, poi tanta Italia”

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab