Home » News, Regate, Sport » Volvo Ocean Race cambia rotta per il rischio pirateria

Volvo Ocean Race cambia rotta per il rischio pirateria

Il rischio di attacchi da parte dei pirati costringe la Volvo Ocean Race a cambiare la propria rotta. Gli organizzatori della famosa regata, su indicazione della Federazione internazionale della vela (Isaf) e della Dryad Maritime, società specializzata in sicurezza marittima, hanno scelto di modificare il percorso per evitare il rischio pirateria: troppo pericoloso navigare nel corridoio di mare dell’Africa orientale, nell’Oceano Indiano.

Hanno deciso dunque di modificare la seconda e la terza tappa, da Città del Capo ad Abu Dhabi e da Abu Dhabi a Sanya, in Cina. «È stata una decisione terribilmente dura da prendere – spiega il direttore generale della Volvo Ocean Race, Knut Frostad – ma abbiamo consultato i maggiori esperti in sicurezza marittima e commerciale e quello che ci hanno detto non avrebbe potuto essere più chiaro».

Le barche navigheranno da Città del Capo verso un porto sicuro (il cui nome per ora non sarà divulgato) per poi essere trasportate verso un approdo vicino ad Abu Dhabi, da dove riprenderanno il mare. Stessa decisione anche per la terza tappa, prima che la flotta prosegua per Sanya.

«In questo modo la regata arriverà comunque ad Abu Dhabi, dove si correrà anche la prevista in-Port race – aggiunge Frostad -. Avremo una tappa corta ma molto interessante verso l’emirato, dove arriveremo in concomitanza del Capodanno».

Francesca Cuomo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Brindisi cambia volto
  2. Carthago Dilecta Est-Tunisie Sailing Week 2011: la rotta
  3. Regate sotto il tiro dei pirati
  4. Rolex Volcano Race: DSK Pioneer Investments chiude secondo
  5. Rolex Volcano Race: domani il via con l’incognita meteo

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=3386

Scritto da Francesca Cuomo su ago 18 2011. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab