peyrani
Home » News, Regate, Sport » ASSA ABLOY fra i “giovani” della Legends Regatta

ASSA ABLOY fra i “giovani” della Legends Regatta

ASSA ABLOY 2, il Volvo Ocean 60 che nell’edizione 2001-02 della Volvo Ocean Race quando era condotto da Neal McDonald ottenne un brillante secondo posto, sarà rappresentato alla Legends Regatta and Reunion dalla barca gemella ASSA ABBLOY 1.

Entrambi gli ASSA ABLOY furono costruiti dal cantiere Green Marine di Lymington sulla costa meridionale dell’Inghilterra su uno stampo femmina, per fare in modo che i due scafi fossero perfettamente identici e la scelta della barca per il giro del mondo cadde su ASSA ABLOY 2.

Jason Carrington si occupò della costruzione e fece anche parte dell’equipaggio di ASSA ABLOY 2. Dieci anni più tardi, Carrington è stato responsabile della costruzione di Azzam che corre per i colori dell’Abu Dhabi Ocean Racing nella Volvo Ocean Race 2011-12.

La distintiva livrea giallo oro, il colore del Kevlar utilizzato per lo scafo era visibile attraverso uno strato esterno di vernice lucida e la grafica molto originale partecipò anche al concorso internazionale di Art Direction and Design di Londra.

Dell’equipaggio di ASSA ABLOY 2 faceva parte anche il testimonial della Legends Magnus Olsson, che aveva preso parte a altre quattro edizioni precedenti e aveva ricoperto il ruolo di timoniere su EF Language che vinse la regata precedete con skipper Paul Cayard. “Prima della partenza il navigatore Mark Rudiger, anch’egli veterano della campagna vincente di Cayard disse: “sappiamo di avere una buona barca e un grande team.”

ASSA ABLOY 1  fu ribattezzato Ambersail nel 2008 e da allora ha navigato molto, coprendo oltre 100.000 miglia. Ha circumnavigato il pianeta nel 2008-09 per commemorare il millesimo della fondazione del suo nuovo stato, la Lituania (www.1000odiseja.lt).

Con un equipaggio composto totalmente di velisti lituani, Ambersail ha preso parte a molte regate d’altura fra cui la Sevenstar Round Britain and Ireland, il RORC Caribbean 600, la Transatlantic, il Fastnet e la Middle Sea Race. Sebbene abbia una certa età e non sia stata disegnata per correre in tempo compensato, ancor oggi porta scompiglio in flotte più moderne.

Il numero di partecipanti alla Volvo Ocean Race Legends Regatta and Reunion continua a crescere e la lista finale degli iscritti verrà confermata a metà ottobre.

 

 

 

 

 

Foto:  www.yachtingworld.com

ASSA ABLOY
Armo: Sloop
Progetto: Farr Yacht Design
Lunghezza fuori tutto: 64’ (19.5m)
Equipaggio: 12 persone
Concluse al secondo posto nell’edizione 2001-02
Tempo impiegato: 127.11
Skipper: Roy Heiner (prima tappa)/Neal McDonald

A oggi hanno confermato la loro partecipazione alla Volvo Ocean Race Legends Regatta and Reunion
1.    Copernicus 1973-74 (45’ la più piccola barca della storia della regata)
2.    Great Britain II/Whitbread Heritage (Maxi) partecipò a tutte le prime cinque edizioni
3.    Rothmans 1989-90 (Maxi sloop)
4.    Berge Viking 1981-82 (Swan 57)
5.    Charles Jourdan 1989-90 (Maxi sloop)
6.    Steinlager 2 1989-90 (Maxi Ketch)
7.    Gauloises III 1981-82 (62’ Sloop) portato dall’equipaggio di Grand Louis/Japy-Hermes e Kriter IX
8.    Traité de Rome 1977-78 and 1981-82 (sloop in alluminio 51’)
9.    Adventure/Dasher 1973-74 and 1977-78 (Nicholson 55)
10.  Tauranga 1973-74 (yawl Sparkman & Stephens Swan 55)
11.  ASSA ABLOY/Ambersail 2001-02 (Volvo Ocean 60)

Leggi anche:

  1. La flotta della Volvo Ocean Race ad Alicante
  2. Mike Sanderson rinuncia alla qualifica della Volvo Ocean Race: operato d’urgenza
  3. Una Maxi al massimo
  4. Maxi Yacht Rolex Cup 2011: torna in Costa Smeralda lo spettacolo dei maxi
  5. Volvo Ocean Race cambia rotta per il rischio pirateria

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4469

Scritto da Redazione su ott 4 2011. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab