peyrani
Home » News, Regate, Sport » Alain Gabbay ambasciatore della Volvo Ocean Race Legends Regatta

Alain Gabbay ambasciatore della Volvo Ocean Race Legends Regatta

Lo skipper Alain Gabbay, che prese parte a tre edizioni della Whitbread Round the World Race è l’ultimo ambasciatore della Volvo Ocean Race Legends Regatta and Reunion. Il navigatore francese sarà a bordo di Charles Jourdan, il maxi superleggero che, ai suoi comandi, finì sesto nella Whitbread del 1989-90.

Nato nel 1954 in Egitto, Alain Gabbay arrivò in Francia a otto anni, quattro anni dopo per caso ricevette in premio un corso di vela, e dal quel momento cominciò la sua lunga storia d’amore per il mare.

Nel 1973-74, Gabbay chiese a Eric Tabarly se potesse far parte del suo equipaggio per la prima edizione della Whitbread. “Sei troppo giovane per fare il giro del mondo” fu la risposta dell’eroe oceanico francese. Malgrado ciò i due velisti rimasero sempre molto vicini.

Gabbay non si perse d’animo, voleva assolutamente partecipare alla regata e per fare esperienza nel 1976 partecipò alla Trans-Atlantic Race, il più giovane partecipante della flotta.

Due anni dopo, il suo sogno si avverò, all’età di soli 23 anni divenne lo skipper di 33 EXPORT per la seconda edizione della Whitbread, che concluse al decimo posto e dove si tolse la soddisfazione di vincere il premio Neptune d’Or assegnato al miglior skipper.

La Whitbread divenne una sorta di droga per Gabbay, che non appena sceso a terra cominciò a lavorare per la campagna successiva. Voleva una barca nuova, questa volta, una che potesse confrontarsi con i migliori team della terza edizione.

La sua determinazione fu ripagata, riuscì infatti ad ottenere i fondi necessari dal produttore di champagne Charles Heidsieck. E combattè una battaglia lunga un giro contro Conny van Rieschoten e il suo Swan 65 Flyer, finendo però secondo. Fu una sconfitta bruciante che lo lasciò tuttavia con una determinazione maggiore che mai.

La sua ultima regata intorno al mondo fu nel 1989-90 al comando di Charles Jourdan. Malgrado una collisione con una balena nei mari del sud, che focalizzò l’attenzione dei media globali, riuscì comunque a finire sesto overall.

Oggi Alain Gabbay regata ancora per piacere, ma dedica la maggior parte del suo tempo alla gestione del suo cantiere di La Ciotat, nella Francia meridionale. Se gli chiedete cosa abbia significato per lui la Whitbread vi risponderà asciutto: “Una magia, nient’altro!”

Leggi anche:

  1. Volvo Ocean Race Legends Regatta: ritornano anche i campioni francesi
  2. La battaglia ricomincia: anche Fisher & Paykel alla Legends Regatta
  3. Saluti reali per la regata di qualifica della Volvo Ocean Race
  4. ASSA ABLOY fra i “giovani” della Legends Regatta
  5. La flotta della Volvo Ocean Race ad Alicante

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4700

Scritto da Redazione su ott 13 2011. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 11 N°3

BRINDISI - In quest’ultimo numero del 2016, Il Nautilus dedica il suo speciale ai porti del Nord Sardegna che registrano traffici in crescita e allo stesso tempo si trasformano migliorando le infrastrutture. Livorno, Genova e Trieste sono al centro degli altri focus in cui si evidenziano i risultati e le nuove strategie degli scali. I risultati del settore crocieristico a livello nazionale ed internazionale emergono dagli studi di Clia e Risorse Turismo; poi come il Decreto Cociancich rivoluziona il Registro Navale Italiano; la politica dei sinistri marittimi; ed ancora i porti di Napoli e Taranto sono gli argomenti trattati in questo numero.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab