peyrani
Home » News, Regate, Sport » Ultima settimana di preparativi in vista del debutto della Volvo Ocean Race

Ultima settimana di preparativi in vista del debutto della Volvo Ocean Race

L’aria si fa elettrica sulle banchine di Alicante quando manca una settimana all’inizio delle ostilità di quella che appare come la più competitiva edizione Volvo Ocean Race mai corsa nei 38 anni della sua storia.

Primo appuntamento ufficiale per i sei team sarà la Iberdrola In-Port Race, una regata su percorso breve nella baia di Alicante, in programma per il prossimo 29 ottobre. Dopo lunghi mesi di preparazione e di allenamento barche ed equipaggi si metteranno alla prova per il primo test che assegna punti validi per la classifica.

La partenza è prevista per le due del pomeriggio. A poco più di una settimana, quindi, fervono gli ultimi preparativi per Team Sanya, Abu Dhabi Ocean Racing, CAMPER with Emirates Team New Zealand, Team Telefónica, Groupama sailing team e PUMA Ocean Racing powered by BERG.

Secondo lo skipper statunitense Ken Read, che guida il team PUMA Ocean Racing: “E’ tempo di iniziare lo show, due anni di preparazione e ormai ci siamo. Siamo pronti. C’è aria di attesa nel team, è un momento importante nella nostra vita. Devo ricordami, di tanto in tanto, di fermarmi, guardarmi intorno e cogliere l’importanza della cosa perché non si è mai certi che un’opportunità come questa possa tornare a ripresentarsi.”

Il francese Franck Cammas, skipper di Groupama 4, si dice ansioso di vedere la competizione all’opera: “Non vedo l’ora che arrivi il primo confronto fra le barche, siamo tutti qui per lo stesso motivo, ed è quello che amiamo fare. Ci sarebbe piaciuto avere più tempo per allenarci con gli altri team, ma le regole sono regole. Approfitteremo della In-port race e dei primi giorni della prima tappa per farlo.”

Il formato della Volvo Ocean Race prevede che si assegnino punti sia nelle regate In-port che nelle tappe offshore, nelle costiere i team potranno aggiudicarsi il 18% dei punti totali. Gli altri punti verranno distribuiti sulle nove tappe, che vedranno le sei squadre navigare su oltre 39.000 miglia sugli oceani del pianeta. Il team che avrà accumulato il maggior numero di punti nel corso dei nove mesi di gara potrà mettere le mani sul prestigioso Volvo Ocean Race Trophy.

“Sono certo che i team sono nervosi, ma per noi a terra sarà molto divertente” dice Knut Frostad CEO della Volvo Ocean Race e che ha preso parte ben quattro volte alla regata. “E’ tutto pronto, abbiamo solo bisogno che la meteo sia dalla nostra parte, speriamo che ci siano tanto sole e tanto vento. Ci sarà tantissimo pubblico al Race Village, la competizione sarà molto intensa. Da non perdere.”

L’azione in mare sarà pari a quella a terra, dove ci si aspetta che siano migliaia i visitatori che approfitteranno delle attrazioni del Race Village fra cui il cinema 3D, un simulatore che fa vivere le sensazioni di viaggiare a 25 nodi di velocità su un Volvo Open 70 at 25 knots, la sfida di forza ai verricelli o ancora una zona completamente dedicata ai più piccoli.

Dopo la cerimonia di premiazione della Iberdrola In-port race, che è prevista per le quattro del pomeriggio, il pubblico potrà assistere anche al concerto della cantante svedese September from 2330.

Nella settimana successiva, dall’1 al 5 novembre, Alicante si animerà ancor più con la Legends Regatta and Reunion, l’evento che riunirà velisti di oltre 60 equipaggi del passato e 15 imbarcazioni che hanno preso parte alle precedenti edizioni della Volvo Ocean Race/Whitbread Round the World Race. Saranno anche questi scafi e velisti veterani ad accompagnare il 5 novembre i sei team in gara alla linea di partenza della prima tappa, 6.500 miglia da Alicante fino a Città del Capo, in Sudafrica.

Foto: Ian Roman/Volvo Ocean Race

Leggi anche:

  1. Saluti reali per la regata di qualifica della Volvo Ocean Race
  2. Volvo Ocean Race: la principessa Letizia di Spagna madrina di Telefónica
  3. La flotta della Volvo Ocean Race ad Alicante
  4. Mike Sanderson rinuncia alla qualifica della Volvo Ocean Race: operato d’urgenza
  5. Volvo Ocean Race cambia rotta per il rischio pirateria

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4854

Scritto da Redazione su ott 21 2011. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 11 N°2

BRINDISI - Uno speciale su porto di Venezia, dagli accordi internazionali con Tianjin e Rostock alla crescita dei traffici grazie alla “cita del ferro”, è tra gli argomenti di questo nuovo numero della rivista Il Nautilus. All’interno anche i porti del Nord Sardegna in continua crescita sul fronte dei passeggeri. A cura di Stefano Carbonara, le ultime novità sul pronunciamento dell’Aja nell’arbitrato delle Filippine. Poi i dati Nomisma sul porto di Genova, l’autostrada del mare di Livorno verso Fujairah, l’adeguamento dei porti rispetto alla pesatura dei container e la piattaforma di Vado Ligure finanziata dall’Unione europea. Infine i costi dei porti green, da Adriatic Sea Tourism Report un focus sui porti dell’Adriatico, l’importanza dell’acquacoltura, il piano regolatore di Salerno e le gare di motonautica che si sono svolte a Brindisi a luglio.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2016 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab