peyrani
Home » News, Regate, Sport » L’Esprit d’Equipe vince la Legends Regatta sul filo di lana

L’Esprit d’Equipe vince la Legends Regatta sul filo di lana

In un finale incredibile lo scafo francese L’Espirit d’Equipe, vincitore dell’edizione 1985/86 ha battuto il velocissimo VO70 spagnolo Telefónica Black di soli 21 secondi, aggiudicandosi così la vittoria nella Volvo Ocean Race Legends Regatta and Reunion, cui hanno preso parte 16 scafi storici che hanno fatto la storia delle dieci edizioni del giro del mondo a vela.

Dopo che a causa del vento debolissimo gli organizzatori si sono visti costretti ad annullare la prima regata di ieri, le condizioni meteo per il secondo e decisivo giorno non avrebbero potuto essere migliori, con le barche impegnate su un percorso costiero di circa 22 miglia spinte da una brezza intensa, che a tratti ha raggiunto i trenta nodi di intensità.

Sarà dunque Lionel Peán skipper di L’Espirit d’Equipe questa sera in occasione della cena di gala a ricevere il prestigioso Sir Peter Blake Trophy, un trofeo del 1926 prodotto dagli argentieri inglesi  Atkins Brothers. Il premio verrà consegnato da Lady Pippa Blake in onore e ricordo del suo compianto marito, Sir Peter Blake, che partecipò alle prime cinque edizioni della  Whitbread Round the World Race e che a bordo Steinlager 2. si aggiudicò tutte le tappe dell’edizione 1989-90.

Lionel Péan, non appena sceso a terra ha dichiarato: “Una giornata stupenda per navigare, con una brezza che è arrivata fino a trenta nodi sulla raffica. Abbiamo anche scoppiato uno spi. Sapevamo che sarebbe stata una lotta serrata contro le barche più moderne. E infatti siamo riusciti a vincere solo per 21 secondi. Credo che sia positivo per l’evento che abbia vinto una barca “vecchia” di quasi trent’anni fa. Sono stati  un giorno e un evento bellissimi, e abbiamo vissuto intensamente la regata a bordo di l’Esprit d’Equipe…”

La Legends Regatta è il più grande raduno di barche che hanno fatto la storia dei 38 anni della Volvo Ocean Race. Durante l’evento, che ha avuto luogo prima della partenza della prima tappa della Volvo Ocean Race 2011-12 da  Alicante a Città del Capo, che è in programma per il prossimo sabato 5 novembre, sono stati oltre 600 i velisti del passato che hanno raggiunto Alicante dai quattro angoli del globo, per condividere vecchi ricordi e amicizie.

Nella città spagnola sono giunti per l’occasione anche sette dei testimonial dell’evento: Lady Pippa Blake; Tracy Edwards MBE; Magnus Olsson; Skip Novak; Pierre Fehlmann; Alain Gabbay e Juan Vila. Mentre il mitico Sir Chay Blyth non ha potuto essere presente a causa di un incidente avvenuto poco prima dell’appuntamento.

Prossimo rendez-vous per le affascinanti barche storiche sabato 5, giorno in cui le “vecchie glorie” dopo una parata, accompagneranno i sei team impegnati nella Volvo Ocean Race verso la linea di partenza.

Nella foto: L’Esprit d’Equipe – Paul Todd/Volvo Ocean Race

Le classifiche complete della regata:

1. L’Esprit d’Equipe 16:32:45
2. Telefónica Black 16:33:06
3. Charles Jourdan 16:36:34
4. Assa Abloy 16:37:56
5. Heineken 16:38:59
6. Rothmans 16:40:19
7. Berge Viking 16:40:41
8. Green Dragon 16:40:47
9. King’s Legend 16:41:03
10. Fisher & Paykel 16:44:03
11. Dasher 16:46:53
12. Tauranga 17:01:50
13. Steinlager 17:07:08
14. GB II Whitbread Heritage – ritirato
15. Tyco – ritirato
16. Gauloises III  – ritirato

Foto: Paul Todd

Leggi anche:

  1. Le barche da leggenda pronte per la Legends
  2. Volvo Ocean Race Legends Regatta: i magnifici quindici
  3. Volvo Ocean Race Legends Regatta: ritornano anche i campioni francesi
  4. La battaglia ricomincia: anche Fisher & Paykel alla Legends Regatta
  5. ASSA ABLOY fra i “giovani” della Legends Regatta

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=5094

Scritto da Redazione su nov 3 2011. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab