Home » News, Regate, Sport » L’ATLANTICO CON OXYGENE: equipaggio giovanissimo ma esperto e barca ad impatto ambientale 0

L’ATLANTICO CON OXYGENE: equipaggio giovanissimo ma esperto e barca ad impatto ambientale 0

Solo undici giorni al via, dopo di che vento, mare e miglia saranno protagonisti.  La ARC Inizia il 20 novembre 2011 con piu di 200 barche iscritte che partono da Gran Canaria per un percorso lungo la rotta degli alisei di 2.700 miglia, per finire a S Lucia (Antille). Oxygenesail è già protagonista affermandosi la barca regatante più piccola, è infatti un x362 di 10.70 metri.

L’equipaggio, giovanissimo, conta 4 velisti tra cui Tommaso Cerulli Irelli (capitano) e Matteo Miceli,velista con grande esperienza in navigazione oceanica, che si prepara al giro del mondo in solitaria su Class40.

“Un particolare ringraziamento va a Flexyenergy che ci da l’opportunità di avere una barca pulita e di lanciare un messaggio universale, e a katadin, sponsor tecnico che fornendoci dissalatori ci offre un vantaggio in termini di peso” dice il comandante, ringraziando anche Green-network, la quale partnership subentrata a fine settembre ha rappresentato un punto di svolta.

La preparazione, lunga tre mesi, ha messo a dura prova l’equipaggio che, anche grazie al trasferimento della barca, ha avuto modo di testare i precari equilibri psicologici che può creare la lontananza dalla terra ferma, lo spazio ristretto e una forte interdipendenza tra uomini, tutti elementi critici fondamentali in una traversata oceanica.

Punto forte, e innovativo, è la comunicazione che oxygenesail ha programmato. A terra, una squadra è pronta a ricevere le comunicazioni e il diario di bordo, che arrivano via satellite e vengono snistate attraverso un Network di siti “amici” come quelli del CircoloVelicoVentotene.com e Sapienzavela.eu che garantisce visibilità all’interno del vasto mondo universitario romano.

Scopo non ultimo è quello di coinvolgere tutti gli amici rimasti a terra, dando loro modo di vivere le emozioni dell’oceano attraverso serate presso l’Archivio 14, sede culturale dell’associazione. Gli incontri iniziano attraverso una comunicazione con l’equipaggio che fornendo informazioni su posizione, onda, vento e situazione a bordo, dà inizio ad uno scambio di idee  alla presenza di esperti velisti e meteorologi.

Leggi anche:

  1. PREMIO BARCA DELL’ANNO 2011: I VINCITORI
  2. LO SPIRITO DI OXYGENE
  3. Diporto nautico: quale barca?
  4. Nuovo porticciolo turistico ad Otranto: progetto per 417 posti barca
  5. Porto di Napoli: mancano 15 mila posti barca

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=5213

Scritto da Redazione su nov 9 2011. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab