peyrani
Home » News, Regate, Sport » Volvo Ocean Race: duello fra Telefonica e PUMA

Volvo Ocean Race: duello fra Telefonica e PUMA

Nono giorno di regata e i giochi sono più aperti che mai, mentre la flotta di prepara al momento più importante della prima tappa, l’attraversamento dei Doldrums, le temute calme equatoriali. In un vero e proprio, e molto appassionante, match-race in oceano Telefonica e PUMA continuano nel loro duello al vertice, mentre Camper insegue e Groupama cerca di recuperare lo svantaggio accumulato nelle ultime 24 ore. Stanotte le prime risposte.

E’ probabile che il pensiero fisso di tutti i velisti impegnati nella prima tappa della Volvo Ocean Race oggi fosse uno e uno solo: i temuti Doldrums, la zona delle calme equatoriali dove tutto può ancora succedere.

Ormai tutti e quattro i VO70 fanno rotta verso sud, in condizioni più clementi e con brezze più sostenute, che li fanno procedere a velocità fra i 17 e i 20 nodi. Ma forse già questa notte la storia potrebbe cambiare radicalmente e la flotta si potrebbe trovare a fare i conti con la zona dei Doldrums, la famosa area di alta pressione che si estende a nord dell’equatore, caratterizzata da venti leggerissimi e nota per i temporali improvvisi. Il metereologo della Volvo Ocean Race Gonzalo Infante ha detto che i primi potrebbero entrare nella zona verso la mezzanotte e che la flotta potrebbe ricompattarsi.

“Con venti più leggeri, i primi saranno più lenti e verosimilmente verranno raggiunti dal resto della flotta. A seconda di dove passeranno potrebbero essere necessarie circa 24 ore, ma una volta passato l’ostacolo il flusso di Aliseo li poterà velocemente verso il Brasile. L’effetto elastico si invertirà e le distanze potrebbero aumentare di nuovo.

Secondo Infante, Telefonica e PUMA sono le due barche meglio posizionate per oltrepassare i Doldrums, mentre Groupama dovrà attraversare una zona di calma più ampia, a est. In ogni caso, come confermato dal CEO e veterano della regata Knut Frostad, le calme equatoriali sono una situazione molto mobile e dinamica, che può cambiare radicalmente in breve tempo.

Secondo il rilevamento delle 13 GMT, gli spagnoli di Telefonica sono riusciti nel sorpasso degli americani di PUMA, e guidano con un esiguo vantaggio, inferiore al miglio nella discesa verso sud, la zona delle calme equatoriali, che dista circa 250 miglia e poi l’isola di Fernando de Norohna. In terza posizione i neozelandesi di CAMPER with Emirates Team New Zealand, che hanno velocità leggermente inferiori, il cui distacco si aggira sulle 150 miglia e che si trovano a circa 60 miglia più a est rispetto al duo di testa. Più consistente il gap dei francesi di Groupama sailing team, che dopo essere riusciti a doppiare l’arcipelago di Capo Verde, hanno finalmente potuto godere di vento più fresco e di un’andatura più veloce, ma che tuttavia sono staccati di 327 miglia.

Secondo le ultime previsioni, le prime barche potrebbero virare martedì l’isola Fernando de Noronha, passaggio obbligato della prima tappa, per affrontare poi le ulteriori 4.000 miglia fino alla linea del traguardo di Città del Capo.

Intanto, a terra, continua il lavoro dei due team che hanno dovuto ritirarsi dalla prima tappa: Team Sanya è giunto a Gibilterra su uno speciale camion e Abu Dhabi Ocean Racing è arrivato a Lisbona e sta per essere caricato a bordo di un cargo, entrambi gli scafi, infatti, partiranno nelle prossime ore via nave verso il Sudafrica.

Classifica provvisoria 14 novembre, alle ore 13:00 GMT

1. Team Telefónica (Iker Martínez), 4.204,5 miglia da Città del Capo
2. PUMA Ocean Racing powered by BERG (Ken Read),+0,7
3. CAMPER con Emirates Team New Zealand (Chris Nicholson), +152,1
4. Groupama sailing team (Franck Cammas), +327,5
5. Abu Dhabi Ocean Racing (Ian Walker), ritirato dalla tappa 1
5. Team Sanya (Mike Sanderson), ritirato dalla tappa 1

Foto: Amory Ross

Leggi anche:

  1. Volvo Ocean Race: tutto cambia al vertice, le calme equatoriali aspettano
  2. Volvo Ocean Race: l’ovest comincia a pagare
  3. Volvo Ocean Race: Abu Dhabi sacrifica i punti della prima tappa, Groupama sempre al comando
  4. Volvo Ocean Race: la scommessa di Groupama
  5. Volvo Ocean Race: la principessa Letizia di Spagna madrina di Telefónica

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=5312

Scritto da Redazione su nov 14 2011. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab