peyrani
Home » News, Regate, Sport » Volvo Ocean Race: CAMPER taglia il traguardo di Città del Capo al secondo posto

Volvo Ocean Race: CAMPER taglia il traguardo di Città del Capo al secondo posto

CAMPER guidata dallo skipper australiano Chris Nicholson ha tagliato la linea del traguardo di Città del Capo, dopo  una notte di navigazione in condizioni molto dure, con venti oltre i 30 nodi e onde enormi, alle 10.48.04  GMT (11.48.04  ora italiana) dopo 21 giorni, 21 ore, 48 minuti e 4 secondi dalla partenza da Alicante.

CAMPER with Emirates Team New Zealand, conquista così 25 punti nel tabellone generale che vanno ad aggiungersi ai quattro guadagnati con il terzo posto della regata prologo di Alicante, la Iberdrola In-Port Race, e sale sul secondo gradino del podio della tappa e della classifica overall, due punti dietro i vincitori di Team Telefónica che hanno tagliato la linea del traguardo ieri sera.

Appena giunto a terra lo skipper Chris Nicholson ha commentato: “Siamo tutti interi e stiamo bene. Tutti i team cercavano di avvicinarsi a terra, e ci stavamo riuscendo ma poi si è dimostrata la scelta sbagliata” ha detto il velista australiano a proposito della scelta iniziale di rimanere vicino alla costa africana. “Sono stati 20 giorni di rincorsa ai primi, da quel momento in poi e non siamo riusciti a recuperare il gap. Ci sarebbe piaciuto moltissimo combattere fianco a fianco con Telefonica e Puma. Le condizioni sono state abbastanza dure, come avete potuto vedere dai danni alle barche. Noi cercavamo di correre sempre al massimo. Ci siamo comportati bene, siamo secondi ed è un bel risultato. Quanto alle rotture alle barche, sappiamo che può succedere a chiunque in qualsiasi momento. Se fossi in loro (i tre team che hanno dovuto ritirarsi) penserei al fatto che la regata è ancora molto aperta.”

Il co-skipper neozelandese Stu Bannatyne da parte sua ha espresso la felicità di essere a terra  “E’ bellissimo essere finalmente a Città del capo. E’ stata una tappa molto lunga, ma siamo saliti sul podio e quindi siamo felici. La scorsa notte abbiamo navigato più tranquilli, dopo l’arrivo di Telefónica, perché c’erano fra 35 e 40 nodi e a quel punto non aveva molto più senso spingere troppo.”

Nel corso della navigazione da Alicante a Città del Capo, CAMPER ha fatto registrare la migliore percorrenza sulle 24 con 554,16 miglia il 24 novembre, record che farà guadagnare loro l’ambito IWC Speed Record Challenge, per la prima tappa. Una frazione che ha visto CAMPER protagonista con alterne fortune, dopo aver guidato la flotta nelle fasi inziali e fino all’uscita dallo stretto di Gibilterra, gli ispano/neozelandesi hanno pagato caramente la scelta tattica presa in Atlantico. Inizialmente il team ha scelto di seguire l’opzione dei francesi di Groupama 4, mantenendosi vicino alla costa africana. Il quarto giorno, tuttavia, Nicholson ha deciso di sacrificare le miglia guadagnate verso la boa (il traguardo) e ha portato la sua barca bianca e rossa su una rotta occidentale e più al largo,  come avevano fatto PUMA Mar Mostro e il futuro vincitore di tappa Telefónica.

E’ stata una decisione costosa, che  il team non è mai riuscito veramente a recuperare, tanto che al quinto giorno CAMPER lamentava un distacco di 105 milgia ed era in ultima posizione. Il distacco ha continuato ad aumentare mentre l’equipaggio cercava di portarsi più a ovest, al settimo giorno raggiungeva il massimo gap con 334 miglia. ma, proprio da quella notte la fortuna è cambiata per CAMPER. Recuperando ben 56 miglia, il team è riuscito a riportarsi sotto e nella scia dei leader. Continuando a riprendere terreno, CAMPER si è  riportata in gara.

Al nono giorno il team si trovava infatti in terza posizione e al passaggio obbligato dell’isola di Fernando de Noronha il tredicesimo giorno aveva un distacco di 126 miglia dai leader di PUMA Mar Mostro. Nel tragico giorno del disalberamento degli americani, il diciassettesimo, CAMPER si era avvicinata fino a 110 miglia. Nel tentativo di farsi ancora più sotto, l’equipaggio spingeva la barca al massimo e la pressione psicologica ha provocato l’incidente che ha visto protagonista il giovane prodiere sudafricano Mike Pammenter. Sbattuto violentemente da un’onda sulle sartie mentre stava effettuando un cambio di vela, Pammenter si è rotto un dente e il labbro ma è stato prontamente curato dai suoi compagni. Certo un evento che ricorda quanto dura e impegnativa fisicamente può essere la regata. Fortunatamente, già il giorno dopo, il sudafricano era in coperta e pronto a collaborare con il resto del team per far camminare la barca il più velocemente possibile verso Città del Capo all’inseguimento del battistrada Telefónica ormai a sole 94 miglia davanti.

“Adesso dobbiamo pensare al nostro nuovo avversario” scrivevano da bordo di Telefónica. Ma, la ruota della fortuna ha girato ancora una volta contro CAMPER, che è riuscito ad agganciare il fronte freddo, con i suoi venti favorevoli, in ritardo rispetto agli spagnoli che ormai avevano preso il largo. CAMPER ha concluso la prima tappa con oltre 200 miglia e oltre sedici ore e mezza di ritardo, ma con un eccellente secondo posto e, soprattutto, senza riportare danni maggiori.

A oggi, rimane in mare ancora Groupama 4, che all’ultimo rilevamento era localizzato a poco più di 521 miglia da Città del Capo e il cui arrivo è previsto per le prime ore di martedì. Il loro terzo posto li farà salire sul terzo gradino del podio provvisorio con 22 punti (20 per la tappa e due nella In-port). Le tre barche che sono state costrette al ritiro per problemi tecnici manterranno i punti guadagnati nella In-port di Alicante: Abu Dhabi Ocean Racing 6 punti, PUMA Ocean Racing powered by BERG 5 punti e Team Sanya 3 punti.

Leggi anche:

  1. Volvo Ocean Race: team Telefónica vicino a una storica vittoria
  2. Volvo Ocean Race: finale con vento per i leader, prua su Città del Capo
  3. Volvo Ocean Race: rotta verso Città del Capo
  4. Volvo Ocean Race: PUMA e Telefonica nell’emisfero sud, soffrono gli inseguitori
  5. Volvo Ocean Race: Abu Dhabi sacrifica i punti della prima tappa, Groupama sempre al comando

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=5643

Scritto da Redazione su nov 27 2011. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab