peyrani
Home » News, Regate, Sport » A SANREMO IL CAMPIONATO EUROPEO CLASSE DRAGONE 2014

A SANREMO IL CAMPIONATO EUROPEO CLASSE DRAGONE 2014

Lo Yacht Club di Sanremo, Compagnia della Vela, ospiterà il Campionato Europeo per la Classe Dragone nel 2014. La decisione è stata presa questo sabato 26 novembre 2011 a Londra all’occasione della riunione annuale generale dell’Associazione Internazionale della classe, IDA ovvero, International Dragon Association, presso la sede londinese del Royal Thames Yacht Club.

Il Dragone ancor più oggi incarna tutte le qualità che hanno reso il day-racing con barche a chiglia strettamente monotipo la forma preferita di regata di molti dei migliori timonieri provenienti dalle derive o dalla Coppa America o dalle barche d’altura a formula. L’equipaggio di tre persone deve essere un’unità fortemente coesa senza bisogno di imbarcare pesi massimi. Le regole della più stretta monotipia assicurano regate ad armi pari e la facilità di rimorchiare il Dragone dietro la propria auto rendono le competizioni internazionali accessibili a tutti i budget.

La classe Dragone rimane una delle poche classi ad alto livello competitivo dove le capacità agonistiche predominano sul peso dell’equipaggio e sulla prestanza fisica. Queste sono solo alcune delle ragioni per cui i regatanti di ogni età e di ogni livello sono attratti dal Dragone. Diventare proprietario di un Dragone rappresenta il traguardo della carriera di parecchi velisti, mentre ad altri questa classe fornisce tutta una vita di sfide.

In origine la costruzione in legno dei Dragoni si ripartiva fra numerosi cantieri artigianali. Poi, per parecchi decenni, la sviluppo dei Dragoni è stato principalmente il frutto del cantiere danese di Borge Boressen, che ne ha costruito più di 1500 unità. Attualmente il Dragone è essenzialmente costruito in vetroresina dall’inglese Petticrows e pochi altri.

La costruzione è rigorosamente identica da un cantiere all’altro, la monotipia è totale e sotto il controllo della potente International Dragon Association (IDA) e dell’ISAF. Naturalmente i proprietari delle barche più recenti ottengono in principio i migliori risultati in regata, ma non si può concludere che gli scafi in vetroresina siano superiori a quelli in legno. Numerosi Dragoni “di una certa età”, amorosamente curati da proprietari appassionati passano avanti ai “giovani” freschi di cantiere. In generale si può dire che non è la barca ma il “manico” che fa camminare al meglio questo purosangue.

Si comprende facilmente l’attaccamento dei proprietari e dei loro equipaggi per questa barca. Poche barche a vela sono così eleganti. Con i suoi slanci generosi e questo genoa imponente che gli dà uno stile particolare. Il Dragone è un oggetto artistico seducente, degno erede dei magnifici yacht della stazza internazionale.

Leggi anche:

  1. Campionato invernale Prima Classe: in acqua gli Este 24
  2. Dragoni al Salone di Genova
  3. Audi MedCup, Campionato Europeo Star e Campionato Italiano Dinghy: i risultati di Quantum Sails
  4. Campionato Europeo Dragoni: vince il danese Jens Christensen
  5. Campionato Europeo Classe Dragoni: le regate a Boltenhagen

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=5688

Scritto da Redazione su nov 28 2011. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab