peyrani
Home » News, Regate, Sport » Volvo Ocean Race: si torna in regata, domani la V&A Waterfront In-Port Race

Volvo Ocean Race: si torna in regata, domani la V&A Waterfront In-Port Race

Riprendono domani, con la V&A Waterfront In-Port Race le battaglie fra i sei equipaggi partecipanti alla Volvo Ocean Race. Grande attesa per rivedere in regata i tre team vincenti e anche quelli che hanno compiuto il miracolo tecnico di essere pronti dopo le disavventure tecniche della prima tappa.

Per i tre team, Team Sanya, Abu Dhabi Ocean Racing e PUMA Ocean Racing powered by BERG che sono stati costretti al ritiro dalla prima tappa per problemi tecnici e a un autentico tour de force, il solo fatto di poter partecipare alla &A Waterfront In-Port Race sarà un grande successo. La regata, si svolgerà domani, sabato 10 dicembre a partire dalle 13 GMT (le 14 ora italiana) nella Table Bay di Città del Capo e si prospetta combattuta come sempre.

Ma anche tre team che hanno portato a termine la prima tappa, i vincitori di Team Telefónica, i secondi di CAMPER with Emirates Team New Zealand e i terzi Groupama sailing team non hanno avuto meno da fare durante la breve sosta per rimettere in condizioni ideali per la regata i loro mezzi.

Tutti gli skipper sembrano comunque intenzionati ad adottare un approccio conservativo, per quanto la loro natura competitiva glielo permette, in vista della seconda tappa verso Abu Dhabi. “Vorrei poter dire che ce la prenderemo comoda, ma non so se sia la verità” ha affermato onestamente Ken Read, skipper di PUMA Mar Mostro.

Alla vigilia della regata di prologo la classifica generale vede in vetta gli spagnoli di Telefónica con 31 punti, CAMPER con 29 e Groupama con 22, seguiti da Abu Dhabi con 6, PUMA con 5 e Sanya con 3. Chi si aggiudicherà la in-port race metterà in carniere altri  6 punti, 5 andranno al secondo e così via fino a un punto per l’ultimo classificato.

In totale le regate in-port valgono il 20% dei punti e, con un parterre competitivo come quello di questa edizione 2011-12 il valore di ogni singola prova è ben presente a tutti i team. Inoltre, le regate si svolgono molto vicino a terra, per dar modo al pubblico di seguire le evoluzioni dei VO70, e anche questo aspetto ricopre grande importanza per gli equipaggi.

“Cercheremo di vincere” ha dichiarato lo skipper di Abu Dhabi Ocean Racing Ian Walker. “Per noi è ancora più importante perché abbiamo meno punti nella generale e questa è una buona occasione per recuperare. Faremo in massimo, non ci sono dubbi!”

Il campo di regata sarà posizionato vicino al porto di Città del Capo nell’area orientale della Table Bay nel caso in vento provenga da sud-est, con una partenza in poppa seguta da un percorso a forma di L. se la brezza dovesse girare da sud-ovest, il campo sarebbe spostato ad ovest della bia, in modo da evitare la zona di ridosso creata dalla imponente Table Mountain.

Le previsioni parlano di un vento intorno ai 15 nodi, condizioni ideali quindi perché i sei Volvo Open 70 possano offrire un grande spettacolo alle migliai di spettatori che si prevede affolleranno le coste della baia.

Abu Dhabi, Sanya e PUMA sono tutte tornate a navigare ieri, dopo un lavoro intenso da parte dei rispettivi shore team che hanno dovuto rimontare alberi, effettuare riparazioni e ricostruzioni e verificare tutte le attrezzature. Dal canto loro, gli altri team hanno approfittato del maggior tempo a disposizione per un attento check degli alberi e del sartiame, memori di quanto accaduto nella prima tappa e sono certamente vogliosi di ricominciare la battaglia.

“Oggi siamo più forti di quando abbiamo lasciato Alicante” ha detto il francese Franck Cammas “siamo in ottima forma in termini di preparazione della barca per la prossima tappa e anche psicologicamente.”

Fra i componenti del Team Telefónica, che hanno vinto la tappa ma non hanno brillato nella prima in-port race, l‘atteggiamento è combattivo ma obiettivo al tempo stesso, come confermato dallo skipper Iker Martínez: “Siamo felici ma anche realistici. Non è perché abbiamo vinto la prima tappa che pensiamo di essere meglio degli altri. Anzi, potrebbe essere un grande errore.”

Intanto ieri si è svolta la cerimonia ufficiale di premiazione della prima tappa sul palco appositamente attrezzato nel Race Village di Città del Capo. Durante la giornata sono stati assegnati anche due premi speciali: il premio per il miglior Media Crew Member messo in palio da Inmarsat è andato al neozelandese Hamish Hooper, imbarcato su CAMPER per le sue corrispondenze, immagini e video di grande qualità prodotte durante la prima tappa.

E’ stato lo shore team di Sanya, invece, ad aggiudicarsi l’altro premio speciale fornito da DHL, sponsor e partner per la logistica della Volvo Ocean Race, per il miglior lavoro compiuto dal tecnici del team di terra che sono riusciti a riportare la barca in condizioni di navigare a vero tempo di record.

Oggi tutti i team sono tornati in acqua per disputare le tre regate Pro-am, che non assegnano punti, con equipaggi formati dai velisti e da ospiti e media internazionali. La vittoria è andata ad Abu Dhabi Ocean Racing, seguito da Team Sanya, Groupama Sailing Team, Camper with Emirates Team New Zealand e Team Telefonica. PUMA Ocean Racing non ha partecipato alla competizione, ma ha comunque approfittato per allenarsi e mettere a punto il mezzo sul campo di regata.

 

 

 

 

 

 

Foto: Marc Bom

Leggi anche:

  1. Volvo Ocean Race: Groupama a Città del Capo domani
  2. Volvo Ocean Race: Telefonica torna al comando
  3. ABU DHABI VINCE LA REGATA DI APERTURA DELLA VOLVO OCEAN RACE
  4. Volvo Ocean Race 2011/2012: aumenta l’attesa per la Iberdrola In-port di domani
  5. Saluti reali per la regata di qualifica della Volvo Ocean Race

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=5891

Scritto da Redazione su dic 9 2011. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab