Home » News, Regate, Sport » Volvo Ocean Race: molto in gioco ad Abu Dhabi nelle prossime 48 ore

Volvo Ocean Race: molto in gioco ad Abu Dhabi nelle prossime 48 ore

Sarà un fine settimana di fuoco per i cinque team che nelle prossime 48 ore si giocheranno punti preziosi in palio con la Etihad Airways In-Port Race e la regata sprint che partirà sabato da Abu Dhabi verso Sharjah, prima frazione della terza tappa verso Sanya, in Cina.

Sono punti pesanti, doppi, quelli che sono sul piatto per gli equipaggi della Volvo Ocean Race che fra domani e dopo si daranno battaglia nelle acque di Abu Dhabi. Una vittoria nella Etihad Airways In-Port Race vale sei punti e altrettanti saranno assegnati al primo che taglierà la linea del traguardo della sprint di sabato, un vero tesoretto per restare in vetta o migliorare la propria posizione nel tabellone generale.

Il colpo di cannone della Etihad Airways In-Port Race sarà sparato alle 14.00 locali (le 11 ora italiana) e i cinque team si scontreranno su un percorso costiero della durata di circa un’ora, con passaggi sotto costa nella baia di Abu Dhabi per dar modo al pubblico di seguire da vicino le evoluzioni dei cinque Volvo Open 70. Secondo le ultime previsioni meteo, il vento potrebbe essere molto leggero e, tuttavia, qualsiasi sarà l’intensità della brezza è sicuro che Ian Walker alla guida del team portacolori dell’emirato, l’Abu Dhabi Ocean Racing, avrà il forte supporto dei fan locali che per la prima volta nei 38 anni della storia del giro del mondo ospitano una tappa. “E’ incredibile vedere quanto appassioanti siano i supporter qui” ha detto Walker “Si ha la sensazione che tutti vogliano vederti far bene… e ti fa venir davvero voglia di dare il massimo. Sono fiducioso che le cose possano andare come devono per il nostro team.”

I leader della classifica, gli spagnoli di Team Telefónica hanno un margine di otto punti sui loro più diretti inseguitori di CAMPER with Emirates Team New Zealand, che potrebbero dunque provare a strappare il primato a Iker Martinez e ai suoi prima che le barche siano caricate sulla nave per la seconda fase del paino antipirateria messo in atto dagli organizzatori per la seconda e terza tappa. Certamente gli iberici venderanno cara la pelle e malgrado un sorpasso sia abbastanza improbabile (CAMPER dovrebbe vincere entrambe le prove e Telefonica arrivare quinta) i punti in palio per la sprint fino a Sharjah sono un obiettivo interessante per gli skipper. “Non si può mai dire come andrà a finire, quindi siamo costretti a lottare per ogni singolo punto” ha confermato lo skipper di Telefónica. “Il vento leggero per le regate costiere non è ideale quindi ci siamo allenati con le condizioni locali e abbiamo lavorato sulle manovre.”

Secondo Roberto ‘Chuny’ Bermúdez, lo spagnolo che ricopre il ruolo di timoniere su il rivale CAMPER, i primi momenti della regata potrebbero essere quelli decisivi. “La partenza è molto importante. Chiunque parta bene in queste condizioni ha un vantaggio notevole. Fino ad oggi le nostre partenze sono state buone e quindi potremmo essere avvantaggiati.”

Terzi nella classifica generale, i francesi di Groupama sailing team, hanno un gap di 24 punti dai leader ma hanno anche avuto una forte iniezione di fiducia dalla vittoria dello sprint conclusivo della seconda tappa verso Abu Dhabi e dalla buona prestazione nella regata di prova di ieri. “Il morale è alto” ha detto lo skipper Franck Cammas. “Abbiamo una nuova vela leggera, un code zero in testa d’albero, che abbiamo usato per la prima volta nella practice race e in partenza eravamo veloci come CAMPER.”

Alle spalle di Groupama sul tabellone ci sono gli americani di PUMA Ocean Racing powered by BERG 38 punti dietro ai battistrada e, come comprensibile, lo skipper Ken Read ha una gran voglia di ritornare a navigare e combattere dopo il disalberamento nella prima tappa e il terzo posto nella seconda. “Credo che abbiamo bisogno di ripendere il ritmo della regata. Non sarà presto, visto che anche in questa tappa ci sarà una parte di navigazione a bordo della nave, ma tutti non vediamo l’ora di rimetterci al lavoro. Questa regata è dura, anche con vento leggero. Non deve essere bella, ma piuttosto senza errori.”

Il team di Abu Dhabi ha un distacco di nove punti dagli americani, dovuto anche per loro al ritiro per disalberamento nella prima tappa e al quinto posto nella seconda, ma sarà sicuramente spinto a fare bene sai dal supporto locale che dal ricordo della bella vittoria nella In-port di debutto ad Alicante, che pure si corse in condizioni di vento leggero.

Dopo la sprint di sabato, i cinque scafi verranno caricati sulla nave per essere trasportati oltre la zona di maggior rischio di attacchi da parte dei pirati e scaricati, come è avvenuto nella seconda tappa, in un porto sicuro dell’oceano indiano da dove riprenderanno la navigazione per Sanya in Cina.

E proprio Team Sanya, il rappresentante il grande stato asiatico, non ha potuto competere nelle prove di Abu Dhabi a causa di un problema tecnico a una sartia che lo ha costretto a far scalo in Madagascar per le riparazioni. L’equipaggio ha ripreso la navigazione qualche giorno fa e, se completerà la tappa fino al porto sicuro, verrà premiato con punti per tutte le regate fin qui disputate dal resto della flotta. Il team cinese dovrebbe ricongiungersi agli avversari per la seconda tranche della terza tappa.

Leggi anche:

  1. Volvo Ocean Race: al Race Village di Abu Dhabi concerto con i Coldplay
  2. Volvo Ocean Race: tutto cambia nelle calme equatoriali
  3. Volvo Ocean Race: Abu Dhabi guida la flotta nella seconda tappa
  4. Volvo Ocean Race: Abu Dhabi sacrifica i punti della prima tappa, Groupama sempre al comando
  5. ABU DHABI VINCE LA REGATA DI APERTURA DELLA VOLVO OCEAN RACE

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=6596

Scritto da Redazione su gen 12 2012. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab