Home » News, Regate, Sport » Volvo Ocean Race: pit-stop anche per Telefonica

Volvo Ocean Race: pit-stop anche per Telefonica

I leader della classifica generale, gli spagnoli di Team Telefónica si fermeranno ad Ushuaia, in Argentina per riparare il danno alla prua della loro barca nel tentativo di rimanere sul podio della quinta tappa.

Team Telefónica aveva annunciato qualche giorno fa di aver rallentato con l’obiettivo di evitare ulteriori danni e oggi, martedì lo skipper Iker Martínez ha confermato che la delaminazione alla prua, causata da un’ondata violenta, rende necessaria una sosta a terra prima del traguardo di Itajaí in Brasile.

“Non abbiamo problemi per continuare la navigazione, però continuiamo a prendere colpi sulle onde e i danni potrebbero aggravarsi, e non vogliamo assolutamente che succeda”, ha detto Martínez, che ha comunque sottolineato la volontà di portare e a termine la frazione.

“Quello che abbiamo fatto finora è fissare alcune stecche (le strutture normalmente usate per le vele) in coperta a prua per rinforzare la zona delaminata, che si è indebolita. La difficoltà maggiore dipende dal fatto che a bordo non si riesce a far asciugare nulla, perciò abbiamo dovuto ripetere l’operazione diverse volte. A terra sarà un gioco da ragazzi, ma qui in oceano con questo freddo tutto è molto più complicato.”

Groupama e PUMA continuano a guidare, mentre anche CAMPER ha deciso di dirigersi a terra, in Cile, e Abu Dhabi si trova oltre 1.000 miglia alle spalle di Telefónica. Ciò significa che il team spagnolo, che ha un vantaggio nella classifica generale di 15 punti su Groupama, ha ancora possibilità di salire sul podio della quinta tappa.

Foto: D. Fructuoso

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=8223

Scritto da su Mar 27 2012. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab