Home » News, Regate, Sport » TROFEO SAR PRINCESA SOFIA MAPFRE: CONTI-MICOL (470 F) VINCONO LA MEDAGLIA D’ORO

TROFEO SAR PRINCESA SOFIA MAPFRE: CONTI-MICOL (470 F) VINCONO LA MEDAGLIA D’ORO

E’ terminato oggi con il successo dell’equipaggio italiano del 470 femminile il Trofeo SAR Princesa Sofia Mapfre, terza tappa della Coppa del Mondo ISAF. Giulia Conti e Giovanna Micol (CC Aniene), unico equipaggio italiano qualificato per le Medal Race di classe, ha vinto la regata che assegna le medaglie e sale sul gradino più alto del podio.

La regata, partita alle 12.24 con vento da 260° attorno ai 25 nodi, ha visto giungere per prime sul traguardo le britanniche Mills-Clark, incappate però in un OCS in partenza e che costa loro la vittoria. Il successo va così alle due azzurre davanti alle giapponesi Kondo-Tabata e alle israeliane Cohen-Bouskila. La vittoria nella Medal Race delle italiane e il secondo posto delle giapponesi porta entrambi gli equipaggi al vertice della classifica a pari punti. Ma grazie al risultato nella Medal, Giulia Conti e Giovanna Micol si mettono l’oro al collo. Argento per le giapponesi Kondo-Tabata e bronzo per le tedesche Kadelbach-Belcher.

“Abbiamo vinto!” ha detto appena giunta a terra una felicissima Giulia Conti ai microfoni di sailrev.tv. “Siamo partite vicino alle giapponesi – ha raccontato Giulia – verso la Barca Comitato, perché era favorita la destra. Al primo incrocio loro erano davanti. Abbiamo fatto una buona bolina e le abbiamo passate. Alla prima boa abbiamo girato in seconda posizione davanti alle giapponesi. Ci siamo allungate bene sul lato di poppa – ha continuato la Conti – e nella seconda bolina abbiamo controllato la regate. Ci voleva proprio – ha concluso il timoniere – abbiamo iniziato bene il 2012.”

L’altro equipaggio italiano iscritto, Roberta Caputo – Giulia Paolillo (CC Aniene), finisce al 33° posto.

49er (76 iscritti – 8 italiani)
I danesi Warrer-Hansen conquistano la medaglia d’oro nel 49er, davanti a Dyen-Christidis (FRA) e ai tedeschi Schadewaldt-Baumann, rispettivamente argento e bronzo.
Giuseppe Angilella (CC Ruggero di Lauria) – Gianfranco Sibello (SV Guardia di Finanza) concludono la trasferta spagnola al 32° posto, mentre Jacopo Plazzi – Umberto Molineris (FV Riva) finiscono al 35°.
Al 53° posto Ruggero Tita (Compagnia della Vela) – Sebastian Nulli (AN Sebina); 56° Stefano Cherin (YC Torri) – Andrea Tesei (YC Adriaco); 61° Luca Dubbini (CV Marina Militare) – Roberto Dubbini (SC Garda Salò); 65° Federico Gaspari – Luca Tubaro (CC Aniene); 67° Andrea Savio – Alessandro Savio (Soc Triestina) e 69° David Bondì – Francesco Sabatini (CC Aniene).

Star (28 iscritti – 1 italiano)
Nella Star terminano al primo posto i brasiliani Scheidt-Prada. Grazie all’ottima prova in Medal Race l’argento va ai britannici Percy-Simpson mentre il bronzo lo vincono i francesi Rohart-Ponsot
Diego Negri – Enrico Voltolini (SV Guardia di Finanza) chiudono al 13° posto.

470 Maschile (92 iscritti – 8 italiani)
Oro per gli australiani Belcher-Page, medaglia d’argento per gli israeliani Kliger-Sela e bronzo per i francesi Leboucher-Garos.
Questi i piazzamenti finali degli italiani iscritti nel 470 maschile: Gabrio Zandonà (CV Marina Militare) – Pietro Zucchetti (SV Guardia di Finanza) chiudono al 17° posto. Giulio Desiderato (YCI) – Nicola Pitanti (GS Polizia) terminano al 24° posto, Simon Sivitz Kosuta – Jas Farneti (YC Cupa) al 34°, Francesco Falcetelli – Gabriele Franciolini (CC Aniene) al 35° posto, 47° Matteo Capurro – Matteo Puppo (YCI), 65° Emanuele Savoini – Enzio Savoini (LNI Genova); 73° Simone Spina – Matteo Bernard (CC Aniene); 75° Andrea Barchiesi (CC Aniene) – Lorenzo Piccioni (CC Tevere).

Finn (58 iscritti – 1 italiano)
Successo finale per il fuoriclasse Ben Ainsle (GBR), secondo posto per Railey (USA) e terzo per il canadese Cook.
Filippo Baldassari (SV Guardia di Finanza) chiude al 13° posto.

Laser Radial (98 iscritte – 3 italiane)
Sul gradino più alto del podio sale la spagnola Alicia Cerbian, medaglia d’argento per la belga Evi Van Acker e medaglia di bronzo per l’olandese Marit Bouwmeester.
Francesca Clapcich (CS Aeronautica Militare) chiude al 22° posto overall. Laura Cosentino (YC Cortina) termina al 45° posto e Silvia Zennaro (Compagnia della Vela) finisce al 57° posto.

Laser Standard (148 iscritti – 3 italiani)
Nel Laser Standard ha la meglio il tedesco Grotelueschen che si aggiudica la medaglia d’oro. L’argento va Paul Goodison (GBR) e il bronzo all’australiano Tom Burton.
Migliore degli azzurri in regata Marco Gallo (SV Guardia di Finanza) che chiude al 21° posto. Michele Regolo (SV Guardia di Finanza) è 37° e Giacomo Bottoli (CV Marina Militare) termina 54°.

2.4Mr (25 iscritti – 2 italiani)
Nella classe Paraolimpica 2.4 Fabrizio Olmi (AVAS Lovere) chiude al 12° posto con i parziali 13-14-15-12-12-13-15-(16)-10-12 mentre Cristiano D’Agaro (CV Alto Adriatico) è 17°. Vince l’olandese Thierry Schmitter.

La vittoria nel Match Race Femminile va alla Tunnicliffe (USA) che ha battuto la Leroy (FRA) per 3 a 1, la finale di consolazione la vince la Price (AUS) sulla Echegoyen (ESP) per 2 a 1.

Foto: J. Renedo

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=8483

Scritto da su Apr 7 2012. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab