Home » News, Regate, Sport » Derby Dragon International: 65 partecipanti in rappresentanza di 15 nazioni

Derby Dragon International: 65 partecipanti in rappresentanza di 15 nazioni

Il Campionato è iniziato con una giornata di bonaccia, che non ha permesso di finire la regata iniziata nel pomeriggio. Nel secondo giorno l’unica regata è iniziata con una brezza di 6-8 nodi da Nordest che è gradualmente diminuita fino a 2 nodi, con le ultime barche che hanno rischiato di finire fuori tempo massimo nonostante la riduzione di percorso decisa dal Comitato di Regata. Vince il tedesco Markus Wieser, seguito dai russi Alexander Shmid e Leonid Altukhov.

Due belle prove nella terza giornata con vento da Sud-Sudovest, vinte entrambi dallo svedese Martin Palsson. Il Venerdì tutti a disposizione del Comitato alle 6 di mattina, ma non è stato possibile dare la partenza fino alle 11:30 quando il vento di forza 2 ha permesso di completare due belle prove vinte entrambi da Markus Wieser, la prima subito davanti all’austriaco Dietmar Gfreiner, la seconda cpn distacco di 200 metri sull’ucraino Yevgeny Braslavetsi.

Marcus Wieser, con Sergey Pugachev e Matti Paschen, un equipaggio misto tedesco-ucraino vince il Campionato con 21 punti di distacco sul secondo, il tedesco Marcus Brennecke, con Vincent Hosch e Michael Lipp. Terzo il russo Victor Fogelson,quarto Ulli Libor, primo dei Corinthiuan.

Gli italiani non hanno ben figurato in questo campo di regata difficile da interpretare. Subito alle spalle di Tim Tavinor, Campione del Mondo in carica, si è piazzato 46° Matteo Morelli (YC Sanremo) con Mario e Andrea Quaranta (Porto Maurizio YC), con un 29° e un 31° nelle ultime due prove come migliori risultati. Gianni Murzi (LNI Viareggio) è incappato in una serie di imbottigliamenti che non gli hanno permesso di sfilare via dal gruppo ed è finito 59°.

Un Campionato all’insegna della predominanza tedesca, con 2 timonieri sulla vetta del podio e altri 4 timonieri nei primo 10 classificati. Il miglior austriaco è 11°. I russi sono stati come sempre temibili. Nessun francese presente. Perfetta l’organizzazione sia a terra che in acqua dello UYC Attersee.

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=10131

Scritto da su Giu 20 2012. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab