Home » News, Regate, Sport » 2′ DINGHY WORLD CUP COPPA PIRAN-GEORGE COCKSHOTT TROPHY

2′ DINGHY WORLD CUP COPPA PIRAN-GEORGE COCKSHOTT TROPHY

È iniziata la pacifica invasione dei dinghy 12 in Slovenia. Oltre 100 dinghy 12sono arrivati a Portorose per partecipare alla terza 12 Dinghy World Cup dell’era moderna. La competizione internazionale vale anche come 4° tappa della Swiss & Global Cup Classic 12 Dinghy, riservata ai Dinghy 12 in legno (www.dinghyclassico.it ), nonché come 3° tappa della Coppa Italia – AICD aperta a tutti i dinghy 12 qualunque sia il materiale di costruzione (www.dinghy.it ). La manifestazione è organizzata dal Portoro Yachting Club (www.ycp-klub.si ) e patrocinata dall’Ente Turismo Portoro (www.portoroz.si ) e dal Comune di Pirano (www.piran.si ).

102 imbarcazioni iscritte: 67 dinghy in legno e 35 dinghy in vetroresina si scontreranno nelle acque del Marina di Portorose fino a domenica 8 luglio. Numerosi gli italiani: 85 (49 regatano su legni, 32 su vetroresina). E la passione per il guscio di noce non ha limiti geografici; sono ben undici le nazioni presenti: Canada, Croazia, Germania, Giappone, Irlanda, Italia, Olanda, Polonia, Slovenia, Svizzera e Turchia, per un totale di 21 stranieri (18 su dinghy 12 classico e 3 su dinghy 12 moderno).

Il primo giorno di regate con tre belle prove disputate ha regalato già il primo vincitore. La Coppa Piran George Cockshott Trophy è stata infatti assegnata a Italo Bertacca della Società Velica Viareggina durante la cerimonia di apertura di ieri. Bertacca si è aggiudicato il primo posto su Architetto Melandri, un dinghy in legno del Cantiere Riva. Secondo posto per Filippo Jannello su Cicci e terzo per Fausto Pierobon su Sagola. La prima delle tre prove ha visto Ubaldo Capannoli col suo legno,imporsi su Filippo Jannello e Carlo Bocchino. Mentre le altre due prove di giornata sono andate a Enrico Michel col suo nuovissimo vetroresina/legno Protospritz e al Lillia di sola vetroresina dello sloveno Podunavac. Il vento ha oscillato tra gli 8 e i 12 nodi durante le tre prove di ieri, che hanno visto regatare insieme tutti i Dinghy 12 presenti.

Ieri la Cerimonia di apertura ha dato ufficialmente il via alla 12 Dinghy World Cup. Un campo di regata con partenze separate per i legni e per i vetroresina, otto prove da disputare in tre giorni di regata. Oggi primo giorno di gare della 12 Dinghy World Cup, valevoli anche per la quarta tappa della Swiss & Global Cup per i Dinghy 12 Classici e per la terza tappa della Coppa Italia AICD per i Dinghy 12 Moderni  italiani.

Tra i vetroresina numerose presenze eccellenti. Punte di diamante della flotta sono l’olimpionico Giorgio Gorla (vincitore di due medaglie di bronzo nelle Olimpiadi di Mosca 1980 e di Los Angeles 1984 nella classe star di Vela), Vincenzo Penagini (vincitore del mondiale del 2010 a Bracciano su un legno), Enrico Michel che debutta su una barca nuova, Protospritz e Filippo Jannello del Circolo Velico Santa Margherita Ligure.

La flotta dei classici è capitanata da Uberto Capannoli e Italo Bertacca, rispettivamente vincitori dell’edizione 2010 e 2009 del circuito dedicato al dinghy 12 classico. Scende in campo anche Giorgio Pizzarello che su Twins proverà a difendere il titolo conquistato nel 2011 alla World Cup di Venezia.

Oggi, dopo il briefing tecnico alle 9.30 i 102 gusci di noce sono scesi in acqua. Solo una la prova svolta a causa di un forte temporale che ha impedito di proseguire le regate. Tra i moderni al primo posto in classifica provvisoria c’è Peter Podunavac (SLO 3) dello Jahtni klub Portoro su Spritz again. Al secondo posto c’è Filippo Jannello (ITA 2016) del Circolo velico Santa Margherita Ligure e a seguire Vincenzo Penagini (ITA 2150) dello Y. C. Italiano su Plotzlich Barabba.

Tra i legni si conferma al primo posto Giorgio Poggi (ITA 2267) su Chisscasapava, seguono al secondo Pieter Bleeker (NED 824) su Oranjetipje e Uberto Capannoli (ITA 2303) del Circolo Nautico San Vincenzo su Ballacongigi al terzo posto. L’olimpico Giorgio Poggi del Garnell Sailing Team prova già ad imporsi e ipotecare la vittoria della tappa slovena della Swiss & Global Cup dopo le vittorie di Napoli e di Castiglione della Pescaia. Buon quinto posto per Romeo Giordano del C.N. Posillipo.

Domani, sabato 7 luglio è il secondo giorno di regate, con partenza alle ore 11. Nel pomeriggio, dalle 16 alle 18, appuntamento al villaggio hospitality per gustare in pieno relax i prodotti offerti da Vina Montis. Alle 20 l’appuntamento per tutti i timonieri è alla Cena di Gala. Si chiude domenica 8 luglio Terzo e ultimo giorno di regate. Partenza alle ore 11 per tentare la scalata in classifica. Al rientro dalle regate, la manifestazione sarà ufficialmente conclusa con la Cerimonia di Premiazione.

Leggi anche:

  1. II DINGHY WORLD CUP COPPA PIRAN-GEORGE COCKSHOTT TROPHY
  2. L’armata del Dinghy 12 classico torna a Castiglione della Pescaia
  3. SWISS & GLOBAL CUP CLASSIC 12 DINGHY 2° TAPPA: trionfo di Poggi
  4. Presentata nello Spazio Swiss & Global di Milano la stagione 2012 di regate dedicata al dinghy classico
  5. TROFEO NAZIONALE DINGHY 12′ CLASSICO: in testa Bertacca

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=10503

Scritto da Redazione su lug 6 2012. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab