Home » News, Regate, Sport » Lisbona accoglierà altre due edizioni della Volvo Ocean Race, firmato un accordo fino al 2018

Lisbona accoglierà altre due edizioni della Volvo Ocean Race, firmato un accordo fino al 2018

Forte dell’enorme successo della tappa dello scorso anno, Lisbona ha deciso di accogliere la Volvo Ocean Race anche nelle prossime due edizioni. La capitale portoghese è stata palcoscenico di una tappa estremamente positiva nel corso dell’edizione 2011/12 del giro del mondo a vela tanto da decidere di tornare anche per la dodicesima edizione, quella del 2014/15 e ancora per la tredicesima, nel 2017/18, come annunciato oggi dal direttore operativo Tom Touber.

La flotta raggiungerà la città lusitana nel 2015 proveniente da Newport, nello stato nordamericano del Rhode Island, dopo aver attraversato l’atlantico sulla rotta di ritorno in Europa. E, la vista del famoso ponte 25 de Abril sarà tanto familiare quanto benvenuta per i velisti come lo è stata nel 2012 quando le barche arrivavano da Miami.

“E’ incredibile quello che Lisbona è riuscita a fare la scorsa edizione, soprattutto se si tiene conto che la città era al suo debutto” ha dichiarato il COO della regata Tom Touber, nel corso della conferenza di presentazione tenutasi oggi al Torreão Nascente, nella storica capitale portoghese. “Lisbona è una grande città portuale e la gente ha partecipato in massa, migliaia di persone sono accorse per dare il benvenuto ai regatanti come fossero loro concittadini. Il Race Village è stato molto attivo, e caratterizzato da un’atmosfera molto portoghese. E’ stato un grande successo, e siamo felici di tornarci.”

Il sindaco di Lisbona António Costa, ha aggiunto che: “Ospitare la Volvo Ocean Race nella nostra città per altre due edizioni rappresenterà una ottima opportunità per promuovere la cultura e il patrimonio di Lisbona a livello mondiale. Sarà un momento importante per la città come palcoscenico privilegiato di un grande evento. Inoltre, la regata ci darà la possibilità di promuovere lo sport presso la popolazione, in questo caso la vela, una disciplina che ha una lunga tradizione nel paese e nella quale disponiamo anche di un ricco background di atleti olimpici. E’ nel migliore interesse di Lisbona quindi creare le condizioni più positive possibili per continuare ad accogliere la Volvo Ocean Race.”

Lisbona è l’ottavo porto ad essere confermato sulla rotta dell’edizione 2014/15, che può già contare sulla presenza di tre equipaggi a oltre 18 mesi dalla partenza. La regata partirà dal porto spagnolo di Alicante prima di visitare Recife e per proseguire verso la capitale degli Emirati Abu Dhabi. Successivamente i team navigheranno da Auckland in Nuova Zelanda oltre Capo horn alla volta di Itajaí -la seconda località brasiliana sulla rotta- prima di dirigersi verso Newport e poi, attraversando l’Atlantico, giungeranno a Lisbona. La regata si concluderà a Goteborg, in Svezia, mentre le ultime sedi di tappa, le lunghezze e l’esatto calendario saranno annunciati nelle prossime settimane.

I tre team finora confermati sono quello tutto femminile di Team SCA, l’Abu Dhabi Ocean Racing, che sarà guidato ancora una volta dall’olimpionico britannico Ian Walker e un team dello stato brasiliano di Pernambuco.

Leggi anche:

  1. La Volvo Ocean Race presenta la nuova barca per le prossime due edizioni
  2. Volvo Ocean Race: Groupama vince la Oeiras In-port race di Lisbona
  3. Volvo Ocean Race: fine settimana caldo a Lisbona
  4. Volvo Ocean Race: Abu Dhabi vince a Lisbona
  5. Volvo Ocean Race: rotta Lisbona, ma nulla è scontato

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=14100

Scritto da Redazione su mar 1 2013. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab