Home » News, Regate, Sport » Bari si prepara per il Campionato Nazionale femminile 420

Bari si prepara per il Campionato Nazionale femminile 420

Le iscrizioni non sono ancora chiuse e i numeri sono già da record. Inizia il 1 novembre il campionato nazionale femminile di classe 420, la cui organizzazione è stata affidata alla Lega Navale Italiana di Bari. Al momento gli equipaggi iscritti sono 29 (uno in più rispetto all’edizione organizzata dal circolo Posillipo di Napoli lo scorso anno), ma certamente il numero salirà ancora di qualche unità, fanno sapere dall’organizzazione.

«La Puglia con i suoi 800 chilometri di costa si presta bene a tutte le attività marine – ha detto Elio Sannicandro, assessore allo Sport del Comune di Bari e presidente del Coni regionale -. Inoltre è uno sport di grande attrattiva per il territorio e di sviluppo per il turismo. Per questo devo ringraziare la Lega Navale di Bari e il comitato zonale della FIV per l’impegno che mettono nell’organizzazione di queste manifestazioni sportive».

Alla conferenza era presente anche Giorgio Bisanti, capitano di vascello della Capitaneria di Porto di Bari.
Estremamente soddisfatti i vertici federali dell’VIII zona che attraverso il presidente Alberto La Tegola si dichiarano soddisfatti dell’assegnazione dell’organizzazione del campionato alla Lega Navale Italiana di Bari che ha un ruolo di grande attrazione per la flotta di 420. Mario Cucciolla, vice presidente dell’VIII zona FIV, ha aggiunto anche che il comitato zonale sta lavorando per portare in puglia grandi eventi di vela, nazionali e internazionali, come il campionato del mondo di windsurf che, notizia dell’ultim’ora, si disputerà a Gallipoli il prossimo giugno.

Intanto sui pontili della zona nautica della LNI di Bari (all’interno del porto commerciale del capoluogo) fervono i lavori di organizzazione e preparazione. I marinai del circolo, gli istruttori e tutto il personale a vario modo impegnato sta predisponendo gli spazi per rendere agevole la sistemazione delle imbarcazioni degli equipaggi in arrivo. Anche l’impegno organizzativo è abbastanza gravoso per la LNI. Per far funzionare tutto al meglio avremo a disposizione 7-8 gommoni con relativi equipaggi per l’assistenza in acqua. Ci saranno poi posaboe e marinai che ci aiuteranno in mare e terra.

«Organizzare un campionato come questo non è facile. La macchina organizzativa è abbastanza complessa, ma al netto della fatica a noi fa piacere – commenta Marcello Zaetta, presidente della Lega Navale di Bari – Si tratta pur sempre di un’attestazione di stima da parte della Federazione e siamo certi di riuscire a far bene grazie a tutte le professionalità che ci supporteranno. Non dobbiamo dimenticare – ha concluso – che la Puglia è una regione baciata dal vento e dal sole. Questo la rende una palestra interessante per tutti gli equipaggi, anche a livello nazionale. Non è da tutti poter regatare a novembre con il sole e le temperature che abbiamo qui».

Non è un caso, quindi, se negli ultimi 15 anni la sezione barese della Lega Navale ha espresso alcuni dei talenti migliori in classe 420, tanto da annoverare sei partecipazioni ai campionati mondiali tra il 2004 e il 2009, e sfiorandola lo scorso anno con l’equipaggio maschile Spinelli – Volpe.
Gli equipaggi femminili della classe 420 rappresentano il 40% dell’intera flotta di classe che registra circa 120 equipaggi alle regate nazionali di qualificazione per Europei e Mondiali. Tra questi le favorite per il primo posto al campionato femminile sono le genovesi Ilaria Paternoster e Benedetta Di Salle, già protagoniste agli ultimi Mondiali ISAF Youth, che hanno conquistato il titolo Europeo nella classe 420 (sia assoluto che femminile) juniores e campionesse nazionali in carica dallo scorso anno.

Gli equipaggi pugliesi sono pronti alla competizione e lo scorso fine settimana si sono allenati insieme con il maestro Stefano Marchetti che ha curato un raduno di classe con gli atleti delle tre società pugliesi che stanno lavorando in questa classe: Lega Navale e Circolo della Vela di Bari e Circolo Ondabuena di Taranto. Tutti e tre i circoli, infatti, saranno presenti al campionato con un totale di sei gli equipaggi: uno del CV Ondabuena di Taranto (Alessia De Vita e Federica Catapano Minotti); tre del Circolo della Vela di Bari (Laura Longo con Laura Ambrosi; Ilaria Di Tonno con Isabella Carabellese; Martina Lattanzi e Ilaria Carofiglio); e due della Lega Navale di Bari (Elena Antonaci con Serena Schiavone e Martina Melica con Fabiola Bergamin).

La prima regata partirà alle 13 di venerdì 1 novembre. A seguire le altre. Da regolamento ogni giorno potranno essere effettuate un massimo di tre prove, per un totale di nove prove. Tuttavia se il tempo non dovesse consentire lo svolgimento di tutte le prove per assegnare il titolo di campione nazionale sarà sufficiente disputare quattro prove totali.

Per adesso le previsioni sono buone. Organizzatori e regatanti sperano che restino così per disputare un campionato con i fiocchi. Raffaele Ricci, past president dell’VIII zona FIV, presente alla conferenza stampa, ha infatti sottolineato come quello che fa di un campionato un successo è la possibilità di disputare tutte le prove e di regata con il vento giusto. E intanto si organizza anche la cerimonia di accoglienza per tutti gli iscritti. L’appuntamento è per il 31 ottobre alle 20.30 alla Lega Navale.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=18214

Scritto da su Ott 29 2013. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab