Home » News, Regate, Sport » Aggiornamento sulla Mini Transat

Aggiornamento sulla Mini Transat

Ecco l’ultimo aggiornamento sulla Mini Transat pubblicato ieri, domenica 17 novembre, sul sito ufficiale della classe italiana Mini 650. Ulteriori informazioniall’indirizzo www.classemini.it/portale/

Dopo i primi 4 giorni a canna morta, i 64 Mini 6.50 rimasti in gara (41 Serie e 23 Proto) affrontano in queste ore l’arcipelago delle Canarie, con il cancello di Arrecife (Lanzarote) da passare obbligatoriamente prima di lasciare a dritta l’isola di La Palma. Come previsto sin dalla partenza da Sada, i Mini che lo desiderano possono fare un pit-stop per riparare piccole e grandi “bue” (di minimo 12 ore e massimo 72) nel porto spagnolo ancora parato a festa per accogliere la flotta, nonostante l’annullamento della prima tappa. E se per ora (20h00) solo i due Proto di Nicolas Boidevezi e Julien Pulve e il Serie di Renaud Mary hanno scelto di fermarsi, altri Mini hanno già comunicato all’organizzazione di voler anch’essi fare scalo per riparare, fra cui David Genest, Raphaëla Le Gouvello, Yoann Tricault e Erwan Pellen.

Gli italiani che stanno negoziando in queste ore l’entrata nell’arcipelago, non ci risulta abbiano quest’intenzione. Fermarsi, anche solo per qualche ora, è una scelta non solo tecnica, a volte inevitabile, ma anche psicologica. Le sirene della terraferma ce la metteranno tutta ad attirare i marinai, ma penso che mantenere il ritmo dell’oceano che si è creato in questi quattro giorni, sia molto importante, anche e soprattutto per l’approccio al Grande Salto verso la Guadalupe. Il corpo e la mente hanno iniziato ad abituarsi alla cadenza disordinata ma naturale, imposta dal vento e dal mare e spezzarla può essere deleterio. Ciò detto, ovviamente solo i ministi sentono e sanno ciò che è giusto, per loro e per la loro barca.

Se per i primi della flotta il cancello di Arrecife è già nella scia e il prossimo passo è scegliere la strategia vincente per uscire dall’arcipelago spagnolo, per i chiudifila mancano ancora più di 300 e passa miglia per scorgere le luci di Lanzarote.

Le opzioni che si delineano per il Grande Salto sono sostanzialmente due: puntare decisi a Sud per sperare di agganciare un aliseo più stabilito e potente, oppure fare lo slalom fra le Canarie, mantenendosi quanto più vicino possibile alla rotta ortodromica. Per costruire la loro strategia i Ministi hanno pochi elementi: l’esperienza di altre regate con questo percorso, i bollettini meteo diramati dalla direzione di corsa via SSB e l’osservazione di quanto li circonda. Il tutto condito da un pizzico di intuizione e spontaneità.
Per ora Giancarlo Pedote (Prysmian) è l’unico ad aver scelto l’opzione decisa a Sud, mentre gli altri due Proto di Bertrand Delesne e Benoit Marie si sono “allineati” sull’ortodromica. Fra i Serie, al rilevamento delle 8 sembra che i primi due, Aymeric Belloir e Simon Kostner, seguano le orme dei loro connazionali, mentre Justine Mettraux da l’impressione di tenere una coraggiosa rotta a Sud.

Gli altri italiani si avvicinano veloci a Lanzarote: Alberto Bona (Onlinesim.it) sta tenendo medie altissime, 9.5 nodi contro i 7.9 e 8.5 dei suoi più diretti avversari, ed è in nona posizione a sole due miglia dal settimo e a una cinquantina dall’isola spagnola. Lui e Michele Zambelli (Fontanot), che nel pomeriggio ha sgranocchiato un’altra posizione ed è 11mo a più di 9 nodi, dovrebbero scapolare l’isola spagnola fra stanotte e domani all’alba, Eolo permettendo.

Andrea Iacopini (Umpa Lumpa) tiene una rotta decisa per 196° e viaggia in 22esima posizione a 7.8 nodi, Federico Fornaro, 33mo, dal tracking sembra stia andando a cercare un po’ più vento a Ovest, mentre Federico Cuciuc (Your Sail), subito dietro di lui in classifica, sta riavvicinandosi alla flotta dopo l’allontanamento di ieri, forse dovuto a un problema tecnico.
(Francesca Pradelli)

Leggi anche:

  1. Mini Transat: domani mattina si parte
  2. Mini Transat: niente prima tappa, si andrà direttamente in Guadalupa
  3. Quando partirà la Mini Transat?
  4. SANREMO MINI SOLO: VINCE ADRENALINA
  5. SABBATINI VINCE LA SANREMO MINI SOLO

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=18537

Scritto da Redazione su nov 18 2013. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab