Home » Altro, News, Sport » La vocazione dello sport come mezzo di inclusione: la storia di Monica Priore

La vocazione dello sport come mezzo di inclusione: la storia di Monica Priore

Parte con un testimonial d’eccezione, che mira a portare con sé questo messaggio, il calendario di iniziative del Coni nell’ambito del Salone Nautico di Puglia. Lei è Monica Priore, nuotatrice mesagnese che nonostante il diabete si è resa protagonista di risultati straordinari, come la traversata dello stretto di Messina nel 2007 e la Capri-Meta di Sorrento nel 2010. Al suo attivo, anche la partecipazione ai mondiali master nel 2012 a Riccione.

Nella conferenza che si è tenuta alla Casa del Turista, la Priore ha raccontato la sua storia, i passaggi che le hanno permesso di superare l’impedimento della malattia ed i suoi progetti per il futuro. In particolare, ce n’è uno per il 2015: “La mia intenzione – spiega la nuotatrice – è girare per tutte e venti le regione italiane, ed in ognuna di queste fare una traversata di almeno 5 chilometri, in mare, lago o piscina. Vorrei farlo per sensibilizzare sul fatto che chi è affetto dal diabete di tipo 1 deve essere integrato in una maniera appropriata. Porre limiti non utili porta a sfiduciare chi è affetto da questa malattia”.

Parole di soddisfazione anche dal delegato provinciale del Coni, Nicola Cainazzo: “Lo sport – dice – si deve confermare come uno straordinario mezzo di inclusione e Monica è uno degli esempi migliori”.

 

Francesco Trinchera

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. L’emozione della Traversata dello Stretto
  2. Il mondo delle immersioni: tra fascino, sport e storia
  3. Un team e una tappa, la Volvo Ocean Race in Brasile, capitale mondiale dello sport
  4. Brindisi Città Europea dello Sport 2014: Consales punta sulla vela
  5. REGATA DI MEZZO SCHIFO: I VINCITORI

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=21232

Scritto da Francesco Trinchera su apr 30 2014. Archiviato come Altro, News, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab