Home » News, Regate, Sport » CAMPIONATO INVERNALE DI SANTA MARINELLA PER ESTE 24

CAMPIONATO INVERNALE DI SANTA MARINELLA PER ESTE 24

ROMA – Tornano a regatare gli Este 24 per il Campionato Invernale di Santa Marinella dedicato al monotipo, dopo il “no wind no race” di due settimane fa, domenica si sono disputate 3 regate con condizioni meteo primaverili, se si pensa ai giorni scorsi quando in tutta Italia e sopratutto nelle zone del Lazio sono stati tormentati dal maltempo, sembrava di essere ai Caraibi. Erano presenti sulla linea di partenza ben 21 equipaggi che hanno disputato tre prove, grazie alla perfetta conduzione del Comitato di Regata gestito dal Circolo Nautico Guglielmo Marconi.

La classifica finale parla chiaro con 3 barche diverse a tagliare il traguardo per primi, segno di gran equilibrio raggiunto dalla classe che porta in testa Wasabino di Gianluca Raggi con due secondi posti e un terzo. Nella prima prova è Marco Flemma con Ricca d’Este (1-6-7) ad aprire le danze, poi Alberto Rossi con RiDeCosi (5-1-5) del Circolo Canottieri Aniene con al timone la figlia Claudia, ed infine Paolo Brinati su Gorditos II (8-5-1) a finire in testa all’ultima manche.

Un piazzamento regolare de La Poderosa (4-3-2) lo fa invece passare al secondo posto della classifica provvisoria. Buono spunto di Stefano Fusco su Sportimages (3-8-8) nella prima e un buon inizio per Luca Tubaro che in questo invernale ha preso il comando di La Prima della Classe (7-4-4) con un equipaggio misto che oggi ospitava anche una rappresentante dell’Università Luiss. Vivo l’interesse dei ragazzi universitari che sono presenti in questo invernale con il CUS Roma ed il CUS Ancona, rappresentati rispettivamente da Jacopo Pasanisi e da Matteo Moralizza. C’è anche molto interesse per il nuovo sviluppo di una randa square top che la classe ha intenzione di mettere a punto per la stagione 2016. Infatti il sabato precedente si è vista in acqua su Ricca d’Este e su Gorditos una randa progettata dall’Olimpic Sails, messa a disposizione degli armatori per verificarne le performance.

Chiusa questa “prima vera” giornata di regate, è già il momento di pensare al prossimo appuntamento fra due settimane e alle nuove idee che circolano tra gli equipaggi, novità, accorgimenti tecnici che terranno banco nelle prossime settimane per la classe che sta dimostrando di essere la più vivace nelle vetrina italiana dei monotipi di piccola taglia.Federico Chiattelli, tattico di Ricca D’Este di Marco Flemma: “oggi siamo riusciti a vincere la prima prova, le condizioni di onda da scirocco era evidente e fastidiosa, ma in generale le condizioni erano buone.

Oggi la barca era settata molto bene e siamo contenti di come siamo riusciti a condurla. Nella seconda prova una defaillance con il gennaker ci ha un pò penalizzato, nella terza siamo rimasti nel traffico della partenza, una flotta come sempre molto competitiva”.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=25194

Scritto da su Nov 10 2014. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab