Home » News, Regate, Sport » AL VIA IL CAMPIONATO INVERNALE DI VELA D’ALTURA CITTÀ DI BARI

AL VIA IL CAMPIONATO INVERNALE DI VELA D’ALTURA CITTÀ DI BARI

BARI – Due giornate a dir poco primaverili hanno accompagnato l’avvio del Campionato invernale di Vela d’altura Città di Bari, organizzato dai circoli nautici cittadini e coordinato quest’anno dal CUS Bari. A dare il via al consueto appuntamento velico cittadino che da 16 anni si ripete senza colpi di arresto, è stato il Trofeo Cristoforo Bottiglieri organizzato dal Circolo della Vela di Bari.

Ventuno le imbarcazioni iscritte al campionato: 10 per l’altura (7 in classe Crociera/Regata e 3 in Gran Crociera) e 11 per la Minialtura. Tutte hanno regatato con vento da maestrale tra i 6 e i 12 nodi (6-10 nella prima e 9-12 nella seconda). I campi di regata sono stati allestiti entrambi nello specchio d’acqua antistante il lungomare Sud di Bari a non troppa distanza dalla costa, e quindi visibili dal lungomare dove tanti curiosi si sono fermati ad osservarle le vele in mare. Mentre per l’altura però il percorso era un bastone di circa 6 miglia marine, per la minialtura il percorso non superava le 4 miglia circa, sempre bastone. Ottima l’organizzazione garantita dal CV Bari e il coordinamento del Comitato di Regata presieduto da Giacomo Infante.

Nella classifica overall altura, al momento in testa si trova Morgan IV di Nicola De Gemmis (CC Barion) con al timone Corrado Capece Minutolo (CV Bari), seguito da Orione di Nunzio Pio Bellincontro (LNI Bari) con Salvatore Cervellieri (LNI Bari) e da Neo400 Carbon di Paolo Semeraro (CV Bari) con il giovanissimo Claudio Arborea (CV Bari) al timone. Andando a spulciare, invece, le classifiche di classe, tra i Crociera Regata Morgan IV è al primo posto seguita da Neo400 Carbon e da Pervinca di Cosimo Ostuni (LNI Monopoli) con al timone Andrea Micheli (CV Bari).

Tra i Gran Crociera, primo posto per Orione di Nunzio Pio Bellincontro (LNI Bari) con Salvatore Cervellieri (LNI Bari) con alle spalle Aida di Giuseppe Miccolis (CUS Bari) timonata da Giuseppe Russo (CV Bari) e Soft di Graziano Giobbe (CV Giovinazzo) armatore e timoniere. Nella Minialtura, invece, è Five for Fighiting3 di Tommaso De Bellis (LNI Monopoli) con Giulio Desiderato (LNI Monopoli) a guidare la classifica, con alle spalle Nellaria di Vito Laforgia (CN Bari) con Fabrizio Buono (CV Bari) al timone e da Jerry Speed di Livia Federici (LNI Bari) con Valerio Galati (LNI Bari) al timone. In cinque hanno invece preso il largo con la veleggiata che accompagnava la regata vera e propria. Il percorso allestito per i partecipanti era un quadrilatero di circa 5 miglia che ha fatto divertire parecchio i partecipanti.

Il XXVII Trofeo Bottiglieri, dedicato al dirigente della Federazione Italiana Vela dove per lunghi anni ha ricoperto prestigiosi incarichi, e soprattutto è stato il padre sportivo e punto di riferimento di tanti velisti nostrani, contribuendo a scrivere alcune delle pagine più belle della storia della vela barese, viene assegnato a Morgan IV di Nicola De Gemmis per l’altura e a Five for fighting 3 di Tommaso De Bellis.

Durante la premiazione, organizzata dal CV Bari nella sua sede al Molo Borbonico (all’interno del porto commerciale di Bari) Paolo Semeraro, con l’equipaggio della sua Neo 400 Carbon Banks Sails, ha raccontato quanto vissuto durante l’ultima edizione della Rolex Middle Sea Race, dove ha conquistato il terzo posto assoluto e il primo di categoria, navigando con vento oltre 50 nodi e onde giganti per le ultime 200 miglia.Il prossimo appuntamento in calendario con il Campionato Invernale d’altura è fissato per il 6 dicembre prossimo con la XVI Coppa CUS.
Foto: Battista/Taccola

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=25494

Scritto da su Nov 24 2014. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab