Home » News, Regate, Sport » Invernale Riva di Traiano: omaggio all’Ammiraglio Straulino, poi la regata con Lancillotto sugli scudi

Invernale Riva di Traiano: omaggio all’Ammiraglio Straulino, poi la regata con Lancillotto sugli scudi

ROMA – Un minuto di silenzio per ricordare l’Ammiraglio Agostino Straulino nel decennale della morte. Così è iniziato questa mattina il briefing dell’Invernale di Riva di Traiano – Trofeo Paolo Venanzangeli, alla presenza anche dell’Ammiraglio Gianni Bernard, amico e profondo conoscitore dell’animo di Straulino.

“Il cuore di un velista sa sempre a cosa dare la precedenza – ha commentato il presidente del Circolo Nautico Riva di Traiano, Alessandro Farassino – e ricordare l’Ammiraglio Straulino a 10 anni dalla sua scomparsa e a 100 anni dalla sua nascita, era doveroso ed è stato anche un omaggio sentito da tutti i regatanti. Straulino era già  presente alle Olimpiadi del ‘36, a Berlino, riserva in Classe Star. Poi in acqua a Londra, con l’oro perso solo per un disalberamento ed infine il trionfo di Helsinki nel ’58. Per rivedere un oro olimpico nella vela, dopo di lui, abbiamo dovuto attendere Alessandra Sensini e il nuovo millennio”.

Poi il briefing e via in acqua, perché la giornata si annunciava divertente con un bel vento intenso da SE sui 16/18 nodi che ha ravvivato (e molto) la 3° prova del Campionato Invernale Riva di Traiano, permettendo alla flotta del gruppo Regata di completare il percorso a bastone lungo 12 miglia. Colpo di scena: il First 45 “Vahiné7” di Francesco Raponi ha chiuso la regata odierna 8° in tempo compensato IRC e scende in classifica generale provvisoria (dopo 3 prove disputate) fino al 4° posto, dando la possibilità al First 40 “Lancillotto” dello Yacht Club Costa Smeralda (con a bordo Antonio Sodo Migliori e Pietro Fiammenghi), vincitore della prova di oggi, di prendere la testa della classifica IRC con un vantaggio di 3 punti sul secondo “Vulcano 2”, il First 34.7 di Beppe Morani e Marina Zamorani. Alle loro spalle terzo, con un solo punto di differenza dal secondo, c’è il First 45 “Er Cavaliere Nero” di Paolo Morville con a bordo, tra gli altri, Corrado Tartarini e Marzio Dotti.
Invece nella classifica ORC, Vahiné 7 è sceso in 3° posizione nella classifica generale; primo è “Lancilotto” e secondo “Er Cavaliere Nero”. Un ottimo quarto posto per “Tani e Tasky 4” il First 45 di Guido Deleuse. Rimangono quindi molto combattute le teste della classifiche IRC e ORC, quando mancano ancora 4 regate da disputare.Nella flotta del Gruppo Crociera, che ha coperto il percorso ridotto di 6 miglia, torna a vincere “Twins”, l’Hanse 430 di Francesco Sette, prendendo così la testa della classifica e lasciandosi dietro “White Pearl” il Sun Odyssey 44 di Roberto Bonafede e “Blue Bite IV” Grand Soleil 54 di Raimondo Lo Forti.
Sotto i portici di Piazzetta dei Marinai è andato in scena a fine regata un “terzo tempo” molto partecipato, con una serie di assaggi di prodotti tipici del territorio offerti dalla Civitatours, e un’ampia degustazione di vini, che hanno reso ancor più sentiti gli auguri natalizi a tutti i regatanti.

Appuntamento al 2015, con questo calendario di regate: 18 gennaio, 1 febbraio, 15 febbraio, 2 marzo e 14 marzo 2015.

Leggi anche:

  1. Invernale Riva di Traiano: Vahine’ 7 vuole finire l’anno da leader
  2. Invernale Riva di Traiano: domenica in acqua per una seconda prova
  3. Invernale Riva di Traiano: Lancillotto vince nel libeccio
  4. Trofeo “Paolo Venanzangeli”: Campionato Invernale Riva di Traiano 2014-2015
  5. Da Riva di Traiano a Riva di Traiano: Matteo Miceli traccia la rotta per un “Roma Globe” di 28.000 miglia

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=25939

Scritto da Redazione su dic 15 2014. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab