Home » News, Regate, Sport » Quantum Key West Race Week 2015: Calvi Network subito competitivo

Quantum Key West Race Week 2015: Calvi Network subito competitivo

KEY WEST – Avvio convincente per Calvi Network (oggi 4-12) tra le boe della Quantum Key West Race Week. Dopo le prime prove, disputate in regime di brezza medio-leggera da nord-nordest, ritiratasi in modo “disordinato” con l’avanzare della giornata, il J/70 di Carlo Alberini occupa il terzo posto a una sola lunghezza da Heartbreaker (13-2), lo scafo di Robert Hughes e dello specialista di match race Taylor Canfield, e a quattro dal leader della classifica provvisoria Perseverance (11-1) di Bennet Greenwald ed Eric Doyle.

La top five è completata dai messicani di Flojito Y Cooperando (Necklemann-Vascotto, 1-16), vincitori della prova di apertura, e da Moxie (Alisop-Horowitz, 3-14). Attardati più del previsto i campioni iridati di Helly Hansen (7-25): Tim Healey e il suo equipaggio, vincitori del Mondiale disputato a Newport lo scorso anno, pagano con il diciottesimo posto una giornata poco ispirata ma restano comunque un avversario cui prestare attenzione per tutti i componenti la flotta.

La classifica particolarmente corta – i primi nove sono radunati in altrettanti punti – rende chiara l’idea di una classe molto equilibrata nonostante la sua espansione appaia tutt’altro che terminata; a tal proposito va sottolineato che nelle Florida Keys sono ben cinquantaquattro le barche in regata, in rappresentanza di sette Nazioni.

“Il 2015 si è aperto con una giornata complicata dal punto di vista meteo: il vento è stato meno intenso del previsto e quando ha iniziato a ritirarsi la lettura del campo di regata si è fatta ancor più impegnativa. Alla luce di ciò siamo soddisfatti di questo avvio perché ci ha dato conferme interessanti circa la velocità sull’acqua e il boat handling” ha spiegato Carlo Alberini una volta a terra.

A Key West, dove Calvi Network è l’unico equipaggio italiano in gara, le regate proseguiranno fino a venerdì al fronte di condizioni medio-leggere. La serie è prevista su un massimo di dodici prove, tutte valide ai fini del risultato finale.

In Florida, Carlo Alberini è affiancato da Branko Brcin (tattico), Karlo Helijak (randista), Sergio Blosi (trimmer e comandante) e Irene Bezzi. (coach).

Terminata la trasferta nelle Florida Keys, punto più meridionale del territorio statunitense, Calvi Network sarà nuovamente in Florida per la Bacardi Miami Sailing Week (1-7 marzo). Il team di Carlo Alberini tornerà quindi nel Vecchio Continente per prendere parte a due tappe della Coppa Italia (16-17 maggio e 13-14 giugno), eventi che condurranno verso il Mondiale di La Rochelle (7-11 luglio) e l’Europeo di Monaco (12-17 ottobre); il calendario di Calvi Network prevede anche la partecipazione alla quinta tappa della Coppa Italia (10-11 settembre).
Nel corso della stagione 2015 l’attività del Lightbay Sailing Team è supportata da Calvi Network, leader mondiale nella produzione di profili speciali in acciaio, e Iconsulting, system integrator italiano specializzato in Business Intelligence e sistemi a supporto delle decisioni.

Foto: Taccola

Leggi anche:

  1. Quantum Key West Race Week 2015: il 2015 di Calvi Network inizia in Florid
  2. J/70 European Championship e Campionato Italiano: Calvi Network subito protagonista
  3. Coppa Italia J/70: Calvi Network la spunta anche a Riva del Garda
  4. Coppa Italia J/70: Calvi Network rimonta una classifica corta
  5. Coppa Italia J70: Calvi Network subito al comando

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=26503

Scritto da Redazione su gen 20 2015. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°4

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere con un focus sull'Italian Cruise Watch e l'Ocean Cay di MSC Crociere. Due interviste esclusive ai presidenti di Autorità di Sistema: Pietro Spirito e Sergio Prete. Una riflessione sulla "Rotta Artica" ed un approfondimento sulla fascia costiera brindisina: estetica, criticità ed opportunità. Poi approfondimenti sulle Zes ed un progetto: "COSIRIFAREIBARI" che mira a cambiare il modo di spostarsi in città.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab