Home » News, Regate, Sport » Quantum Key West Race Week 2015: Calvi Network subito competitivo

Quantum Key West Race Week 2015: Calvi Network subito competitivo

KEY WEST – Avvio convincente per Calvi Network (oggi 4-12) tra le boe della Quantum Key West Race Week. Dopo le prime prove, disputate in regime di brezza medio-leggera da nord-nordest, ritiratasi in modo “disordinato” con l’avanzare della giornata, il J/70 di Carlo Alberini occupa il terzo posto a una sola lunghezza da Heartbreaker (13-2), lo scafo di Robert Hughes e dello specialista di match race Taylor Canfield, e a quattro dal leader della classifica provvisoria Perseverance (11-1) di Bennet Greenwald ed Eric Doyle.

La top five è completata dai messicani di Flojito Y Cooperando (Necklemann-Vascotto, 1-16), vincitori della prova di apertura, e da Moxie (Alisop-Horowitz, 3-14). Attardati più del previsto i campioni iridati di Helly Hansen (7-25): Tim Healey e il suo equipaggio, vincitori del Mondiale disputato a Newport lo scorso anno, pagano con il diciottesimo posto una giornata poco ispirata ma restano comunque un avversario cui prestare attenzione per tutti i componenti la flotta.

La classifica particolarmente corta – i primi nove sono radunati in altrettanti punti – rende chiara l’idea di una classe molto equilibrata nonostante la sua espansione appaia tutt’altro che terminata; a tal proposito va sottolineato che nelle Florida Keys sono ben cinquantaquattro le barche in regata, in rappresentanza di sette Nazioni.

“Il 2015 si è aperto con una giornata complicata dal punto di vista meteo: il vento è stato meno intenso del previsto e quando ha iniziato a ritirarsi la lettura del campo di regata si è fatta ancor più impegnativa. Alla luce di ciò siamo soddisfatti di questo avvio perché ci ha dato conferme interessanti circa la velocità sull’acqua e il boat handling” ha spiegato Carlo Alberini una volta a terra.

A Key West, dove Calvi Network è l’unico equipaggio italiano in gara, le regate proseguiranno fino a venerdì al fronte di condizioni medio-leggere. La serie è prevista su un massimo di dodici prove, tutte valide ai fini del risultato finale.

In Florida, Carlo Alberini è affiancato da Branko Brcin (tattico), Karlo Helijak (randista), Sergio Blosi (trimmer e comandante) e Irene Bezzi. (coach).

Terminata la trasferta nelle Florida Keys, punto più meridionale del territorio statunitense, Calvi Network sarà nuovamente in Florida per la Bacardi Miami Sailing Week (1-7 marzo). Il team di Carlo Alberini tornerà quindi nel Vecchio Continente per prendere parte a due tappe della Coppa Italia (16-17 maggio e 13-14 giugno), eventi che condurranno verso il Mondiale di La Rochelle (7-11 luglio) e l’Europeo di Monaco (12-17 ottobre); il calendario di Calvi Network prevede anche la partecipazione alla quinta tappa della Coppa Italia (10-11 settembre).
Nel corso della stagione 2015 l’attività del Lightbay Sailing Team è supportata da Calvi Network, leader mondiale nella produzione di profili speciali in acciaio, e Iconsulting, system integrator italiano specializzato in Business Intelligence e sistemi a supporto delle decisioni.

Foto: Taccola

Leggi anche:

  1. Quantum Key West Race Week 2015: il 2015 di Calvi Network inizia in Florid
  2. J/70 European Championship e Campionato Italiano: Calvi Network subito protagonista
  3. Coppa Italia J/70: Calvi Network la spunta anche a Riva del Garda
  4. Coppa Italia J/70: Calvi Network rimonta una classifica corta
  5. Coppa Italia J70: Calvi Network subito al comando

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=26503

Scritto da Redazione su gen 20 2015. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab