Home » News, Regate, Sport » ROLEX SWAN CUP CARIBBEAN: I CIGNI DEL MARE AI CARAIBI PER LA ROLEX SWAN CUP CARIBBEAN

ROLEX SWAN CUP CARIBBEAN: I CIGNI DEL MARE AI CARAIBI PER LA ROLEX SWAN CUP CARIBBEAN

VIRGIN GORDA – Una flotta di 21 imbarcazioni Swan, in rappresentanza di sette nazioni, è pronta a volare sul meraviglioso campo di regata di Virgin Gorda, nelle Isole Vergini Britanniche, per questa seconda edizione della Rolex Swan Cup Caribbean. Le splendide imbarcazioni del cantiere finlandese Nautor’s Swan saranno impegnate, a partire da oggi, in quattro giorni di regate in cui si daranno battaglia suddivise in due categorie, Classe A (yacht di lunghezza superiore a 18.29 metri) e Classe B (yacht di lunghezza inferiore a 18.29 metri). L’evento, organizzato dallo Yacht Club Costa Smeralda in collaborazione con il title sponsor Rolex e Nautor, è in calendario fino a sabato 7 marzo.
L’istituzione di questa regata, due anni fa, ha segnato un momento importante nello sviluppo delle attività sportive nella sede caraibica dello YCCS. La manifestazione ha da subito catturato l’attenzione del panorama velico mondiale potendo contare su un campo di regata mozzafiato e sull’affluenza di velisti di fama internazionale che da diversi anni accorrono a Porto Cervo per l’appuntamento biennale con la Rolex Swan Cup. Un’atmosfera conviviale e un ricco programma sociale  rendono la settimana ancora più divertente.
“Per questa seconda edizione della Rolex Swan Cup Caribbean siamo contenti di avere una flotta di 21 barche, alcune delle quali protagoniste abituali delle regate a Porto Cervo” spiega Edoardo Recchi, Direttore Sportivo dello YCCS. “I prossimi giorni dovrebbero essere caratterizzati da un vento stabile proveniente da est di 20-22 nodi che calerà leggermente verso la fine della settimana, scendendo intorno ai 15-18 nodi per sabato.”

Lo Swan 601 americano Stark Raving Mad di James Madden scenderà in campo nella Classe A per difendere il titolo guadagnato nel 2013. “Faremo del nostro meglio per vincere, ma siamo qui soprattutto per divertirci” rivela Madden. “Per portare a casa la vittoria bisogna non commettere errori. Sono importanti i cambi di vela come le manovre  intorno alle boe e in mezzo alle isole, evitando gli sbagli perché sono certo che tutte le barche regateranno bene”. A dare filo da torcere agli americani ci saranno lo Swan 80 Selene, secondo classificato nel 2013, gli Swan 90 Freya e Odin così come lo Swan 90S  Solleone di Leonardo Ferragamo.
Tra i protagonisti della Classe B  gli Swan 53 Music e Naia’a e lo Swan 56 White Rhino tornano dopo l’edizione inaugurale e useranno la loro esperienza per imporsi. Il Club Swan 42 Kora, dell’italiano Paolo Scerni, è il più piccolo Swan in gara questa settimana.

Foto: Borlenghi

Leggi anche:

  1. RIPOSO FORZATO PER I CIGNI DELLA ROLEX SWAN CUP
  2. I CIGNI DEL MARE PRONTI A SALPARE PER LA ROLEX SWAN CUP
  3. CONCLUSA LA PRIMA EDIZIONE DELLA ROLEX SWAN CUP CARIBBEAN
  4. ROLEX SWAN CUP CARIBBEAN PRONTA AL VIA
  5. CONTO ALLA ROVESCIA PER LA ROLEX SWAN CUP

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=27490

Scritto da Redazione su mar 4 2015. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab