Home » News, Regate, Sport » Volvo Ocean Race: Dongfeng imbarca Damian Foxall

Volvo Ocean Race: Dongfeng imbarca Damian Foxall

AUCKLAND – L’equipaggio di Dongfeng Race Team si arricchisce di un altro asso della vela oceanica internazionale in vista della quinta tappa della Volvo Ocean Race. Lo skipper francese Charles Caudrelier ha chiamato l’esperto irlandese Damian Foxall a dare man forte al suo team.

I due si conoscono bene, avendo navigato insieme a bordo di Groupama il team vincitore dell’edizione 2011/12 del giro del mondo a vela e dunque l’irlandese è stata una scelta naturale per Caudrelier che ha voluto così dare maggiore esperienza al suo equipaggio composto anche da giovani cinesi, in vista di quella che è considerata la tappa regina della Volvo Ocean Race, la quinta da Auckland a Itajaì, in Brasile, per un totale di 6.776 miglia teoriche nei pericolosi oceani meridionali e con il passaggio di Capo Horn.

Damian Foxall, che ha partecipato a quattro edizioni della regata, è giunto nella città neozelandese fresco della vittoria nel EFG Sailing Arabia – The Tour (SATT), evento a tappe nelle acque degli emirati arabi, dove ha navigato con il noto velista francese Sidney Gavignet. Foxall si è detto felicissimo di entrare a far parte del team franco/cinese, che attualmente occupa la prima posizione della classifica overall a pari punti con Abu Dhabi Ocean Racing.

“Sono davvero contento di tornare alla Volvo Ocean Race, questa sarà la mia decima volta in un giro del mondo e avrò la chance di doppiare Capo Horn per l’ottava.” Ha detto l’irlandese. “E’ un privilegio per me avere l’opportunità di entrare nel team di Charles a bordo di Dongfeng, che ha fatto un lavoro eccezionale finora. Il mio ruolo sarà quello di integrarmi il meglio possibile, portando un po’ di energia fresca al team. E’ difficile comprendere quanto sia dura la Volvo Ocean Race per i velisti e i team, è l’evento sportivo più lungo e del mondo ed è proprio la durata che lo rende così difficile. Un turnover pianificato dell’equipaggio in momenti chiave è quindi diventato un requisito essenziale per qualsiasi gruppo che voglia far bene.”

Lo skipper Charles Caudrelier ha aggiunto: “Questa tappa si prospetta dura, con tanto freddo, tanto mare e tanto vento, solo i velisti migliori possono farcela.” L’entrata di Foxall nel gruppo non potrebbe arrivare in un momento migliore, dopo che le prime tre barche hanno concluso la quarta tappa ad Auckland con un distacco di soli otto minuti dopo venti giorni di navigazione e che ha visto la prima vittoria degli spagnoli di MAPFRE, a dimostrazione di quanto sia combattuta questa edizione.

Foxall per questa tappa prenderà il posto del transalpino Thomas Rouxel, nell’ottica di rotazione degli uomini che Caudrelier utilizza per essere certo di avere un equipaggio sempre fresco e in forma. A bordo di Dongfeng ritorna anche il navigatore Pascal Bidégorry, che nella quarta tappa era stato sostituito da Erwan Israel. Caudrelier annuncerà invece nei prossimi giorni quali saranno i velisti cinesi a partecipare alla quinta tappa, in partenza domenica 15 marzo.

Le partecipazioni di Damian Foxall alla Volvo Ocean Race
2001-02 (Tyco)
2005-06 (Ericsson)
2008-09 (Green Dragon)
2011-12 (Groupama sailing team)

Leggi anche:

  1. Volvo Ocean Race: gli spagnoli di MAPFRE vincono ad Auckland
  2. Volvo Ocean Race: Dongfeng non festeggia, bene Alvimedica
  3. Volvo Ocean Race: storica vittoria cinese per Dongfeng Race Team
  4. Charles Caudrelier skipper del Dongfeng Race Team per la Volvo Ocean Race
  5. Auckland ritorna per una doppia dose di Volvo Ocean Race

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=27499

Scritto da Redazione su mar 5 2015. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab