Home » News, Regate, Sport » Volvo Ocean Race: Dongfeng rompe l’albero, nessun problema per l’equipaggio

Volvo Ocean Race: Dongfeng rompe l’albero, nessun problema per l’equipaggio

CAPO HORN – Dongfeng Race Team ha rotto l’albero, nessuno a bordo è ferito e la barca procede verso Ushuaia in Argentina. E’ stato confermato che Dongfeng Race Team, uno dei sei team impegnato nella quinta tappa della Volvo Ocean Race ha rotto l’albero nelle prime ore di lunedì 30 marzo. Fortunatamente nessuno dei nove uomini a bordo è ferito e non c’è pericolo immediato per l’equipaggio.

L’incidente è avvenuto a circa 240 miglia ad ovest di Capo Horn, alle 3 e 15 UTC (le 5 e 15 del mattino in Italia) durante le ultime ore della notte a bordo di Dongfeng. L’equipaggio ha informato in Race Control Centre di Alicante, che l’albero si è rotto sopra la terza crocetta, ossia nella parte alta. Il team non intende continuare la regata per questa tappa e si sta dirigendo verso Ushuaia in Argentina, navigando a vela.

Raggiunto via telefono satellitare Inmarsat, un deluso Charles Caudrelier ha dichiarato: “Sono devastato. Come avete visto dai report delle posizioni, non stavamo attaccando, anzi avevamo un po’ tirato il freno. L’albero si è rotto all’improvviso senza dare segnali.. Avevamo circa 30 nodi di vento. Ora non siamo in grado di navigare in sicurezza mura a destra ma possiamo camminare abbastanza veloci mura a sinistra. Ci dirigiamo verso Ushuaia dove potremo fare una valutazione delle opzioni che abbiamo per raggiungere Itajaì.”

Il Centro di Coordinamento del Soccorso in Mare (MRCC) è a conoscenza della situazione e resta in stand-by in caso debba portare auto al team. Il Race Control Centre di Alicante è in contatto costante con Caudrelier e i suoi uomini per determinare la gravità del danno e assicurare che il team abbia tutto il supporto necessario per gestire al meglio al situazione.

Maggiori informazioni sono giunte ad Alicante nella mattinata. L’equipaggio di Dongfeng csi sta avvicinando all’ingresso del Beagle Channel, lo stretto nella punta meriodionale del sud America e cerca di utilizzare l’entrata di Bahia Cook. Il team molto probabilmente raggiungerà la zona nella notte, un approccio complicato e dunque il Race Control gli sta fornendo supporto

Per il momento da bordo confermano che la destinazione prescelta è Ushuaia, la barca più vicina è Team SCA che si trova 425 miglia dietro.

Leggi anche:

  1. Volvo Ocean Race: nessun problema di pirateria per la flotta
  2. Volvo Ocean Race: rottura a bordo di Dongfeng, ma il team tiene la seconda posizione
  3. Volvo Ocean Race: Dongfeng rompe e ripara, finalmente è arrivato il vento
  4. Charles Caudrelier skipper del Dongfeng Race Team per la Volvo Ocean Race
  5. Volvo Ocean Race: Team Sanya rompe un timone, al lavoro per le riparazioni

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=28073

Scritto da Redazione su mar 30 2015. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab