Home » News, Regate, Sport » KALO PASKA 2015 Regata Otranto-Corfù: “I VELISTI SONO EREMITI LAICI”

KALO PASKA 2015 Regata Otranto-Corfù: “I VELISTI SONO EREMITI LAICI”

OTRANTO – “I velisti sono eremiti laici”, è con queste parole che padre Giovanni Giannoccolo, della chiesa ortodossa San Nicola di Mira di Brindisi, ha benedetto la partenza della “Kalo Paska”. La tradizionale regata Otranto-Corfù organizzata dalle associazioni “Il Gabbiere” e “Salento in Vela” e fortemente voluta dal presidente nazionale Assonautica Alfredo Melcarne.

Di fatto, pur essendo la città di Corfù dove si svolgono i festeggiamenti della Pasqua Ortodossa la meta finale, la regata vera e propria è sino ad Othonoi (Fanò per gli italiani), la prima delle isole Diapontine a Nord dell’isola di Corfù. Le 45miglia di distanza sono il Canale d’Otranto che è sempre impegnativo da attraversare, ed è il meteo il vero giudice di gara. La partenza prevista per giovedì scorso è stata posticipata al giorno successivo per via della forte tramontana e del mare grosso.

È così la mattina presto di venerdì sulla banchina dell’Assonautica di Otranto c’erano i velisti più ostinati, quelli che non volevano rinunciare a raggiungere l’altra sponda per godersi la benedizione ortodossa, e padre Giovanni che ha recitato un breve rito cantato, intercalato dal Kirieleison. Ma il meteo è un giudice di gara capriccioso, il mare proibitivo si è poi trasformato in una bonaccia senza speranza. Dunque tutte le barche in gara si sono ritirate ma hanno proseguito l’antico pellegrinaggio verso Oriente, percorrendo a ritroso il famoso viaggio di san Nicola di Mira, il Santo conteso dalle due sponde dell’Adriatico.

Inutili il dispiegamento di vele, la pulizia delle carene ma non certo la benedizione di padre Giovanni, poiché l’isola di Othonoi ha accolto i velisti con la sua natura selvaggia in piena fioritura primaverile e le prime lucciole risvegliate dal caldo tanto atteso anche da loro. Ma il tempo delle regate non è finito per i velisti di “Più Vela per Tutti”, poiché il 9 maggio è prevista la seconda edizione del Trofeo “Asso Cup”, la regata che si svolge a S. Maria di Leuca. L’”Asso Cup”, che passa di mano di anno in anno, verrà assegnato all’equipaggio che vincerà la regata disputata dalle tre barche che si sono classificate prime nei rispettivi campionati invernali di Otranto, Leuca, Gallipoli e Taranto.
Prossimo appuntamento: II edizione “Asso Cup”, 9 maggio_Santa Maria di Leuca.

Leggi anche:

  1. SESTO CAMPIONATO INVERNALE OTRANTO: IL GABBIERE VINCE IL CAMPIONATO 2014-2015
  2. SESTO CAMPIONATO INVERNALE OTRANTO: SETTIMA REGATA
  3. SESTO CAMPIONATO INVERNALE OTRANTO TERZA REGATA: I GROPPI CHE AIUTANO A VINCERE
  4. “PIU’ VELA PER TUTTI” SESTO CAMPIONATO INVERNALE OTRANTO: PRIMA REGATA
  5. E’ record di iscrizioni alla Regata Internazionale Brindisi-Corfu

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=28455

Scritto da Redazione su apr 17 2015. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab