Home » News, Regate, Sport » LA FEDERVELA RICONOSCE LA LEGAVELA E PARTE L’ITALIAN CHAMPIONS LEAGUE

LA FEDERVELA RICONOSCE LA LEGAVELA E PARTE L’ITALIAN CHAMPIONS LEAGUE

MILANO – Grazie alla sinergia tra la FIV e la LIV, l’Italia è diventata ufficialmente il quattordicesimo paese europeo ad introdurre il nuovo format di regata, innovativo e di grande impatto, sia sportivo che mass-mediatico, che pone al centro del progetto il circolo velico in quanto tale, che esalta il suo guidone e che lo mette sportivamente in competizione con gli altri Club.
Lo scorso 24 giugno, a Milano, i vertici della Federazione Italiana Vela, guidati dal suo Presidente Carlo Croce, hanno incontrato il Presidente della Lega Italiana Vela Roberto Emanuele de Felice per definire tutti gli aspetti normativi e operativi al fine di perfezionare il formale riconoscimento federale della Legavela.
L’esito dell’incontro è stato più che positivo e… la procedura di partenza è iniziata! ”Abbiamo apprezzato molto la disponibilità della Lega Italiana Vela a conformarsi alle nostre richieste – ha dichiarato il Presidente della FIV Carlo Croce nel comunicato federale- nel comune interesse di portare avanti il progetto dell’Italian Champions League e soprattutto di implementare l’attività di squadra dei nostri circoli velici affiliati”.
Il prossimo appuntamento sarà quindi il Kick Off organizzato a Napoli dal Reale Yacht Club Canottieri Savoia dal 24 al 26 luglio 2015. I primi due Club classificati saranno qualificati alla Sailing Champions League 2015, organizzata a Porto Cervo dallo Yacht Club Costa Smeralda dal 18 al 20 settembre 2015, e potranno così incrociare i loro guidoni con i migliori Club europei.
“Da quando ho assistito al primo kick off della Sailing Champions League a Copenaghen, lo scorso ottobre – dichiara Alessandro Maria Rinaldi, fondatore e Consigliere della Lega Italiana Vela –  ho capito subito che in Italia avrebbe potuto incontrare il favore di molti circoli velici, perché questa non è solo una competizione tra esperti velisti ma un modo per attivare la vela sociale a basso costo col massimo della competizione. In tutte le altre regate di flotta e nei monotipi infatti c’è sempre una corsa alla barca migliore, all’attrezzatura più moderna, allo sviluppo delle vele, al rating, elementi che incidono sul budget e quindi sui risultati.

Nella Champions League invece le barche, messe a disposizione dall’organizzazione, sono tutte uguali, le manovre sono fisse e gli equipaggi si scambiano le imbarcazioni ad ogni regata. Quindi i valori vincenti sono solo l’affiatamento del team, il talento e la tattica di regata, elementi che esaltano gli uomini e le donne del proprio Circolo Velico. Questo potrebbe spingere i Club a sviluppare la propria attività sportiva nel selezionare i team che dovranno difendere il proprio guidone a livello zonale, nazionale ed internazionale.”
“Per la Legavela era essenziale essere accolti nella famiglia della Federvela e ci siamo riusciti per la qualità del nostro progetto sportivo – sono le parole di Roberto Emanuele de Felice, fondatore e Presidente della Lega Italiana Vela –  la cui valenza può essere solo positiva per la vela italiana e per i suoi circoli. Adesso possiamo davvero immergerci nell’organizzazione del Kick Off di Napoli e navigare al gran lasco fino al traguardo”.

Leggi anche:

  1. La Lega Italiana Vela promuove il Campionato tra Clubs e la Sailing Champions League
  2. SAILING CHAMPIONS LEAGUE: C.C.Aniene in vetta con i danesi e norvegesi
  3. Il team YCCS alla Sailing Champions League a Copenaghen
  4. SAILING CHAMPIONS LEAGUE: Il Circolo Canottieri Aniene a Copenhagen con i suoi migliori velisti
  5. Start for the Champions League of the Sailors

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=30474

Scritto da Redazione su giu 30 2015. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab