Home » News, Regate, Sport » Concluso il J24 World Championship 2015: il titolo agli inglesi de Il Riccio

Concluso il J24 World Championship 2015: il titolo agli inglesi de Il Riccio

BOLTENHAGEN – Ian Southworth e il suo equipaggio (GBR 5219 il Riccio), in testa sin dalla seconda giornata, hanno conquistato la vittoria finale (2,10,1,2,1,3,3,52,1,1 i parziali e 24 punti) e il titolo di campioni del mondo 2015 della Classe J24 anticipando sul podio gli americani Mike Ingham con Usa 5443 Nautalytics (5,28,3,1,4,1,1,7,10,8 e 40 punti) e Travis Odenbach con Usa 5432 Dr.Feelgood (20,5,4,9,5,14,5,2,9,12 e 65 punti).

Dopo le dieci regate disputate da oltre cinquanta equipaggi (provenienti da Argentina, Barbados, Francia, Giappone, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Italia, Olanda, Perù, Svezia, Ungheria e Usa), si è, infatti, concluso il J24 World Championship 2015 ben organizzato nelle acque tedesche di Boltenhagen (mar Baltico) dal Norddeutscher Regattaverein, uno dei più antichi Yacht Club tedeschi.

Per i quattro portacolori azzurri, il Mondiale, iniziato nei migliori dei modi (dopo le prime due regate La Superba e Jamaica erano terzi ex aequo e il giorno seguente Jamaica era passato in seconda posizione) si è poi concluso con il decimo posto (e una vittoria di giornata) di Ita 416 La Superba, il J24 del Centro Velico di Napoli della Marina Militare detentore del titolo tricolore 2015 (con Ignazio Bonanno al timone, il tailer Simone Scontrino, il due Francesco Picaro, il prodiere Alfredo Branciforte e il centrale/tattico Luigi Ravioli, 9,6,15,26,15,15,25,1,31,13 i parziali e 125 i punti), il 22° di Ita 212 Jamaica armato e timonato dal Presidente della Classe italiana J24 Pietro Diamanti (in equipaggio con il fratello Giuseppe, Fabrizio Ginesi, Paolo Governato e Giuseppe Garofalo, CN Marina di Carrara, 8,7,11,11,40,26,24,52,13,38 i parziali e 178 i punti), il 45° di Ita 371 Joc armato e timonato dal Capo Flotta del Garda, il triestino Fabio Apollonio (in equipaggio con Lorenzo Marini, Alessia Bellotti, Tom Fusato e Fabio De Rossi, STV) (31,46,43,42,46,49,39,31,40,45 i parziali e 363 i punti) e il 47° di Ita 439 L’Emilio dell’A.S. Compagnia del Mare Molfetta (timonato da Francesco Mastropierro con Francesco Bozzetti, Dino Colella, Antonio Macina e Leonardo Cappelluti, Uisp e CV Molfetta, 43,52,36,41,35,52,46,30,52,41 e 376 punti).

“E’ stato un Mondiale bellissimo” ha commentato il Presidente della Classe italiana J24, il carrarino Pietro Diamanti “Una grande opportunità e un’utilissima esperienza di confrontarci con altri equipaggi molto competitivi e con differenti modi di regolare e portare le barche. Purtroppo, dalla terza giornata, non abbiamo trovato le condizioni alle quali siamo abituati noi italiani”.

Nel nostro caso abbiamo pagato soprattutto il 40° posto di giornata e la bandiera nera. Voglio comunque ringraziare il Comitato Organizzatore, i nostri supporter Radiologia Interventistica Toscana e Gibellini Assicurazione, il mio equipaggio, gli altri tre portacolori azzurri e tutti coloro i quali hanno contribuito a rendere così interessante questo Mondiale 2015.”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=32062

Scritto da su Set 5 2015. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab