Home » News, Regate, Sport » Tante novità per l’Invernale di Riva di Traiano che parte il 1° novembre

Tante novità per l’Invernale di Riva di Traiano che parte il 1° novembre

RIVA DI TRAIANO – Riparte domenica 1° novembre il Campionato Invernale Riva di Traiano – Trofeo Paolo Venanzangeli con tante novità e con la voglia di dare vita, come sempre, ad un campionato di altissimo livello tecnico e molto combattuto.

“E’ stato così nella passata edizione– spiega il presidente del CNRT Alessandro Farassino – e viste le prime iscrizioni le premesse ci sono tutte anche quest’anno. Si sono già iscritti Vahiné 7, di Francesco Raponi, Er Cavaliere Nero, di Paolo Morville, e Ars Una, il Mylius 15e25 di Rocchi e Biscarini che lo scorso anno è stato frenato da una avaria alla prima giornata di campionato. Interessante anche la partecipazione del Neo 40 di Paolo Semeraro, che parteciperà insieme a Nino Merola, vincitore con questa barca dell’ultima Roma per 2”.

E a proposito di “per 2” c’è da segnalare che quest’anno il campionato invernale sarà aperto anche agli equipaggi in doppio, novità questa introdotta su sollecitazione di alcuni armatori, tra i quali Stefano Chiarotti che ha iscritto il suo Sun Fast 3600 Lunatika con il quale si è laureato Campione Italiano Offshore 2015 per la categoria “per 2”.

”Abbiamo bisogno di fare miglia in questa configurazione d’equipaggio – ci dice Stefano Chiarotti – e come noi tanti altri che corrono le classiche d’altura in doppio o addirittura in solitario. L’Invernale di Riva di Traiano può diventare un bel banco di prova per la nostra categoria e consentirci di crescere molto più rapidamente di quanto non stiamo già facendo. Spero che il numero di iscritti in doppio sia tale da consentirci di avere un format più adatto alla nostra configurazione, un triangolo o una regata costiera, ma su questo il Circolo sta già lavorando”.

Il briefing anche quest’anno si terrà la domenica mattina, così da assicurare la presenza degli equipaggi al gran completo, mentre viene istituzionalizzato il “Pasta Party” al rientro a terra, che, dopo le sfide sul campo di regata, vedrà un terzo tempo disteso davanti ad un piatto di penne fumanti.

Un’altra importante novità riguarda le boe, che saranno posizionate dal sabato sul campo di regata, così da consentire agli equipaggi allenamenti specifici.Confermato anche quest’anno il tracker, assicurato da Traiana Nautica, che consentirà di poter analizzare, una volta a terra, la propria regata e confrontare le proprie scelte con quelle degli altri equipaggi.

Ma le novità inserite quest’anno dal CNRT non si limiteranno all’analisi della regata dalle tracce sul tracking. Vi saranno anche corsi e approfondimenti sulle regole di regata, e sessioni di studio su rigging e regolazione delle vele.

Leggi anche:

  1. Riva di Traiano: il vento fiacca l’Invernale mentre monta la “Roma per 1″
  2. Invernale Riva di Traiano: Lancillotto vince nel libeccio
  3. “Roma d’Inverno” Trofeo “Paolo Venanzangeli”: Campionato Invernale Riva di Traiano
  4. “Roma d’Inverno” Trofeo Paolo Venanzangeli: Campionato Invernale Riva di Traiano 2014-2015
  5. Da Riva di Traiano a Riva di Traiano: Matteo Miceli traccia la rotta per un “Roma Globe” di 28.000 miglia

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=33411

Scritto da Redazione su ott 20 2015. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab