Home » News, Regate, Sport » Mark Turner è il nuovo CEO della Volvo Ocean Race

Mark Turner è il nuovo CEO della Volvo Ocean Race

ALICANTE – Mark Turner, che è stato anch’egli un velista oceanico avendo preso parte tra le altre alla Whitbread Round-the-World nel 1989, ha guidato il progetto di Dongfeng Race Team nell’edizione 2014/15 del giro del mondo ed entrerà in carica come successore di Knut Frostad il prossimo 7 giugno.

Il manager britannico, 48 anni, ha dichiarato: “Probabilmente non esiste un’altra posizione a cui avrei potuto aspirare oggi dopo aver portato OC Sport attraverso tante aree diverse dello sport negli ultimi venti anni. Prendere il posto di Knut, che ha fatto un lavoro straordinario trasformando la regata nell’evento più grande e commercialmente più importante della vela, è una responsabilità notevole. Essendo la regata quella con il maggior ritorno media e commerciale e con una storia lunga e affascinante che risale al 1973, le responsabilità nei confronti non solo di Volvo, degli sponsor, partner e team ma anche del mondo della vela in generale è grande. La Volvo Ocean Race è una piattaforma che può aiutare a dare nuova forma al nostro sport.”

“Spero” ha aggiunto Turner “di poter aggiungere un nuovo valore e una nuova visione al lavoro già eccellente svolto dal team di Alicante, e di riuscire nel futuro a ispirare e coinvolgere un numero ancora maggiore di appassionati, velisti e sponsor.”

Henry Stenson, presidente del board della Volvo Ocean Race, si è detto felice dell’incarico a Turner. “E’ stato un processo lungo e intenso, ma so che in Mark abbiamo trovato la persona giusta per questo ruolo molto impegnativo. Abbiamo bisogno di una persona che abbia esperienza, determinazione e una visione per portare l’vento a un nuovo livello dopo il gran lavoro fatto da Knut, e Mark ha le capacità giuste per farlo. Con lui alla guida della regata, futuro si prospetta davvero interessante.”

Mark Turner ha preso parte a molte delle regate oceaniche più importanti al mondo, fra cui la Transat Jacques Vabre e la Mini Transat, anche se il suo nome è salito agli onori della cronaca della vela in occasione della partecipazione e dello splendido secondo posto della navigatrice Ellen MacArthur al Vendée Globe del 2001, un progetto coordinato proprio da Turner che nel 2005 ha tenuto le redini anche del record di circumnavigazione in solitario della velista inglese, ottenendo un livello di popolarità nel Regno Unito e nel resto del mondo, mai raggiunto fino ad allora. In seguito, con OC Sport, Turner ha creato il circuito delle Extreme Sailing Series e molti altri eventi di successo.

“Il mio capitolo personale con OC Sport si avvia a una conclusione, ma sono certo che lo spirito e i risultati continueranno visto il gruppo di lavoro forte che mi lascio alle spalle. E’ stato un onore lavorare con così tante persone motivate e di talento nel corso degli anni, e sono orgoglioso di aver potuto creare eventi sportivi in grado di ispirare persone le più diverse. OC Sport mi ha messo in grado di sfidare la normalità e di innovare in molti campi, una cosa che sono certo la società continuerà a fare.” Ha dichiarato.

Turner, che ha lasciato il suo ruolo di direttore esecutivo e azionista di OC Sport, è anche un appassionato ciclista, nuotatore e sciatore e si concederà ora un periodo di riposo prima di affrontare le sue nuove responsabilità in seno alla Volvo Ocean Race, la cui tredicesima edizione partirà nell’ottobre 2017.

Leggi anche:

  1. Luìs Figo visita il Race Village della Volvo Ocean Race
  2. Volvo Ocean Race: un nuovo navigatore per Team Vestas Wind
  3. Lo spagnolo Iker Martínez di nuovo in caccia del Volvo Ocean Race trophy
  4. Arriva dalla Spagna la sesta barca della Volvo Ocean Race
  5. L’equipaggio cinese Team Dongfeng annuncia la partecipazione alla Volvo Ocean Race 2014/15

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=37050

Scritto da Redazione su mar 31 2016. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab