Home » News, Regate, Sport » Partita La Ottanta del Circolo Nautico Porto Santa Margherita:55 equipaggi X2 e XTutti

Partita La Ottanta del Circolo Nautico Porto Santa Margherita:55 equipaggi X2 e XTutti

SANTA MARGHERITA – Partenza quasi invernale per i partecipanti alla seconda edizione de La Ottanta, organizzata dal Circolo Nautico Porto Santa Margherita in collaborazione con Marina 4.

Momentaneamente archiviate le temperature estive delle scorse settimane, Caorle si è presentata stamattina con un cielo plumbeo e una pioggia battente, che non hanno però scalfito lo spirito marinaresco dei concorrenti. Come previsto da Andrea Boscolo, responsabile Meteo Sport, la partenza data alle ore 12.00 da Franco Pappagallo è avvenuta con venti di bora intorno ai 15 nodi e onda formata.

Già all’altezza di Bibione la flotta si è divisa a seconda delle caratteristiche delle imbarcazioni e timonieri e tattici si sono mossi alla ricerca del refolo più favorevole, bolinando per di raggiungere i waypoint. Gli aggiornamenti che arrivano dal tracker mostrano continui cambi ai vertici, sia nella classe X2 che in quella XTutti e anche gli scafi più lenti continuano la loro corsa.

Saldamente al comando nella classe XTutti fin dai primi istanti i Class 40 Vaquita di Alessandro Fiori e Kika Green Challenge dei fratelli Verardo.
Nel gruppo di testa inseguimenti e lotte per mantenere il primato. Buona prestazione per il Modulo 123 Marchingenio di Silvio Cividin, La Dolce Vita di Domenico Bristot, Dara III di Bisetto-Morelli, Let me Sea! G.S. 46 di Roberto Vetta, White Whale Dufour 44 di Lorenzo De Facci e Super Atax, IOR dalla spiccata vocazione alturiera di Massimo Bertozzi. Seguono a breve distanza Barramundi di Andrea Frighetto, Black Angel di Paolo Striuli, Furkolkjaaf di Massimo Polo, che al calcolo dei sistemi compensati potrebbero insidiare il primato dei più grandi.

Nella X2 partenza da manuale per Antonio Di Chiara in coppia con il giovane Eugenio Cutolo su Tasmania, seguiti da William B di Alessandro Bottecchia/Francesco Trevisan, che difendono il titolo ottenuto lo scorso anno al Campionato CaorleX2.

Performance convincente anche per Andrebora, G.S. di Roberto Mattiuzzo e Francesco De Cassan che non mancano mai ad una regata d’altura, Zoom, Comet 41 di Stefano Rigon/Renzo Sandrin, Yak2 di Maurizio Gallo/Giulia Biasio, Lady A dei triestini Andrea Zerial/Edoardo Giannessi e Fuerteventura, Jod di Massimo Alberini/Stefano Bonvini alla loro prima regata in doppio.
Tra i cinque Minitransat in gara, in testa Antigua di Franco Deganutti/Roberto Posocco che ha scelto il lato più esterno rispetto a Yak di Guidetti/Gallo e Gemini di Babich/Klun.

La testa della flotta si sta raggiungendo il quarto waypoint, la boa Odas di Pirano a metà del percoso. La perturbazione è ancora in evoluzione e non è facile prevederne gli esiti, ma nella nottata il tempo dovrebbe rasserenarsi, portando per la mattinata di domanidomenica 10 aprile venti a regime di brezza che dovrebbero sospingere la flotta verso il traguardo di Porto Santa Margherita.

La regata può essere seguita in diretta nel sito www.cnsm.org grazie alla partnership con SGS Tracking.

Foto: Carloni

Leggi anche:

  1. La Ottanta del Circolo Nautico Porto Santa Margherita: oltre 50 equipaggi al via
  2. Le regate offshore 2014 del Circolo Nautico Porto Santa Margherita
  3. INIZIA DOMANI A SANTA MARGHERITA LIGURE LA ROLEX MBA’S CONFERENCE & REGATTA
  4. Porto Cavour: lunedì la presentazione del progetto per Santa Margherita Ligure
  5. Porto di Santa Margherita Ligure: progetto da 150 posti barca ma non sono tutti d’accordo

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=37316

Scritto da Redazione su apr 10 2016. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab