Home » Altro, News, Sport » Il progetto sociale Corri sull’acqua e Kingii alla Wind Techno Cup 2016

Il progetto sociale Corri sull’acqua e Kingii alla Wind Techno Cup 2016

COLUCCIA – La conclusione della Wind Techno Cup 2016 a Coluccia in Sardegna ha segnato un record con 227 atleti, un numero di partecipanti straordinario per una regata Techno 293
Durante i giorni di regata il progetto sociale Corri sull’Acqua, del quale Kingii è Water Safety Partner, si è svolto con dimostrazioni e lezioni che hanno riscosso grande interesse e consenso da parte di tutti i presenti.

Tra i protagonisti dell’evento Francesco Favettini, docente al Liceo Scientifico Sportivo AICS di Sassari, che ha presentato il primo progetto al mondo che permette agli amputati di gambe o di braccia di praticare windsurf. I suoi allievi Valentina Lazzari e Max Manfredi hanno regalato al pubblico di Coluccia una bellissima dimostrazione di windsurf.

Primo e, per ora unico, progetto al mondo che vuole avvicinare i portatori di protesi allo sport del windsurf, Corri sull’acqua – Action4Amputees è un programma che introduce i portatori di protesi agli arti inferiori, mediante un protocollo formativo specifico e attrezzature adattate, allo sport del windsurf.  Corri sull’acqua conta già 24 ragazzi con diverse amputazioni agli arti inferiori (mono/bi transtibiale, mono/bi transfemorale) grazie ai quali è stato possibile lo studio delle problematiche inerenti l’apprendimento del windsurf per i protesizzati.

I risultati sono sorprendenti: migliorando costantemente la tecnica e la didattica, il 90% dei ragazzi che ha preso parte agli stage di Corri sull’acqua è poi riuscito a navigare. L’obiettivo di Francesco Favettini, fondatore del progetto, è riuscire a organizzare la prima regata al mondo dedicata alle persone amputate, con la speranza di ottenere, nell’arco di tre anni, un numero adeguato di praticanti che consenta la pianificazione di gare internazionali e la possibilità di costituire una squadra per partecipare ai Giochi Paralimpici.

Kingii Wearable, la boa salvavita indossabile al polso e vincitrice del prestigioso premio Edison Award quale migliore startup del 2016 in ambito Athletics & Recreation, ha premiato i primi classificati delle singole categorie (ad esclusione dei kids) con un Kingii.

La Wind Techno Cup è nata per iniziativa del Club Porto Liscia guidato da Stefano Pisciottu, in collaborazione con la Lega Navale Italiana di Santa Teresa Gallura e con la Regione Autonoma della Sardegna. Un ringraziamento sentito va alla Guardia Costiera del comune di La Maddalena e alla squadra nautica della Polizia di Stato per la preziosa collaborazione.

Leggi anche:

  1. Edizione da record per la Wind Techno Cup 2016 di windsurf a Coluccia
  2. Prove salvamento alla Darsena di Milano a NavigaMi
  3. Lino Sonego Team Italia: il tricolore scende in acqua alla Barcolana
  4. Venice Winter Cup e campionato sociale
  5. RADUNO CADETTI KIDS ED ESORDIENTI CLASSE TECHNO 293 AD ANCONA

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=39949

Scritto da Redazione su lug 10 2016. Archiviato come Altro, News, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab