Home » Altro, News, Sport » BRILLA L’ITALIA DEL DRAGON BOAT A MOSCA: UN ORO, 2 ARGENTI E 6 BRONZI

BRILLA L’ITALIA DEL DRAGON BOAT A MOSCA: UN ORO, 2 ARGENTI E 6 BRONZI

VENEZIA – Un oro, con relativo titolo di campioni mondiali, 2 argenti e 6 bronzi. Esulta l’Italia del dragon boat che, al Campionato Mondiale 2016 per Nazioni a Mosca, raccoglie un bottino di tutto rispetto al quale vanno aggiunti tanti piazzamenti ai piedi del podio.

Spedizione azzurra da ricordare quella all’Olympic Regatta Course “Krylatskoe”, DOVE OGGI è calato il sipario su un’edizione iridata dal grandissimo tasso qualitativo ed agonistico con finali, sia nei dragoni a 20 rematori sia nei minidraghi a 10, mai scontate e quasi sempre chiusesi punta a punta. L’Italia, che in Russia ha portato 72 atleti provenienti da 14 club a formare 27 equipaggi, ha lasciato il segno conquistando una medaglia in tutte le distanze dei 200, 500 e 2.000 metri.

Nel dettaglio l’Italia ha conquistato l’ORO nel minidragon Master 50 Misto distanza 500 metri; 2 ARGENTI nel minidragon Master 50 Misto distanza 500 metri; minidragon Master 50 Maschile distanza 500 metri; 6 BRONZI nello standard dragon Master 40 Femminile distanza 500 metri; standard dragon Master 40 Femminile distanza 2.000 metri; standard dragon Master 40 Misto distanza 200 metri; standard dragon Master 40 Femminile distanza 200 metri; minidragon Master 40 Misto distanza 200 metri; minidragon Master 50 Maschile distanza 2.000 metri.

«Torniamo a casa soddisfatti – commenta Andrea Bedin, il Team Leader della squadra Nazionale italiana –. Non è stato ancora pubblicato il medagliere ma dovremmo esserci posizionati al sesto posto, dietro a Russia, Filippine, Thailandia, Germania e Ucraina. Dietro di noi Ungheria, Canada, Usa, Svezia, Hong Kong, Repubblica Ceca, Giappone, India e tutte le altre» continua Bedin nel ricordare 19 Nazioni che hanno animato il Mondiale 2016 di Mosca. «La trasferta è stata molto positiva, in particolare se consideriamo che nei Mondiali di Poznan 2014 non avevamo preso nessuna medaglia. E’ cresciuta tutta la squadra, dove abbiamo delle eccellenze nella categoria Master e negli equipaggi Misti e Femminili. Tuttavia, abbiamo raccolto molto anche nei Senior che sono arrivati ai piedi del podio nel minidragon 200 metri, alle spalle dell’Ucraina, della Thailandia e della Russia».

L’attività del dragon boat non si ferma e il mirino è già puntato sul grande appuntamento del prossimo anno che sbarcherà proprio in Italia: «Ora guardiamo avanti. Dal 3 all’8 settembre 2017 si svolgeranno a Venezia i Mondiali per Club a cui parteciperanno molti degli atleti presenti a Mosca ma vestendo la maglia della propria società sportiva. L’organizzazione sarà curata dalla Venice Canoe & Dragon Boat e l’evento rappresenta una grande occasione di visibilità sportiva per il Veneto e l’Italia sportiva».

La trasferta della Nazionale italiana a Mosca per il Campionato Mondiale 2016 di dragon boat per Nazioni è stata resa possibile anche grazie al coordinamento fornito dall’Ente riconosciuto dalla FederCanoa Dragon Boat Italia e al prezioso sostegno degli sponsor General Computer Italia, Italchimici, Unilav.it, Esservi.it.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=41324

Scritto da su Set 11 2016. Archiviato come Altro, News, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab