Home » News, Regate, Sport » Alcatel J/70 World Championship: Calvi Network mette il sigillo alla prova conclusiva

Alcatel J/70 World Championship: Calvi Network mette il sigillo alla prova conclusiva

SAN FRANCISCO – Si è chiuso con la vittoria di Catapult (Ronning-Kostecki, 4-4) l’Alcatel J/70 World Championship di San Francisco. Dopo dodici prove, tutte caratterizzate dalla brezza di Ponente tipica della San Francisco Bay, l’equipaggio di Joel Ronning ha messo in fila i campioni uscenti di Flojito Y Cooperando (Necklemann-Hardesty, 3-2) e Africa (Smith-Wright, 1-5), riuscito nella giornata finale a sopravanzare Calvi Network (Alberini-Cayard, 19-1), dominatore incontrastato della regata conclusiva.

L’equipaggio di Carlo Alberini, che lo scorso anno in occasione del Mondiale di La Rochelle aveva chiuso al secondo posto dietro e Flojito Y Cooperando, ha anticipato Petite Terrible-Adria Ferries (Rossi-Paoletti, 5-3), altro grande protagonista dell’evento organizzato dal St. Francis Yacht Club.

“Certo è mancato il podio, ma da San Francisco torniamo a casa senza dubbio più forti, sia tecnicamente, sia come team: del resto non potrebbe essere altrimenti, visto che si è trattata della manifestazione contraddistinta dal livello più alto da quando navighiamo nella classe. Resta il rammarico di aver sciupato qualche occasione, ma c’è comunque la soddisfazione di aver vinto due prove di giornata e di aver navigato con un talento come Paul Cayard, che ci ha trasmesso molto sotto ogni punto di vista” ha commentato Carlo Alberini a margine della premiazione, cui ha presenziato anche il Console Generale d’Italia Lorenzo Ortona.

Il leader del Lightbay Sailing Team ha poi aggiunto: “Con questo Mondiale si chiude una stagione lunghissima, che ci ha regalato soddisfazioni, come i successi di Key West e Malcesine, e qualche delusione, su tutte l’Europeo di Kiel, dove avremmo potuto fare molto meglio. Indipendentemente dai risultati ce l’abbiamo sempre messa tutta e di questo non posso che ringraziare Branko Brcin, Sergio Blosi, Karlo Hmeljak, Irene Bezzi e Paul Cayard. Va da sé che nulla di quanto fatto sarebbe stato possibile senza l’appoggio dei nostri partner, a partire da Calvi Network, che mai ci ha fatto mancare parole di stima”.

Una vicinanza, quella dei partner, simboleggiata dalla presenza di Riccardo Chini, presidente di Calvi Holding S.p.A., nelle acque della baia: “Come Calvi Network investiamo nella vela perché a emergere, e a essere premiato, è il lavoro di squadra: condividendo alcuni giorni con Carlo Alberini e con il suo team ho ritrovato in toto questi valori. E’ qualcosa di cui sono orgoglioso, che va oltre i risultati. Resta inoltre la grande soddisfazione di aver visto il trefolo Calvi vincere la prova conclusiva del Mondiale al termine di una grande rimonta: ennesima dimostrazione che l’equipaggio del Lightbay Sailing Team non molla mai e guarda sempre avanti”.

Archiviato l’Alcatel J/70 World Championship, il Lightbay Sailing Team si prende ora un periodo di riposo guardando già al 2017 e a Mondiale in programma a Porto Cervo nel prossimo settembre.
Nelle acque di San Francisco, su Calvi Network hanno regatato Carlo Alberini (owner-driver), Karlo Hmeljak (randista), Paul Cayard (tattico), Sergio Blosi (comandante-trimmer). L’attività del team è stata coordinata dal coach Irene Bezzi.
La stagione 2016 del Lightbay Sailing Team è stata supportata da Calvi Network, Iconsulting, Gill, Lizard, Serigrafia, Garmin e PROtect Tapes.

Leggi anche:

  1. Alcatel J/70 World Championship: Calvi Network terzo alla vigilia delle prove conclusive
  2. Alcatel J/70 World Championship: dopo due giornate Calvi Network è quarto
  3. Alcatel J/70 World Championship: Calvi Network parte dal settimo posto
  4. Alcatel J/70 World Championship: Calvi Network all’assalto del mondo
  5. Alcatel J/70 Cup: Calvi Network e l’assolo gardesano

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=41963

Scritto da Redazione su ott 2 2016. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab