Home » News, Regate, Sport » L’ITALIA SI AGGIUDICA L’INTERNATIONAL YOUTH CUP A CANNES

L’ITALIA SI AGGIUDICA L’INTERNATIONAL YOUTH CUP A CANNES

SAN PIETROBURGO – Un’altra bellissima edizione in archivio per l’International Youth Cup, il triangolare dedicato alla vela giovanile con le nazionali di Italia, Francia e Russa, e un’altra vittoria per gli azzurrini, che capitanati dal Direttore Tecnico Alessandra Sensini, hanno difeso con successo il trofeo conquistato recentemente in Russia, a San Pietroburgo.

Quattro i giorni di regate di scena a Cannes, nel Sud della Francia, due con vento medio-forte e due con aria decisamente più leggera, undici le prove di flotta disputate dagli atleti divisi nelle classi Laser Standard, Laser Radial, tavola a vela RS:X M ed F, doppio 420 M ed F, skiff 29er, e sette i voli conclusi nella giornata dedicata al Team race, decisiva per l’assegnazione del trofeo dell’International Youth Cup che è stato quindi vinto dall’Italia con 9 punti, seguita dalla Russia con 15 e dalla Francia con 18.

Per quanto riguarda i risultati delle singole classi, gli azzurri hanno dominato nei doppi 420, con Veronica Ferraro e Giulia Ieraldi prime tra le ragazze (seconde Alexandra Stalder e Silvia Speri) ed Edoardo Ferraro e Francesco Orlando primi tra i ragazzi (secondi Andrea Spagnolli e Kevin Rio), mentre nell’RS:X F Giorgia Speciale è seconda ed Enrica Schirru sesta (vittoria per la russa Sekhposyan), nell’RS:X M Carlo Ciabatti è secondo e Matteo Evangelisti terzo (primo il francese) Titouan Le Bosq, e nello skiff 29er Federico Zampiccoli e Leonardo Chisté sono secondi e Michelle Waink-Lorenza Gadotti seste (successo per i francesi Nael-Mercier). Capitolo Laser: nello Standard vince il russo Danili Krutskikh (terzo Guido Gallinaro e quarto Paolo Giargia) e nel Radial si impone la francese Cervera, con Carolina Albano seconda e Matilda Talluri quinta.

“E’ andata bene, abbiamo vinto nuovamente il trofeo, quindi abbiamo raggiunto l’obiettivo prefissato”, ha spiegato Alessandra Sensini al rientro in Italia. “Le regate sono state molto combattute, abbiamo incontrato condizioni diverse tra loro, con due giorni di vento leggero, uno di medio-forte e uno di medio-leggero. In tutto, nell’arco di quattro giorni, i ragazzi hanno disputato undici prove di flotta e una giornata piena di Team Race, quindi anche a livello fisico è stata una trasferta impegnativa.

Il livello medio dei partecipanti era molto alto, si tratta di velisti selezionati per il Mondiale ISAF e alcuni di loro, vedi nelle classi Laser, nelle tavole RS:X e nel 29er, nel corso di questa stagione hanno già primeggiato in diversi eventi europei e mondiali, quindi le prestazioni dei nostri atleti assumono un’importanza ancora maggiore. Oltre al successo nel Team Race, nel 420 siamo stati protagonisti di un grande exploit e anche nel 29er siamo cresciuti tanto, chiudendo secondi ma combattendo con i francesi che avevano terminato il Mondiale di classe al secondo posto.

Anche nel Laser e nelle tavole siamo andati bene, peccato per qualche OCS, senza i quali saremmo andato anche meglio, ma ovviamente fa parte del gioco. In generale questa International Youth Cup di Cannes è stata organizzata benissimo, sia in acqua che a terra, e i ragazzi sono stati coinvolti nell’evento in tutto e per tutto, dimostrando di essere sempre di più una squadra”.

Leggi anche:

  1. ISAF YOUTH SAILING WORLD CHAMPIONSHIP: GLI AZZURRI CHIUDONO IN CRESCENDO
  2. ISAF YOUTH SAILING WORLD CHAMPIONSHIP: A LANGKAWI UNA PRIMA GIORNATA MOLTO COMPLESSA
  3. International Youth Cup a Sochi: ottima partenza per i giovani azzurri
  4. A Gdynia prosegue lo spettacolo della vela giovanile con l’EUROSAF Youth Sailing European Championship
  5. Prime regate oggi a Tavira per l’ISAF Youth Sailing World 2014

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=41995

Scritto da Redazione su ott 3 2016. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab