Home » News, Regate, Sport » GAETANO MURA SOLO ROUND THE GLOBE RECORD

GAETANO MURA SOLO ROUND THE GLOBE RECORD

CAGLIARI – Terzo giorno di navigazione nel cuore del Mediterraneo per Gaetano Mura e Italia. Dopo circa 80 ore di mare, nella serata di oggi hanno superato la linea immaginaria che unisce Algeri e Palma di Maiorca. Vento al traverso e velocità sui 7-8 nodi. A bordo il morale è alto, Gibilterra si avvicina, Italia dovrebbe trovarsi nella zona dello stretto tra circa tre giorni.

Il Mate quotidiano

Cagliari è sempre più lontana, da bordo di Italia Gaetano Mura immagina già l’Atlantico, sempre più vicino. Desiderio di Oceano che ci racconta nelle prime righe del diario di bordo, un libro che diventerà ricco e che ama compilare al mattino presto: “Albeggia, sorseggio il mio Mate quotidiano, abbiamo camminato bene tutta la notte su Spi, a mezzanotte l’aria stringeva e l’ho tolto, ma ho sempre tenuto delle belle velocità anche 10/12 nodi”.

Andatura vivace e si scruta l’orizzonte “S’inizia già a sentire l’odore del mare di Alboran, con le ciminiere delle sue mille navi”. Più avanti, ci sarà da superare il traffico di Gibilterra, e poi finalmente l’Oceano. L’inizio vero e proprio di Solo Round the Globe Record. “Sono soddisfatto della barca, della navigazione, sistemo ancora delle cose e mi preparo a passare lo stretto. Non mi sono concesso micro sonni superiori ai 25 minuti, anche se cerco di farne il più possibile perchè siamo sempre più vicini in zona navi e bisognerà mettere gli stecchini sugli occhi e bere del buon caffè…”

Gaetano nel suo diario affronta anche il capitolo cibo: “Per i primi giorni Giovanna (Giovanna Ghiani, la nutrizionista ndr) mi ha preparato del cibo fresco, frutta e alimenti da preparare in velocità sapendo che avrei avuto poco tempo e cosi è stato. Oggi però sono riuscito a preparare il primo pasto caldo: riso integrale e pollo spaziale in tutti i sensi, è prodotto da Argotec, specializzati nel food per gli astronauti”.

Gaetano poi pensa  ai tanti che lo seguono sul web e sulla stampa: “Appena ho un po’ di tempo  prendo maggiore confidenza con i programmi di taglio e  compressione per inviare foto e video, sono agevolato e fortunato perchè Andrea Fois, il miglior informatico del mondo, ha scritto per me un manuale a dir poco perfetto”.

In questi primi giorni  di navigazione non sono  mancati gli incontri con il popolo del mare: “Uno squalo, una grossa verdesca è venuta sin sotto poppa forse incuriosito dalle appendici gialle d’ Italia. Bellissimo, si è avvicinato poi con  due virate ed è sparito”. E la navigazione continua: “Abbiamo virato mure a sinistra, con il vento che viene da destra, e andiamo decisamente fuori rotta, nelle prossime ore il vento dovrebbe ruotare a destra. Speriamo bene”. Infine ancora un ringraziamento “speciale “A tutte le persone che sono venute a salutarmi e mi hanno accompagnato in mare. Sono ancora emozionato. Grazie Cagliari”.

E da terra arriva il messaggio di Maria Itria Fancello, sindaca di Dorgali e Cala Gonone, il paese natale di Gaetano, che gli augura Buon Vento: “Non possiamo che essere orgogliosi (seppur immeritatamente) di questa strabiliante impresa portata avanti da un nostro concittadino, al quale facciamo i nostri migliori auguri”.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=42359

Scritto da su Ott 17 2016. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab