Home » News, Regate, Sport » Gaetano Mura e Italia: il primo mese di navigazione in avvicinamento verso il Grande Sud

Gaetano Mura e Italia: il primo mese di navigazione in avvicinamento verso il Grande Sud

CAGLIARI – Il navigatore Gaetano Mura si avvicina alla “boa” del primo mese di navigazione, a bordo di Italia, nel suo giro del mondo a vela in solitario, per stabilire un nuovo record da Gibilterra a Gibilterra con un Class 40, la categoria della sua barca di 12 metri, che corre con i colori dell’ENIT, l’agenzia italiana del turismo.

E’ un altro passaggio decisivo, dopo l’attraversamento della linea dell’Equatore: Italia naviga intorno ai 30 gradi di Latitudine Sud, spinta dal vento forte di una depressione, e guadagna rapidamente terreno verso il Capo di Buona Speranza. Dopo le calme e i temporali equatoriali, il prossimo scenario sono le alte latitudini degli oceani del sud, con freddo e vento forte.

IL DIARIO DI BORDO

“Questa depressione possiamo considerarla l’antipasto prima di entrare definitivamente nei Quaranta Ruggenti (definizione della fascia di oceano tra i 40 e 50 gradi di Latitudine Sud, sferzata da depressioni che si rincorrono e da venti molto forti, ndr). In questi giorni ho approfittato ancora per preparare la barca: un po’ di controlli e qualche piccola riparazione. Sono soddisfatto in particolare di aver risolto un problema che mi impensieriva in modo particolare su alcuni carrelli della randa a causa dei quali avevo difficoltà a farla salire e scendere la vela principale… quindi mi sono fermato, ho tirato giù la randa completamente e ho sistemato il tutto, approfittando anche per regolare le stecche (inserite in tasche cucite nella vela per darle il giusto profilo, ndr) e fare una verifica generale. Per poi, finalmente, issarla di nuovo e ripartire, ora tutto è di nuovo ok.

“Uomo e barca sono in ordine, il feeling si consolida a misura di latitudine crescente. Le manovre in coperta sono rapide e i consumi energetici decisamente inferiori rispetto ai primi giorni grazie all’adattamento e all’efficacia dei gesti. Ultimi giorni di temperature tropicali, il borsone con su scritto “abbigliamento da freddo” è già in posizione…”.

L’EVOLUZIONE METEO

Andrea Boscolo e Alessandro Pezzoli, il team di MeteoSport che segue l’impresa di Gaetano Mura, hanno rilasciato questa nota sulla situazione meteo: “La scelta strategica di dirigere verso Sud piuttosto che verso Est su un vento che avrebbe garantito solo inizialmente un vantaggio, è stata più che vincente, e ha permesso a Italia di posizionarsi in modo corretto nei confronti di una grossa depressione, che in queste ore sta transitando a Sud rispetto all’area in cui si trova Gaetano, e garantirà un’ottima discesa verso il Capo di Buona Speranza rispettando l’ortodromia (la rotta diretta, ndr) almeno per le prossime 48 ore.

“La navigazione nelle ultime 12/18 ore è stata influenzata da un vento attorno ai 280°-300° con intensità comprese tra 30-35 nodi e raffiche a 40 nodi, con groppi e temporali, per il passaggio del fronte freddo come si può vedere dalla cartina sinottica (allegata). Per domenica 27 rimonterà invece, dalle coste dell’Argentina, il nuovo anticiclone di Sant’Elena a Nord dell’area di navigazione di Gaetano che lo lancerà definitivamente verso il Capo di Buona Speranza e gli oceani del Sud”.

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=43317

Scritto da su Nov 25 2016. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab