Home » Altro, News, Sport » CONCLUSO IL CAMPIONATO NAZIONALE SLALOM WINDSURF 2016

CONCLUSO IL CAMPIONATO NAZIONALE SLALOM WINDSURF 2016

MARSALA – L’atleta trentino Bruno Martini si aggiudica il titolo Nazionale slalom windsurf 2016, mentre l’Italian Slalom Tour 2016 lo vince invece il romano Marco Begalli. Sul podio tricolore sono saliti al secondo posto il triestino Andrea Ferin, che detiene il titolo della specialità Raceboard 2016, e sul gradino più basso Begalli.

Per l’Italian Slalom Tour invece il podio è stato completato dal secondo posto del siciliano Antonino Finocchiaro e dal sedicenne e promettentissimo Francesco Scagliola di Reggio Calabria, già Campione del Mondo Junior IFCA 2016 e Campione Nazionale Under 17 2016. Alice Casula, l’atleta sarda di Calasetta, si aggiudica il titolo femminile dell’Italian Slalom Tour. Sempre per l’Italian Slalom Tour, nella categoria Youth vince Francesco Scagliola davanti ai sardi Davide Meloni e Mattia Onali, mentre la FireRace va a Nicolò Prestipino, davanti a Giuseppe Congi e Cosimo Neri.

Le due finali si sono svolte in contemporanea a Marsala, organizzate dal Circolo Velico Marsala in collaborazione con AICW, Associazione Italiana Classi Windsurf (FIV). Ricordiamo che alle due finali partecipavano gli iscritti al Campionato Nazionale Slalom 2016 per il titolo nazionale che non si era svolto a luglio, sul Garda, nel Windsurf Gran Slam 2016, per mancanza di vento, e i primi 20 classificati delle ranking dei circuiti Centro-Nord e Centro-Sud per l’Italian Slalom Tour.

Alla fine della tre giorni di gara sono stati quattro i tabelloni disputati, uno il primo giorno, tre completati il secondo, ed un quinto non portato a termine quando si era giunti alle finali. “Siamo stati fortunati con il vento nonostante le previsioni”, spiega il neo campione Bruno Martini, “costante anche se leggero con un bel clima caldo per dicembre. Da parte mia è andato tutto liscio a parte una heat sbagliata. Ho centrato il titolo e ovviamente sono contento anche se bisogna tenere conto di assenze come il neo Campione del Mondo Matteo Iachino, Andrea Cucchi e Malte Reuscher, miei compagni nel PWA. Ora mi aspetta un’inverno di allenamenti per affrontare al meglio il 2017”.

“Bella gara”, racconta Marco Begalli, “anche se le previsioni non davano vento abbiamo fatto 4 tabelloni fermandoci alle finali del quinto. La battaglia per le prime posizioni è stata molta combattuta e non sono mancate le sorprese, tra heat sbagliate, vele stappate e tasselli saltati. Ma la quarta prova ha portato lo scarto e tutto si è sistemato con Martini saldamente in pole, seguito da Ferin e me a soli 0.3 punti dal secondo. Sono contento che a 50 anni ancora gli ho dato il gas vincendo l’IST, e ringrazio gli sponsor Point7, Starboard, Garmin e SELIN Firenze che in questa splendida stagione hanno creduto in me. Dal prossimo anno mi aspetta una bella sfida”.

Con queste due finali si conclude la stagione 2016 dell’AICW, Associazione Italiana Classi Windsurf. Tra i responsi della stagione ricordiamo il titolo Raceboard andato, come già scritto, ad Andrea Ferin, il titolo Freestyle al milanese Jacopo Testa, i titoli slalom Under 15 al veneto Edoardo Tanas, Under 17 a Francesco Scagliola e Under 20 al trentino Daniel Slijk. Il titolo di Formula Windsurfing è andato al livornese Malte Reuscher, mentre la Coppa Italia della stessa specialità è andata al lombardo Frank Christopher. Infine, ricordiamo che l’atleta dell’AICW, Matteo Iachino, ha conquistato uno storico titolo Mondiale professionisti slalom 2016. Un ringraziamento va al Presidente del Circolo di Marsala ed il suo staff, l’infaticabile Claudio Alessandrello, tutto il Comitato di Regata ed i regatanti. Il ritorno all’attività è previsto per marzo 2017.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=43711

Scritto da su Dic 12 2016. Archiviato come Altro, News, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab