Home » News, Regate, Sport » Nuova sfida del team spagnolo MAPFRE alla Volvo Ocean Race

Nuova sfida del team spagnolo MAPFRE alla Volvo Ocean Race

ALICANTE – Il team spagnolo MAPFRE ha annunciato che tornerà sulla linea di partenza per una nuova sfida alla prossima edizione della Volvo Ocean Race
MAPFRE, l’equipaggio sponsorizzato dalla società assicurativa globale con sede a Madrid, è il terzo iscritto confermato al giro del mondo a vela in equipaggio che partirà dal porto spagnolo di Alicante il prossimo 22 ottobre e che porterà la flotta intorno al globo su una rotta lunga 45.000 miglia, e va ad aggiungersi a Dongfeng Race Team e Team AkzoNobel.

Nella passata edizione, nel 2014/15, MAPFRE si è aggiudicato la tappa di Auckland in Nuova Zelanda e altri tre posti sul podio. Il loro ritorno all’evento testimonia il successo del progetto sia da un punto di vista sportivo che commerciale.

Il presidente di MAPFRE Antonio Huertas ha dichiarato: “E’ un onore per MAPFRE essere nuovamente sulla linea di partenza di una delle competizioni più dure del mondo. E’ una sfida che rappresenta gli stessi valori che identificano la nostra società. L’esperienza nella scorsa edizione, con un grande gruppo di professionisti, appassionati e determinati a far bene, è stata molto positiva. Inoltre la Volvo Ocean Race farà tappa in alcuni dei mercati più importanti per noi come la Spagna, il Brasile e gli Stati Uniti, aumentando la notorietà del marchio MAPFRE a livello internazionale.”

Sarà lo spagnolo Pedro Campos a coordinare ancora una volta il progetto mentre i nomi dello skipper e degli altri componenti dell’equipaggio verranno resi noti a breve. Campos, che vanta un passato agonistico di successo, ha una lunga storia nel giro del mondo, che è iniziata nel 2005/06 con la campagna di movistar.

Sono state otto le barche con bandiera spagnola a prendere parte alle dodici edizioni finora disputate della Volvo Ocean Race – nata come Whitbread Round the World Race – ma la Spagna deve ancora cogliere un successo overall.
“E’ un’ottima notizia, poter confermare la presenza di un team spagnolo per la prossima edizione, ed è naturalmente molto positivo vedere uno sponsor che torna a partecipare dopo una campagna di successo” ha dichiarato il CEO della Volvo Ocean Race Mark Turner. “Dopo la conferma di Alicante come porto di partenza per le prossime tre edizioni, e con la Spagna che ha avuto un ruolo centrale nella storia della regata, sarà fantastico vedere i fan spagnoli affollare le banchine per fare il tifo per il team MAPFRE.”

Pedro Campos, CEO di Team MAPFRE e degli ultimi cinque equipaggi nella Volvo Ocean Race, ha affermato: “Siamo molto grati e orgogliosi di avere il sostegno totale di MAPFRE per quella grande avventura che è la Volvo Ocean Race, probabilmente l’evento più lungo, impegnativo ed estremo nel mondo dello sport. Essere sulla linea di Alicante con una chance di vittoria, è il nostro obiettivo primario nei prossimi mesi.”

Dopo la partenza da Alicante, in programma per il 22 ottobre, gli equipaggi navigheranno sulla rotta che li porterà a Lisbona, Città del Capo, Melbourne, Hong Kong, Canton, Auckland, Itajaí, Newport (Rhode Island), Cardiff e Goteborg prima di raggiungere il traguardo dell’Aja.

Una regola da poco introdotta prevede importanti incentivi per i team che includano veliste donne nel gruppo, oltre a una serie di altre iniziative rese note lo scorso anno e volte a rendere la competizione sempre più aperta.

Leggi anche:

  1. Volvo Ocean Race: gli spagnoli di MAPFRE vincono ad Auckland
  2. Team SCA, l’unico team al femminile da più di un decennio, alla partenza della Volvo Ocean Race
  3. MAPFRE sale a bordo della barca spagnola alla Volvo Ocean Race
  4. Team Vestas Wind è il settimo team della Volvo Ocean Race 2014/15
  5. Lo spagnolo Iker Martínez di nuovo in caccia del Volvo Ocean Race trophy

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=44738

Scritto da Redazione su gen 31 2017. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab