Home » Altro, News, Sport » Primo tentativo di periplo della Sardegna su Kitesurf

Primo tentativo di periplo della Sardegna su Kitesurf

CAGLIARI – Questa mattina sono partiti dal WCC di Cagliari i due riders sardi, Luca Marcis ed Enrico Giordano che si apprestano a percorrere le 500 miglia del periplo dell’isola in soli 5/7 giorni di navigazione a seconda dell’intensità e direzione del vento, costantemente seguiti da una equipe del Dipartimento di Scienze Mediche e Sanità Pubblica dell’Università di Cagliari.
Il Centro Velico Caprera ospita la loro seconda tappa a Porto Palma domani, sabato 10 giugno.

In occasione del cinquantesimo anno dalla sua nascita, il Centro Velico Caprera riconferma la sua attenzione alle imprese sportive ed alle evoluzioni tecnologiche dei mezzi di navigazione a vela supportando  KAS2017 e la sua sfida.

KAS2017 (Kitesurf Around Sardinia) è il primo periplo della Sardegna su kitesurf dotati di hydrofoil, appendici idrodinamiche ad alta efficienza che consentono al mezzo  con soli 8 kt di vento, di “volare” a 20 kt in tutte le andature.Sono 500 le miglia nautiche che i due riders sardi, Luca Marcis ed Enrico Giordano, affermati atleti di livello internazionale, si apprestano a percorrere in soli 5/7 giorni di navigazione a seconda dell’intensità e direzione del vento.

Luca ed Enrico, costantemente seguiti da una equipe del Dipartimento di Scienze Mediche e Sanità Pubblica dell’Università di Cagliari, dovranno navigare sulle loro tavole per oltre 6 ore al giorno per effettuare il periplo dell’isola nei tempi prestabiliti.Il programma prevede la partenza nella mattina di venerdì 9 dal WCC di Cagliari in direzione est mentre l’arrivo a Porto Palma, sede del Centro Velico Caprera è previsto per sabato 10, dove gli atleti ed il loro team saranno calorosamente accolti ed ospitati per questa loro seconda tappa del KAS2017, per poi continuare il giorno seguente nella loro impresa sportiva.

Il Centro Velico Caprera, la più grande scuola di vela del Mediterraneo fondata nel 1967, è da cinquant’anni il punto di riferimento per la formazione velica, dove il rispetto e la passione per la classica tradizione marinara si fondono con la conoscenza e l’apertura alle nuove tecnologie ed ai più innovativi mezzi di navigazione a vela, facendo del CVC uno dei più accreditati motori della cultura e della pratica velica a 360 gradi del nostro Paese.

Leggi anche:

  1. TRE GIORNI DI FESTA CON IL CENTRO VELICO A CAPRERA PER I SUOI (PROSSIMI) 50 ANNI
  2. Centro velico Caprera compie 50 anni
  3. Parte da Olbia il primo laboratorio portuale green della Sardegna
  4. Porto di Cagliari: aperto il primo PIF della Sardegna. Al via le procedure di Pre Clearing
  5. I Edizione della DownWind Kitecup: sole spiaggia e vento per la prima regata di kitesurf nella Bat

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=47701

Scritto da Redazione su giu 9 2017. Archiviato come Altro, News, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab