peyrani
Home » News, Regate, Sport » MOMO E GALATEIA ALLUNGANO NELLE RISPETTIVE CLASSI

MOMO E GALATEIA ALLUNGANO NELLE RISPETTIVE CLASSI

PORTO CERVO – Previsioni di vento rispettate a Porto Cervo, dove fino a sabato 9 settembre è in corso la Maxi Yacht Rolex Cup & Rolex Maxi72 World Championship, organizzata dallo Yacht Club Costa Smeralda con il supporto del Title sponsor Rolex e dell’International Maxi Association.

Il programma prevedeva originariamente una giornata di riposo, a disposizione del Comitato di regata per eventuali prove di recupero. Così è stato per le classi Wally e Maxi 72, uscite stamani dal porto per recuperare le regate a bastone di martedì, annullate a causa della bonaccia.

Alle 11,30 il Comitato di regata ha puntualmente iniziato le procedure di partenza con vento da nordovest di circa 18 nodi, saliti poi stabilmente sopra i 20 alla boa di bolina, aumentando infine nella fase finale della regata con raffiche oltre i 25 nodi.

Nella classe Maxi 72 si è imposto per la terza volta consecutiva Momo, tattico Marcus Wieser, stratega il neozelandese Murray Jones, vincitore dell’America’s Cup in ben sei edizioni. Leader alla prima boa di bolina è stato Caol Ila R, fermato all’inizio del lato di poppa dalla rottura dell’enorme gennaker, che ha lasciato via libera a Momo seguito da Cannonball e Proteus, mentre Bella Mente ha sofferto un problema al fiocco nella prima bolina che lo ha penalizzato nonostante un buon recupero.

Murray Jones, stratega su Momo: “Anche oggi abbiamo fatto un’altra bella regata. È stato un po’ più complicato del solito perché il vento era molto oscillante, la sinistra era favorita ma tendeva a ruotare a destra. Siamo comunque molto soddisfatti e personalmente apprezzo il campo di regata di Porto Cervo anche se non ho avuto frequenti occasioni di navigare qui”.

Nella Wally Class è ancora una volta il Wallycento Galateia a imporsi, andando a incrementare il suo vantaggio su Nahita (oggi quinto) e Lyra (oggi secondo), due Wally 80 separati da un solo punto in classifica generale. Le classifiche in tempo compensato raccontano in numeri le performance, ma lo spettacolo di veder navigare questi innovativi racer-cruiser con oltre 20 nodi di Maestrale sullo sfondo unico della Sardegna è una visione che emoziona oltre all’aspetto strettamente agonistico. I Wally, partiti dopo i Maxi 72, hanno fronteggiato il Maestrale in deciso aumento, arrivato a oltre 25 nodi nel corso dell’ultima poppa.

“In partenza sono sempre molto nervoso – racconta l’armatore timoniere di Galateia, David M. Leuschen – perché ho meno esperienza velica degli altri. Per questa ragione oggi siamo partiti più discosti lungo la linea e alla fine questa scelta si è dimostrata azzeccata. Tutto sommato oggi abbiamo fatto una bella prova, ma ci sono ancora due giorni di regata e tutto può succedere”.

In considerazione del costante aumento dell’intensità del vento, il Principal Race Officer, Peter Craig, ha rimandato in porto gli yacht dopo la prima prova. Questa sera è previsto un grande Crew Party in Piazza Azzurra, antistante la Clubhouse dello YCCS.La classifica generale per le altre classi rimane invariata con Ribelle (SuperMaxi), Rambler 88 (Maxi), Jethou (Maxi Racing), Supernikka (Mini Maxi RC 1), H2O (Mini Maxi RC 2).
Oggi si ricomincia alle ore 11.30 con l’intera flotta impegnata in un percorso costiero. Le previsioni meteo sono di vento leggero e instabile.

Leggi anche:

  1. Sei medaglie continentali in un giorno: record per la vela italiana nelle classi olimpiche
  2. Settimana delle Bocche: Battaglia ai vertici, Quantum e Rán Racing allungano il passo
  3. AZZURRA BRILLA NELLE ACQUE DI CASA
  4. BATTAGLIA IN CORSO ALLA MAXI YACHT ROLEX CUP
  5. Maxi Yacht Rolex Cup: vittoria di Ran 2

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=49317

Scritto da Redazione su set 8 2017. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab