Home » News, Regate, Sport » Riva di Traiano: domenica 5 novembre la “Prima” dell’Invernale

Riva di Traiano: domenica 5 novembre la “Prima” dell’Invernale

RIVA DI TRAIANO – L’Invernale di Riva di Traiano 2017/2018 si presenterà subito con la faccia dura dell’inverno, con una giornata di pioggia quasi sicura e un vento stimato intorno ai 20 nodi.

Dalla direzione di corsa stanno monitorando con attenzione l’evoluzione del meteo e si spera che la finestra di relativo bel tempo e senza pioggia, prevista in mattinata, resista fino alla fine della regata.

Sul tavolo ci sono tutte le opzioni, compresa quella di correre una costiera verso Capo Linaro, percorso che, con una boa di disimpegno posta subito dopo la linea di partenza, consentirebbe alle barche di risparmiare molte manovre regatando con maggior sicurezza.Al momento, ovviamente, nessuna decisione è stata presa e la scelta finale tra le varie opzioni si avrà solo nella mattinata di domenica.

Intanto le barche iscritte sono arrivate a 45, con l’inserimento di un altro Swan 45, Aphrodite, di Pierfrancesco Di Giuseppe, che di affianca all’altro Swan 45, Ulika di Stefano Masi.In Classe Regata gli iscritti sono quindi saliti a 23, mentre restano 7 le barche con equipaggi in doppio, 13 le barche iscritte in Crociera e  2 nella classe Gran Crociera.

Leggi anche:

  1. Riva di Traiano: le sfide dell’Invernale
  2. Invernale Riva di Traiano: domenica 55 barche in acqua con lo scirocco e i nuovi percorsi
  3. Invernale Riva di Traiano: si preannuncia durissima la “prima” del 2016
  4. Riva di Traiano: domenica in acqua per un Invernale ad alto tasso tecnico
  5. Invernale Riva di Traiano: domenica in acqua per una seconda prova

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=50580

Scritto da Redazione su nov 4 2017. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab