Home » News, Regate, Sport » Volvo Ocean Race: squadra che vince non si cambia, turnover per gli altri team

Volvo Ocean Race: squadra che vince non si cambia, turnover per gli altri team

ALICANTE – Molti degli altri team, però, hanno fatto cambi rilevanti nella composizione delle squadre in vista della Leg 4 che lascerà Melbourne alla volta di Hong Kong. A parte alcune rotazioni già previste, alcuni velisti non saranno a bordo per questioni personali o a causa di infortuni. In totale saranno 19 gli atleti che effettueranno un turnover con 18 che non saranno della partita per la prossima frazione. Da notare che Sun Hung Kai/Scallywag avrà un velista in più. per una dozzina si tratta del debutto in questa edizione della Volvo Ocean Race, tanto che molti hanno dovuto svolgere i corsi di sopravvivenza in mare a Melbourne.

I due team che occupano le posizioni di rincalzo alle spalle di TMAPFRE, Dongfeng Race Team e Vestas 11th Hour Racing, per esempio effettueranno cambiamenti importanti. Come nel caso dello skipper statunitense di Vestas 11th Hour Racing Charlie Enright che dovrà rinunciare alla quarta tappa per questioni familiari. Enright prevede di poter rientrare nel gruppo a Hong Kong e nel frattempo sarà il compagno Mark Towill prendere il ruolo di skipper per la tappa. “La solidità e la solidarietà del nostro team mi permette di prendere del tempo per dedicarmi alla mia famiglia, Credo sia una dimostrazione di quello che Mark e io siamo riusciti a costruire” ha detto l’americano dal suo Rhode Island. “So che con la leadership di Mark e del navigatore Simon Fisher, il team è in buone mani e desidero rientrare a far parte del gruppo a Hong Kong.” Phil Harmer e Hannah Diamond torneranno a bordo di Vestas 11th Hour Racing per la Leg 4, mentre Jena Hansen scenderà.

Dongfeng Race Team rimpiazzerà il navigatore Pascal Bidégorry, che si è infortunato con un campione della Volvo Ocean Racee skipper di Coppa America, il fortissimo Franck Cammas. Anche Daryl Wislang ritorna a bordo mentre Justine Mettraux farà la sua prima tappa e il cinese Chen (Horace) Jinhau rientra nel team.
A bordo di Team Brunel, quattro dei nove velisti saranno sostituiti. Rome Kirby (USA) e Sam Newton (AUS) salgono a bordo insieme alla veterana e campionessa di match race Sally Barkow (USA) che prende il posto di Annie Lush, vittima di un incidente, e sale anche il danese Jens Dolmer, che ha navigato spesso col lo skipper Bouwe Bekking. Questi quattro sostituiranno  Louis Balcaen, Annie Lush, l’italiano Alberto Bolzan e Peter Burling.

Su Sun Hung Kai/Scallywag sale la navigatrice britannica Libby Greenhalgh, già componente di Team SCA nella scorsa edizione in sostituzione del portoghese Antonio Fontes che si è infortunato a un polso, è l’espertissimo australiano Grant Wharington si unirà al gruppo per la prima volta, insieme alla matricola Trystan Seal. Per la prima volta Scallywag correrà con nove atleti.

Lo skipper di Team AkzoNobel che ha passato un brevissimo periodo a terra, avendo finito la tappa precedente solo il 27 dicembre, si è detto fiducioso che il gruppo sia pronto a tornare in mare. A bordo ritornano Peter van Niekerk e Luke Molloy, in cambio di Alex Pella e Justin Ferris. Emily Nagel si prenderà una tappa di sosta, rimpiazzata da Cécile Laguette.

A bordo di Turn the Tide on Plastic la skipper Dee Caffari ha chiamato l’espertissimo navigatore Brian Thompson dato che il francese Nico Lunven si prenderà una meritata pausa. L’irlandese Annalise Murphy sostituisce Bianca Cook e Bernardo Freitas Lucas Chapman. La triestina Francesca Clapcich è confermata fra i dieci a bordo.
La Leg 4 partirà da Melbournealle 14 ora locale del 2 gennaio, le 04.00 ora italiana e la partenza sarà come di consueto trasmessa in streaming su tutte le piattaforme digitali.

Leggi anche:

  1. Volvo Ocean Race: Team Alvimedica primo a Goteborg, Abu Dhabi vince il giro
  2. Volvo Ocean Race: Team Brunel vince la settima tappa, MAPFRE secondo
  3. Volvo Ocean Race: Dongfeng Race Team vince la sesta tappa a Newport
  4. Volvo Ocean Race: turnover a bordo di MAPFRE per la terza tappa
  5. Volvo Ocean Race: Team Brunel vince la seconda tappa, tre sul podio a pari punti

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=51562

Scritto da Redazione su dic 31 2017. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab