Home » News, Regate, Sport » RUGGERO TITA E CATERINA BANTI VINCONO IL PREMIO VELISTA DELL’ANNO 2017

RUGGERO TITA E CATERINA BANTI VINCONO IL PREMIO VELISTA DELL’ANNO 2017

ROMA – Una standing ovation degli oltre 250 ospiti nell’elegante sala di Villa Miami a Roma, ha salutato ieri sera la proclamazione dei vincitori del premio Velista dell’Anno FIV che è stato assegnato a Ruggero Tita (CC Aniene) e Caterina Banti (CC Aniene), per la vittoria al Campionato Europeo e la medaglia di bronzo al Campionato del Mondo nella classe Nacra 17. Francesco Ettorre, presidente della Federazione Italiana Vela, ha consegnato ai vincitori un’opera dello scultore velista Guido Armeni, raffigurante due vele realizzate in acciaio lucido e porcellanato.
Ruggero Tita: “Il 2017 è partito in salita ma poi devo dire che abbiamo trovato una sintonia particolare e mai me lo sarei aspettato perché non era una cosa facile. E’ stato un anno di transizione, di cambiamento, soprattutto per me che dal monoscafo sono passato al multiscafo con i foil, che è in continua evoluzione e impariamo cose nuove ad ogni uscita. Questo ti trasmette moltissima voglia di fare e non ci sono giornata ripetitive, c’è sempre voglia di navigare: questa è stata e sarà la nostra forza nei prossimi mesi e anni.”
Caterina Banti: “Io sono andata per gli scorsi tre anni sul Nacra senza foil, con due timonieri diversi, ma solo adesso sento di aver trovato la persona giusta. Con Ruggi ci siamo trovati subito e si è visto dai risultati che abbiamo conquistato insieme, abbiamo sempre lavorato molto bene. L’obiettivo della stagione è fare bene ad Aarhus, su cui abbiamo lavorato con Ganga Bruni, il nostro allenatore, per cui ancora lavoreremo con lui e la nostra squadra italiana con Vittorio Bissaro e Maelle Frascari, e quindi sarà un lavoro di squadra per qualificare la Nazione.”

Una splendida serata romana quella del 12 marzo a Villa Miami, organizzata da Acciari Consulting con la Federazione Italiana Vela in veste di partner istituzionale, Mercedes Benz come partner tecnico e con il patrocinio e il supporto di Ucina Confindustria Nautica, e del Salone Nautico di Genova, dove sono stati consegnati gli Oscar Italiani della Vela alla presenza della stampa di settore e di alcuni degli attori principali del mondo nautico. Uno dei più bei momenti della serata è stato quello che ha visto salire sul palco oltre 40 atleti FIV, dalle classi giovanili alle squadre olimpiche, per essere premiati dalla Federazione Italiana Vela per aver conquistato almeno un podio internazionale. Ad accoglierli sul palco Alessandra Sensini, direttore tecnico vela giovanile e Vice Presidente CONI, Michele Marchesini, direttore tecnico FIV, il Vice Presidente FIV Alessandro Mei e il Presidente Francesco Ettorre:
“Vedere tutti gli atleti FIV che hanno vinto almeno una medaglia nel 2017 sul palco del Velista dell’Anno è stata una grande emozione e una bella dimostrazione del lavoro che svolgono ogni giorno. Adesso è una nostra grande responsabilità aiutarli, sostenerli e riuscire ad incanalare questa loro energia e che la loro voglia di emergere non trovi troppi ostacoli. Ho conosciuto tanti di loro e sono dei ragazzi con la testa, che rappresentano una grande promessa per il futuro.

Sono molto contento per Ruggero e Caterina, hanno affrontato una stagione importante in un anno di transizione perché il Nacra è passato ai foil, è una classe complicata. Questo premio è un riconoscimento importante per tutti quelli che fanno classi olimpiche, che è un percorso molto difficile.”
La XXIV edizione del Velista dell’Anno FIV ha premiato anche Claudia Rossi come miglior Armatore – Timoniere dell’Anno, il TP 52 Azzurra è salito sul gradino più alto del podio nella categoria Barca dell’Anno, nella categoria Club dell’Anno, premio istituito in collaborazione con la Lega Italiana Vela, il successo è andato al Circolo della Vela Bari.

Inoltre Alessandro Mei, Vice Presidente FIV, ha consegnato un riconoscimento a Stefano Longhi della veleria OLISAILS (Olimpic Sails) per aver realizzato oltre 3,500 vele tutte conformi ai Regolamenti di Classe secondo il sistema In House Certification (IHC) di World Sailing.

La cerimonia di premiazione de il Velista dell’Anno FIV è stata preceduta alle ore 18.00 da una novità assoluta nel format dell’evento: una tavola rotonda sulla Nuova America’s Cup alla quale hanno partecipato i protagonisti assoluti della prossima edizione:  Patrizio Bertelli, Max Sirena, Agostino Randazzo, presidente del Circolo della Vela Sicilia Yacht Club sfidante e Challenger of Record della 36a America’s Cup, Silvio Arrivabene, design production manager di Bella Mente Quantum Racing Association in rappresentanza del New York Yacht Club, challenger alla 36a edizione dell’America’s Cup, Laurent Esquier, responsabile di Challenger of Record 36 (COR 36) e Bruno Troublé, icona dell’America’s Cup, che ha vissuto per tre volte come skipper di sfidanti francesi e poi per 20 anni come responsabile dell’organizzazione media. Con loro Francesco Ettorre, Presidente FIV, e in veste di moderatori Alberto Acciari ideatore e organizzatore dell’evento nato nel 1991 con Rachele Vitello, dell’ufficio stampa FIV.

Leggi anche:

  1. GAETANO MURA ELETTO VELISTA DELL’ANNO 2017 A SANTA MARGHERITA LIGURE
  2. Fiv: cerimonia per il Velista dell’Anno
  3. APERTE LE VOTAZIONI PER IL VELISTA DELL’ANNO 2016
  4. North Sails vince il Premio Italia per la Vela 2015
  5. Velista dell’anno Tag Heuer: premiato Max Sirena

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=52800

Scritto da Redazione su mar 13 2018. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab