Home » News, Regate, Sport » GC32 Racing Tour: arrivano anche i kiwi

GC32 Racing Tour: arrivano anche i kiwi

RIVA DEL GARDA – Non importa la distanza… un secondo team dall’altra parte del mondo ha annunciato che parteciperà al circuito europeo GC32 Racing Tour, al debutto alla fine di maggio in acque italiane, a Riva del Garda.

Il neozelandese Simon Hull e il suo Frank Racing conoscono bene il multiscafi ad alte prestazioni visto che negli ultimi nove anni hanno navigato a bordo del trimarano ORMA 60 che con il nome di Géant e sotto la guida del francese  Michel Desjoyeaux conquistò le due transatlantiche in solitario per eccellenza: la Route du Rhum e The Transat. Subito dopo l’acquisizione la bacheca di Simon Hull si è arricchita di nuovi trofei, conquistati in regate come la New Zealand Coastal Classic, e ha stabilito nuovi record come quello fra le Fiji e Noumea, prendendo parte anche a eventi australiani come ad Airlie Beach e Hamilton Island.

Hull dice che ha seguito con estremo interesse l’evoluzione dei catamarani della Coppa America diventati completamente foiler e, per la sua passione per le nuove tecnologie nella vela ha sperimentato il foiling in prima persona: “Mi piace la velocità e per me il foiling è un’evoluzione naturale, un buon modo per imparare.”

Progettato da Martin Fischer, ora coordinatore del design del Challenger of Record per la 36ma Coppa America Luna Rossa, il GC32 si adatta perfettamente alle esigenze di Hull essendo pensato per  gli owner-driver, con vele morbide tradizionali in luogo delle ali rigide, nessun sistema idraulico, nessun ciclista e la possibilità di un facile trasporto. Un mezzo che è comunque in grado di esprimere velocità di punta superiori ai 30 nodi e di volare con meno di 10 nodi di vento. “Sono delle piccole barche bellissime, su cui si può navigare con l’esperienza. E’ un po’ di tempo che navigo solo su derive o su grandi multiscafi… non sono certo barche asciutte, ma per il GC32 ti devi mettere la  cerata stagna…”.

Per Hull e Frank Racing il GC32 Racing Tour inizierà in bellezza, con la partecipazione alla prima, storica, edizione del Mondiale GC32 dal 23 al 27 maggio prossimi in una delle capitali della vela, Riva del Garda. Con una flotta intorno alle venti barche, il campionato costituirà il più affollato evento della classe dei catamarani monotipo e Hull non ha problemi ad ammettere che non sarà una sfida semplice: “Il Mondiale sarà tosto dato il numero di barche e con le partenze al lasco…”

Hull resterà in Europa per prendere parte anche al GC32 Racing Tour che permetterà al suo team di visitare alcune delle più belle località per la vela. Il Mondiale a Riva del Garda, ad esempio. “Sembra un luogo magnifico con tanto vento e poca onda… sarà molto divertente.” Dice il neozelandese.

Poiché la Nuova Zelanda lo scorso anno ha vinto la Coppa America proprio su dei catamarani foiling, non sarà un problema trovare bravi velisti da multiscafo per il suo Frank Racing. Uno è suo figlio Harry, e ci saranno anche Guy Endean, Stu Dodson e Josh Salthouse, che provengono tutti da famiglie mondo note nel mondo della vela kiwi. Dodson non potrà fare parte del team al Mondiale, essendo a bordo di Oman Air e sarà rimpiazzato dall’esperto di match-racing neozelandese Will Tiller.

Frank Racing potrà anche essere uno dei nuovi arrivati nel circuito GC32 Racing Tour, ma senza dubbio può contare su velisti che hanno già maturato due anni di esperienza nella classe GC32. Hull ha portato il suo GC32 nel Queensland, in Australia, dove ha partecipato a una edizione molto dura dell’evento di Airlie Beach, con oltre 30 nodi di vento e una corrente di 4-5 nodi, che dice hanno messo a dura prova sia la barca che gli uomini. Il che non ha fermato Hull e il suo equipaggio, che si sono poi cimentati nelle condizioni perfette della Hamilton Island Race Week, dove si sono aggiudicati il titolo di campioni Australiani di Multiscafi.

Prendendo parte al GC32 Racing Tour, Hull spera di migliorare e imparare ancora qualcosa sui catamarani volanti. “Anche solo rivedere tutte le routine di bordo e le manovre è molto utile. Cerchiamo sempre di affinare le nostre capacita e di migliorare, trovando nuovi e migliori modi di fare le cose. E poi ci sono eventi in località molto belle, quindi per noi è una buona scusa per venire in Europa durante l’inverno (australe) e regatare in luoghi diversi. Non ho mai regatato in Europa…”

Nel 2018 il GC32 Racing Tour visiterà Villasimius in Sardegna, non lontano dalla base di Luna Rossa di Cagliari, Palma di Maiorca per la Copa del Rey MAFPRE, l’evento multi-classe più famoso e numeroso del Mediterraneo, oltre a Lagos nell’Algarve portoghese e Tolone, sulla costa francese.

Leggi anche:

  1. Lagos completa il calendario del GC32 Racing Tour 2018
  2. A Tolone il gran finale del GC32 Racing Tour 2018
  3. Annunciato il calendario e il primo iscritto del GC32 Racing Tour 2018
  4. Debutta a Palma il nuovo team australiano del GC32 Racing Tour
  5. Il GC32 Racing Tour sbarca in Sardegna

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=53449

Scritto da Redazione su apr 13 2018. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab