Home » News, Regate, Sport » Volvo Ocean Race: prime 24 ore nella nebbia, Dongfeng Race Team guida la carica

Volvo Ocean Race: prime 24 ore nella nebbia, Dongfeng Race Team guida la carica

ALICANTE – C’è già un primo split nel gruppo di testa. Dongfeng Race Team è stata la prima barca a strambare, poco prima delle 15, mentre gli arci-rivali di MAPFRE continuano con il resto della flotta su una rotta sud-est.
E’ stata una prima notte complicata soprattutto dalla presenza di una fitta nebbia, comune nell’area di Nantucket. Così ha descritto la situazione in un tweet Liz Wardley da bordo di Turn the Tide on Plastic: “E’ la prima volta da quando siamo partiti da Newport che si riesce a vedere a più di 50 metri per la nebbia! Una prima notte folle, ma ora stiamo entrando nel ritmo.”

Il team guidato da Dee Caffari è stato il primo a strambare verso nord, ma si è trattato di una mossa obbligata più che tattica, a causa di un ritardo accumulato per la penalità subita nelle primissime fasi della tappa. “La notizia negativa è che abbiamo dovuto strambare per primi, perché il salto di vento è arrivato con la bassa pressione.” Ha scritto la skipper nel suo blog dall’oceano. “Adesso stiamo navigando mure a sinistra con vento più leggero degli altri e ci avviciniamo al limite della ice exclusion zone (la zona di esclusione dei ghiacci), speriamo di non avere un passo più lento degli avversari.”

In Italia, dove è tornata per una breve pausa, Francesca Clapcich ha commentato così questo primo giorno della nona tappa: “Purtroppo non sono in barca… purtroppo perché passo ore a controllare il tracking della regata e a vedere cosa stanno facendo i ragazzi di Turn the Tide on Plastic! Siamo stati i primi ad aver strambato per dirigerci piú a nord. La partenza da Newport non é stata delle migliori e questa scelta sará sicuramente dettata dal fatto di cercare una strategia diversa. Dongfeng e MAPFRE sono i leader al momento e hanno passato Brunel che aveva fatto una grande partenza. Ma la tappa é ancora molto aperta e ci sono ancora tante miglia per giocarsela!”

In testa alla flotta restano i dubbi e quasi tutti sembrano aver adottato una tattica di controllo, con le prime tre barche della classifica generale che occupano le prime tre posizioni. Dongfeng Race Team ha dato battaglia fin dalla partenza e stanno imponendo un ritmo altissimo, mentre Team Brunel, con il friulano Alberto Bolzan e che aveva preso il ruolo di battistrada nell’uscita dalla baia di Newport, è caduto un po’ indietro in una tappa che lo skipper  Bouwe Bekking hai leader della classifica generale, gli spagnoli di MAPRE, guida il gruppetto di barche che si dirigono ancora a sud-est nel tentativo di rimanere nell’aria più intensa.

“Siamo felici di essere tornati in regata e per ora stiamo andando bene.” Ha detto l’iberico Pablo Arrarte in un collegamento da MAPFRE questa mattina. “Siamo veloci, dobbiamo restare concentrati e non prendere decisioni sbagliate. Dongfeng ha fatto un buon lavoro finora ed è molto veloce. Sono un po’ di miglia avanti, ma c’è ancora tanta strada da fare. Presto dovremo strambare e quello sarà il momento cruciale, speriamo di recuperare qualche miglio.”

Leggi anche:

  1. Volvo Ocean Race: Team Alvimedica guida la carica verso casa
  2. Volvo Ocean Race: Dongfeng Race Team a Itajaì, inizia un’altra corsa contro il tempo
  3. Volvo Ocean Race: Abu Dhabi guida la flotta, Team SCA doppia Capo Horn e Dongfeng si ritira
  4. Volvo Ocean Race: primo giorno, la battaglia è iniziata e Telefónica guida la carica
  5. Volvo Ocean Race: Groupama guida la carica, vicini alla tempesta tropicale

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=54271

Scritto da Redazione su mag 22 2018. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab